importa-carne-e-non-paga-dazi-fermato-era-terzo-tentativo
(Keystone)
Ginevra
19.01.2021 - 19:400

Importa carne e non paga dazi, fermato: era terzo tentativo

Fermato due volte al confine in auto con circa 20 kg di carne non dichiarati, multato, prende un bus pubblico: fermato in Svizzera recidivo del contrabbando

Multato due volte di seguito a due diversi valichi di frontiera tra la Francia e la regione ginevrina per aver tentato di passare illegalmente circa 20 chili di carne, un uomo ha perseverato ed è stato poi fermato con la merce in Svizzera. Si tratta di un contrabbandiere recidivo.

Tre tentativi di attraversamento del confine nel medesimo giorno per importare illegalmente merce è un fatto raro, ha indicato all'agenzia Keystone-ATS Donatella Del Vecchio, portavoce dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD) per la Svizzera romanda.

La rocambolesca vicenda è iniziata sabato verso mezzogiorno al posto doganale di Mategnin (GE) dove un controllo puntuale ha consentito di scoprire 19,8 chili di carne in un veicolo. Il conducente, un Portoghese di 50 anni, e il suo passeggero, un connazionale di 44, entrambi domiciliati in Svizzera non avevano dichiarato la merce.

Al passeggero, al quale apparteneva la carne, è stata inflitta una multa. Non volendo pagare i dazi doganali per importare la merce in Svizzera, l'uomo è ritornato in Francia con la carne, accompagnato dal conducente.

Ma, 45 minuti più tardi, i due hanno tentato di riattraversare il confine a Ferney-Voltaire, dogana situata non molto lontano da Mategnin, con il loro carico di carne. Anche in questo caso il passeggero si è rifiutato di pagare i dazi doganali ed è ripartito alla volta della Francia assieme al conducente.

Ma i due hanno perseverato nel loro obiettivo di far passare la carne in Svizzera. Il passeggero questa volta ha preso un autobus dei trasporti pubblici per attraversare il confine. Ha poi ritrovato il suo connazionale, che aveva varcato la frontiera da solo, al posto doganale di Mategnin, dove erano già stati controllati. Sono quindi stati fermati in territorio svizzero da una pattuglia dell'AFD.

Il proprietario della carne è stato nuovamente multato e la merce gli è stata sequestrata. L'uomo era già stato fermato nel novembre scorso per fatti simili. Allora la multa era ammontata a oltre un migliaio di franchi. L'AFD non ha invece precisato l'importo delle multe che gli sono state inflitte sabato.

© Regiopress, All rights reserved