covid-19mila-persone-hanno-rinviato-un-operazione-medica
L'emergenza dovrebbe rientrare non prima del 10 febbraio secondo la Task Force nazionale (Ti-Press)
21.01.2021 - 09:36
Aggiornamento: 19:49
di Ats/Red

Covid, 19mila persone hanno rinviato un'operazione medica

A causa della seconda ondata i reparti di terapia intensiva sono oltre i limiti e gli ospedali hanno messo a disposizione più letti non certificati

Dallo scorso mese di novembre in Svizzera sono circa 19mila le persone che hanno dovuto rinviare un'operazione medica a causa della seconda ondata pandemica. I reparti di terapia intensiva hanno infatti raggiunto i loro limiti e non dovrebbero tornare alla normalità prima del 10 febbraio. Le unità di cure intensive trattano in genere circa 600 pazienti, ma da novembre questa media è stata superata fino a raggiungere quota 865, indica la task force Covid-19 della Confederazione in un rapporto pubblicato ieri.


È stato così è stato oltrepassato il numero di letti per terapia intensiva certificati con una qualità di cure garantita. Per far fronte al crescente numero di malati, gli ospedali hanno messo a disposizione ulteriori letti non certificati, tanto che la Svizzera dispone attualmente di circa 1'400 posti in questo ambito. Storicamente non è stato dimostrato che i reparti di terapia intensiva possano far fronte a un tasso di occupazione così elevato. Secondo le conclusioni del rapporto, gli ospedali operano al limite delle loro capacità da diversi mesi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
19mila persone covid operazione medica seconda ondata terapia intensiva
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved