ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale

Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
7 ore

Impressum chiede aumenti salariali nei media

Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
8 ore

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
9 ore

Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino

In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
10 ore

Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera

Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
10 ore

Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse

L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
11 ore

Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico

Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
13 ore

Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
21 ore

È corsa ai gadget per il risparmio energetico

In Svizzera è boom di vendite per misuratori di energia, timer, ciabatte con interruttori, soffioni doccia a risparmio idrico e candele
Svizzera
1 gior

Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci

Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
1 gior

Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs

K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
1 gior

‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’

Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
1 gior

Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia

L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
Svizzera
1 gior

Non ci sarà recessione, ma una crescita del Pil più lenta

Lo indicano le previsioni del Kof, che rivede al ribasso la progressione del Prodotto interno lordo
Svizzera
1 gior

La Città di Zurigo ‘congela’ la cannabis legale

Decisione inevitabile in attesa dell’approvazione definitiva del progetto da parte di Berna. Il tutto slitta alla prima metà del 2023
Svizzera
1 gior

La distribuzione di eroina in forma agevolata proseguirà

Le persone stabili dal punto di vista sociosanitario potranno continuare a portare le dosi in compresse a casa anziché recarsi giornalmente nei centri
Svizzera
1 gior

Grigioni, passo avanti per il centro Sup

La commissione preparatoria del Gran Consiglio retico avalla il progetto per la costruzione della nuova Scuola universitaria professionale
20.01.2021 - 14:12
Aggiornamento: 15:24

Il Consiglio federale: privatizzare Postfinance

Secondo il Consiglio federale la Posta Svizzera dovrebbe cedere la quota maggioritaria di partecipazione

il-consiglio-federale-privatizzare-postfinance
(Keystone)

L'ingresso di PostFinance sul mercato creditizio e ipotecario, come previsto da un progetto governativo, dovrà essere accompagnato dalla cessione della partecipazione maggioritaria della Posta (e quindi della Confederazione) a PostFinance, che diventerebbe così una vera e propria banca commerciale.

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale dopo aver valutato i risultati della consultazione sul progetto di "revisione parziale della legge sull'organizzazione della Posta (LPO)".

La privatizzazione di PostFinance significa lo scorporo dal gruppo Posta. L'attuale interdipendenza e collaborazione tra PostFinance e le altre società del gruppo per la fornitura del servizio universale con prestazioni del servizio postale e del traffico dei pagamenti devono essere di conseguenza adeguate.

Ciò presuppone, stando a una nota governativa odierna, una revisione delle disposizioni sul servizio universale incluse nella legge sulle poste (LPO). Il Consiglio federale ha quindi incaricato il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) di elaborare nel corso dell'anno, d'intesa con il Dipartimento federale delle finanze (DFF), proposte concrete volte a sviluppare ulteriormente il servizio universale nei settori dei servizi postali e del traffico dei pagamenti.

Necessario agire

La decisione dell'esecutivo si basa sull'esame dei pareri pervenuti da cui risulta che PostFinance e la Posta Svizzera si trovano a dover affrontare grandi sfide. All'epoca della presentazione del progetto, ossia nel giugno scorso, la Consigliera federale Simonetta Sommaruga - a capo del DATEC - aveva già parlato di privatizzazione parziale, affinché PostFinance potesse accrescere i propri benefici, messi a dura prova dai tassi di interesse molto bassi, a vantaggio del servizio universale della Posta, le cui entrate sono in costante erosione.

Seppur d'accordo col bisogno di agire, le parti interessate sono del parere che il progetto non sia sufficientemente approfondito ed equilibrato. Sono state espresse, tra l'altro, perplessità rilevanti circa la costituzionalità, la neutralità della concorrenza, il federalismo e la stabilità del mercato finanziario, tutte riflessioni in rapporto col controllo statale (indiretto) su PostFinance.

Verso la privatizzazione

Il Consiglio federale ha quindi stabilito che, oltre alla disposizione che vieta a PostFinance di operare sul mercato creditizio e ipotecario, deve essere revocata anche la prescrizione della LPO secondo cui la Posta Svizzera deve detenere la maggioranza del capitale e dei voti di PostFinance.

A detta dell'esecutivo, ciò consentirebbe di sviluppare ulteriormente PostFinance e di trasformarla in una vera e propria banca commerciale orientata alla clientela svizzera.

"Too big to fail"

Oltre allo scorporo dal gruppo Posta, il governo ha deciso di aggiungere al proprio progetto una disposizione che permetta alla Confederazione di sostenere la Posta nell'attuazione della legislazione "too big to fail".

Considerata un istituto finanziario di rilevanza sistemica, PostFinance è tenuta a soddisfare severi requisiti patrimoniali. A seguito del loro minore rendimento, la Posta e PostFinance non sono in grado di fornire integralmente, in modo autonomo e nei tempi debiti i fondi propri supplementari richiesti dalla FINMA. Di conseguenza, in qualità di proprietaria (indiretta) di PostFinance, in caso di fallimento la Confederazione deve assicurare la copertura della carenza restante nei fondi propri. Questa garanzia deve essere limitata nel tempo e nell'importo nonché corrisposta alle usuali condizioni di mercato.

Precedenti poco incoraggianti

Come ricordato, nel illustrare il progetto lo scorso giugno, Simonetta Sommaruga aveva già ventilato l'idea di una privatizzazione parziale di PostFinance, sull'esempio di quanto accaduto con Swisscom, e ciò per consentirle di concedere crediti e ipoteche.

La responsabile del DATEC aveva fatto notare che gli utili di PostFinance finanziano anche il servizio universale della Posta cui gli Svizzeri tengono particolarmente, ora però a rischio poiché le entrate di PostFinance, a causa dei bassi tassi d'interesse, sono in flessione costante. Insomma, aveva dichiarato Sommaruga, "l'azienda ha bisogno di soldi".

Da qui l'idea di consentire all'affiliata della Posta svizzera la possibilità di concedere crediti e ipoteche (attività già permessa eccezionalmente per quanto attiene alla distribuzione di crediti Covid-19 alle aziende in difficoltà a causa del coronavirus, n.d.r), attività attualmente vietata dalla legge sull'organizzazione della Posta. Nelle intenzioni del governo, PostFinance non dovrebbe detenere più del 5% del mercato delle ipoteche e sarebbe obbligata a destinare una quota dei suoi finanziamenti a progetti volti a ridurre le emissioni di gas serra.

Nel 2018, un progetto del Consiglio federale con il quale si voleva autorizzare PostFinance a concedere autonomamente ipoteche e prestiti era stato accolto con riserve dai partiti. La possibilità, avanzata dal governo, di prevedere un'apertura dell'azionariato era piaciuta ai partiti borghesi, ma non a PS e sindacati.

All'epoca l'UDC aveva respinto l'ingresso di PostFinance sul mercato dei crediti ipotecari. In caso contrario, però, chiedeva la privatizzazione della nuova banca postale e nessuna garanzia statale.

L'opposizione era venuta anche dalle "banche domestiche". Esse temevano che la revoca del divieto avrebbe scalzato dal mercato soprattutto i piccoli istituti regionali.

Un attore importante

PostFinance è una società affiliata al 100% della Posta Svizzera SA, che a sua volta appartiene interamente alla Confederazione. Con quasi 3 milioni di clienti e un patrimonio della clientela pari a circa 120 miliardi di franchi, PostFinance è uno dei maggiori istituti finanziari della Svizzera.

Grazie alla sua solida posizione nel settore delle operazioni di deposito in Svizzera e nel settore del traffico dei pagamenti, l'azienda è considerata una banca di rilevanza sistemica. Essa adempie inoltre il mandato conferito dalla legge relativo al servizio universale nel settore del traffico dei pagamenti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved