task-force-la-chiusura-dei-confini-per-ora-non-e-prevista
Nora Kronig, vicedirettrice dell'UFSP e responsabile dei contatti internazionali (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
8 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
10 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
11 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
12 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
12 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
13 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
14 ore

Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio

Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
14 ore

Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023

Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
16 ore

Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi

Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
17 ore

Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’

Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
17 ore

Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni

Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
19.01.2021 - 18:03
Aggiornamento : 19:18

Task-force: la chiusura dei confini per ora non è prevista

Si valuta se ridurre arrivi da altri Paesi ma non è allo studio una chiusura con gli Stati vicini. 110'000 persone già vaccinate. 'Testare asintomatici'

Le cifre riguardanti la pandemia sono incoraggianti, ma i numeri sono ancora troppo elevati per cantare vittoria. Lo ha affermato oggi Virginie Masserey dell'Ufficio federale della sanità pubblica nel consueto incontro con i media. Finora, inoltre, sono state vaccinate in Svizzera circa 110 mila persone.

A tale riguardo Nora Kronig, vicedirettrice dell'UFSP e responsabile dei contatti internazionali, ha precisato che si tratta di cifre ancora provvisorie e che si sta lavorando con i Cantoni affinché si possano nei prossimi giorni ottenere numeri certi.

In merito ai vaccini, nonostante le restrizioni nelle forniture annunciate da Pfizer ("si tratta di un rallentamento, non di uno stop, che tocca tutti i Paesi") a causa di problemi in uno stabilimento, la Svizzera dovrebbe ricevere le dosi promesse. Per febbraio sono previste un milione di dosi, che si aggiungono al mezzo milione di gennaio. Ieri, tuttavia, la Svizzera ha ricevuto poco più della metà delle dosi previste, ha aggiunto Kronig.

Variante inglese, stare all'erta

Per quanto attiene alla situazione pandemica, Virginie Masserey ha sottolineato che il numero di decessi e di nuove infezioni sono al ribasso, ma ancora ad un livello troppo elevato. Il tasso di riproduzione globale si è attestato allo 0,8%, con tuttavia differenze regionali: 13 Cantoni hanno un tasso che oscilla attorno all'1%.

A preoccupare, ha sottolineato, sono le nuove mutazioni del virus (388 casi), specie quella britannica (243 del totale) e sudafricana (molto meno presente). La percentuale delle variante britannica è al 4%, ma si tratta di una situazione che risale a una decina di giorni fa: al momento dovrebbe attestarsi al 10%, ha puntualizzato.

Poiché il virus britannico è da 50 a 70 volte più contagioso, è importante eseguire un maggior numero di analisi di laboratorio per determinare la natura e adottare rapidamente misure restrittive spezzando in questo modo le catene di riproduzione. Si tratta, insomma, di guadagnare tempo anche per proseguire con le vaccinazioni sui soggetti a rischio, evitando così ulteriori infezioni e ricoveri.

Masserey ha poi sottolineato che, al momento, non sono pervenute segnalazioni di problemi particolari legati alla somministrazione dei vaccini. Gli effetti indesiderati vanno comunque segnalati.

Nessun provvedimento a frontiere

Per quanto riguarda ulteriori provvedimenti restrittivi, l'UFSP sta valutando se ridurre gli arrivi da altri Paesi, ma al momento non sono previsti inasprimenti alle frontiere con gli Stati vicini, come chiesto per esempio dal Ticino.

Stando a Nora Kronig, a livello di Stati Schengen non sono in corso discussioni simili, anche se un Paese è pur sempre libero di chiedere un test negativo a una soggetto che volesse varcare la frontiera.

Non è una gara tra Cantoni

Rudolf Hauri, medico cantonale di Zugo e presidente dell'omonima associazione nazionale, ha sottolineato che a livello di vaccinazioni vi sono ancora differenze tra Cantoni, ma che nelle prossime settimane il ritmo nell'amministrazione del vaccino dovrebbe equilibrarsi. Hauri ha sottolineato che non si tratta di una gara tra Cantoni a chi vaccina di più.

In merito all'evoluzione epidemiologica, stando ai numeri di può affermare che la popolazione si è comportata bene durante i giorni festivi (la temuta fiammata non c'è stata), ma che non bisogna mollare, specie alla luce della mutazioni del virus, molto più contagiose.

Fare più test

Per quanto attiene alle scuole, stando a Hauri le mutazioni del virus rappresentano una grossa sfida per i Cantoni. Sempre più istituti devono essere chiusi e gli allievi messi in quarantena, come accaduto in Ticino ma anche a Zugo. Alla luce di tutto ciò, a suo parere andrebbero eseguiti molti più test, anche sugli asintomatici.

Virginie Masserey ha aggiunto che l'UFSP sta esaminando la situazione. Oltre alle direttive in fatto di igiene, distanziamento e uso della mascherina, si potrebbe pensare a ridurre la densità degli scolari nelle classi.

Leggi anche:

Il Consiglio di Stato chiede a Berna misure alle frontiere

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiusura frontiere nora kronig rudolf hauri task-force virginie masserey
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved