MIN Wild
2
NAS Predators
5
2. tempo
(0-3 : 2-2)
CHI Blackhawks
1
Detroit Red Wings
4
2. tempo
(1-1 : 0-3)
l-onu-i-profughi-palestinesi-e-quel-silenzio-di-cassis
Ignazio Cassis (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Canton Svitto, 43enne perde la vita in montagna

Il cadavere dell’uomo, deceduto dopo essere precipitato per 70 metri, è stato trovato oggi da due escursionisti
Svizzera
8 ore

Violenza a Zurigo: due giovani accoltellati

Hanno 18 e 19 anni le vittime delle due risse scoppiate ieri nel Canton Zurigo. In manette ci sono finiti 10 ragazzi, di età compresa fra 14 e 23 anni
Svizzera
9 ore

Zurigo, la polizia interrompe un raduno illegale d’auto truccate

Le autorità hanno controllato 160 veicoli a Dübendorf. Dodici le persone denunciate per modifiche non autorizzate alle proprie vetture
Svizzera
11 ore

Terza dose: ‘Swissmedic è tutt’altro che lenta’

Raimund Bruhin, direttore di Swissmedic, risponde alle accuse: ‘Sono i produttori di vaccini che decidono quando e dove presentare le domande, non noi’
Svizzera
13 ore

Cifre in rosso per gli ospedali svizzeri

Il 72% delle strutture per cure acute non è riuscito a chiudere il 2020 in pareggio per la pandemia. Danni finanziari stimati a 1,5 milioni di franchi
Svizzera
14 ore

Il settore del turismo dice ‘sì’ alla Legge Covid-19

Per il presidente della Federazione svizzera del turismo, la fine del certificato Covid, che garantisce la libertà di viaggio, ‘sarebbe fatale’
Svizzera
14 ore

Nez Rouge: quest’anno attive solo 10 sezioni, Ticino compreso

La pandemia e le misure sanitarie hanno indotto circa la metà delle sezioni regionali a rinunciare all’attività per le festività natalizie
Svizzera
16 ore

‘Nel 2022 potremmo dover tornare al lavoro ridotto’

A dirlo è il presidente della Confederazione Guy Parmelin. A preoccuparlo non il Covid ma la difficoltà d’approvvigionamento di materiali per le aziende
Svizzera
1 gior

A Berna grande corteo di oppositori alle restrizioni Covid

La manifestazione è autorizzata. Finora non ci sono stati incidenti degni di nota
Svizzera
1 gior

Esercito, ammessi errori nei costi per l’informatica

Le stime per le spese sono arrivate “troppo tardi”, quando il budget era già stato fissato
Svizzera
1 gior

A Basilea apre oggi la 550esima Fiera d’autunno

Per due settimane, sette diverse piazze del centro città e un padiglione fieristico si riempiranno di stand e giostre
Svizzera
1 gior

UDC: “no” a iniziative cure infermieristiche e giustizia

Così hanno deciso i delegati democentristi riuniti oggi in assemblea a Montricher
Svizzera
2 gior

Migliaia di persone in piazza per il clima

Circa 3’500 a Berna, 2’000 a Ginevra, a una settimana dalla Conferenza mondiale di Glasgow
Svizzera
2 gior

Tentò di uccidere l’ex, condannato a 4 anni e mezzo

A Neuchâtel l’uomo strangolò la vittima e la accoltellò al torace, lei si salvò per miracolo
Svizzera
2 gior

Rilanciata in Parlamento l’uccisione preventiva del lupo

Nuovo tentativo su iniziativa della commissione degli Stati. L’idea: replicare il modello della regolazione degli effettivi degli stambecchi
Svizzera
2 gior

Mantenere gli obiettivi anche dopo il no alla legge sul CO2

La Commissione ambiente del Consiglio degli Stati si allinea al Consiglio nazionale
Svizzera
25.01.2021 - 18:510
Aggiornamento : 19:11

L’Onu, i profughi palestinesi e quel silenzio di Cassis

Un’inchiesta pare scagionare l'ex capo dell'Unrwa, il ginevrino Krähenbühl. 54 ticinesi condannano la mancata presa di posizione del Consigliere federale

“L’Onu scagiona l’ex capo dell’Unrwa. La Svizzera tace”. A titolare così qualche giorno fa è stata la sempre compassata agenzia di stampa svizzera Ats; tema del dispaccio: l’esito dell’inchiesta Onu a carico dell’Agenzia per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi (Unrwa) e soprattutto del suo ex direttore, il ginevrino Pierre Krähenbühl. Un esito – e un silenzio – che ora rischiano di mettere in imbarazzo il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) Ignazio Cassis.

La storia è tanto nota quanto controversa: Krähenbühl fu costretto a dimettersi nel novembre del 2019, dopo che un primo rapporto lo accusava di malagestione e nepotismo e ne contestava una relazione poco chiara con una consulente per il fundraising, attività fondamentale per l’agenzia che dal 1949 si occupa di supportare i profughi palestinesi. Di fronte ai sospetti la Svizzera aveva deciso di sospendere temporaneamente i pagamenti all’agenzia (poi ripresi sotto la direzione di un altro svizzero, Philippe Lazzarini).

Ma stando a quanto emerso a partire da dicembre su diversi organi di stampa, le accuse si sarebbero rivelate sostanzialmente infondate: niente prove di ‘relazioni pericolose’; “già a novembre – così l’Ats – il Segretario generale dell’Onu Antonio Guterres avrebbe comunicato che non si sono riscontrati casi di frode o malversazione”. Certo, lo stesso Krähenbühl aveva ammesso lacune nei processi di gestione e reclutamento dell’agenzia, ma il fatto che l’inchiesta sembri sfumata in nulla solleva un sospetto: non sarà stata una trappola per screditare un’agenzia poco amata tanto dagli Usa di Donald Trump – che ne tagliò drasticamente i fondi – quanto da Israele?

Dubbi sul ruolo dell’Unrwa erano stati sollevati nel 2018 dallo stesso Cassis, che aveva detto ai media: i profughi “sognano di ritornare in Palestina. Nel frattempo, nel mondo non ci sono più 700mila rifugiati palestinesi (come nel 1948, ndr), ma 5 milioni. È irrealistico immaginare un ritorno per tutti. Per me, l’interrogativo che si pone è: l’Unrwa fa parte della soluzione o del problema?”

Ora un gruppo di cittadini ticinesi – coordinati dal docente Franco Losa – sollecita da Cassis una presa di posizione esplicita sull’esito dell’indagine, nonostante il Dfae abbia già detto che la questione riguarda semmai l’Onu. Tra i 54 firmatari nomi celebri del panorama politico locale quali l’oncologo Franco Cavalli (ForumAlternativo) e l’ex sindaco di Locarno Diego Scacchi, ma anche un giurista come Marco Mona. Giudicano “grave” il silenzio di Cassis sulla vicenda, tanto per il ruolo della Svizzera nel mondo quanto per l’onore dello stesso Krähenbühl. Il documento di sintesi allegato al messaggio denuncia una polemica “costruita ad arte per attaccare, sul piano della credibilità personale, una persona che ha avuto il coraggio e il merito di operare per difendere i diritti dei profughi palestinesi”: si ricorda come fu proprio Krähenbühl a potenziare la raccolta fondi per compensare la perdita del supporto americano. Amara conclusione: “Dopo l’attacco economico all’Agenzia, quello politico e quello sul piano personale al suo Commissario Generale, anche il proprio Ministro e il proprio Paese hanno abbandonato” Krähenbühl e lo hanno “‘pugnalato’ alle spalle senza attendere le conclusioni dell’inchiesta a suo carico”. Di seguito riportiamo il testo integrale della lettera a Cassis.

LA LETTERA

Una reticenza ‘deplorevole’

Onorevole Consigliere federale,

grazie alla trasmissione ‘Temps présent’ su Rts Un di giovedì 17 dicembre dello scorso anno, relativa all’inchiesta dell’ONU sull’operato di Pierre Krähenbühl (...)

(...) nell’ambito dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel Vicino Oriente (Unrwa), siamo venuti a conoscenza delle conclusioni del Rapporto d’inchiesta dell’Onu a carico del Signor Krähenbühl. Come emerso dalla citata trasmissione della Rts, il Rapporto, a seguito dell’inchiesta dell’Onu, è stato trasmesso al Suo dipartimento nell’estate del 2020.

Tale rapporto avrebbe dovuto essere inviato tempestivamente ai Consiglieri agli Stati e Nazionali e una Sua presa di posizione in qualità di Capo del Dipartimento degli Affari Esteri avrebbe dovuto essere, a nostro avviso, resa pubblica. Ciò, finora, non è avvenuto. Riteniamo che questo fatto sia grave. In gioco c’era e c’è la posizione della Svizzera e il suo ruolo di neutralità oltre all’onorabilità gravemente lesa del più alto funzionario della Confederazione presso l’Onu che è stato costretto, sulla base di accuse sostanzialmente infondate, a dimettersi.

Senza pretendere di conoscere approfonditamente tutti i risvolti della vicenda Krähenbühl, e gli eventuali problemi di “governance” e gestione interni all’Organizzazione, riteniamo deplorevole che la Svizzera, il Consiglio Federale e, in particolare, il Suo Dipartimento, non abbiano finora diffuso, come la prassi prevede, le conclusioni del Rapporto Onu a seguito dell’inchiesta sull’operato di Pierre Krähenbühl.
 Tutta la vicenda, oltre ad aver minato alle basi l’Agenzia che si batte a favore dei rifugiati palestinesi, arrischia di rendere vani gli sforzi delle Nazioni Unite per i pochi Diritti Umani ancora riconosciuti nella regione oltre che dare un’immagine negativa su come un Capo di Dipartimento tratta uno dei più prestigiosi diplomatici svizzeri.

Gradisca, Egregio Consigliere federale, i nostri più distinti saluti.

Franco Losa e altri 53 firmatari

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved