task-force-la-chiusura-dei-confini-per-ora-non-e-prevista
Nora Kronig, vicedirettrice dell'UFSP e responsabile dei contatti internazionali (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Zurigo, manifestazioni non autorizzate. Interviene la polizia

Gli eventi erano legati alla giornata della donna. Il bilancio è di due arresti e nessun ferito
Svizzera
8 ore

Vallese, parapendista 35enne precipita e muore

L'incidente è avvenuto stamattina verso le 8.30. I soccorritori non hanno potuto far altro che constatare il decesso
Svizzera
8 ore

Basilea, tentata evasione dal centro penale di Muttenz

Un uomo ha sopraffatto una secondina e in seguito ha liberato altri tre detenuti. I quattro sono stati poi nuovamente rinchiusi
Svizzera
9 ore

Donna uccisa a Lione. Marito arrestato in Svizzera

La 30enne è morta dopo essere stata colpita con un martello. L'uomo è stato fermato ieri sera alle 23.15
Svizzera
9 ore

Coira, in 4'000 manifestano contro le misure restrittive

I dimostranti si sono riuniti attorno alle 13 sulla Quaderwiese, un prato a poche centina di metri dalla stazione
Svizzera
13 ore

Morto Alexander Klee

Il pittore e grafico, nipote dell'artista di fama mondiale Paul Klee, aveva 80 anni.
Svizzera
1 gior

Ping pong in vista in Parlamento sulla legge Covid

La commissione del Nazionale in disaccordo su diversi punti con i ‘senatori’. No all’aumento dal 70 all’80% della quota parte della Confederazione
Svizzera
1 gior

Coronavirus, tre quarti dei morti da inizio ottobre

Lo indica un rapporto odierno dell'Ufficio federale della sanità pubblica. Nel complesso sono deceduti più uomini che donne
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in Svizzera 1222 nuovi casi e 12 decessi

Il tasso di positività è del 3,85% mentre il tasso di riproduzione si attesta a 1,04. 61 persone sono state ricoverate in ospedale
Svizzera
1 gior

Coronavirus, test gratuiti per tutti in Svizzera

Il Consiglio federale cambia strategia. Presto cinque test fai da te per ogni persona. Costo dell’operazione: oltre un miliardo di franchi.
Svizzera
1 gior

La Svizzera ricorda le vittime del Covid con 1' di silenzio

Con un minuto di silenzio e i rintocchi delle campane sono state commemorate sul mezzogiorno le oltre 9'300 vittime del coronavirus
Svizzera
1 gior

Export armi, ecco il controprogetto del governo

Il Consiglio federale giudica troppo rigida l’Iniziativa correttiva e propone di ancorare in una legge i criteri di autorizzazione.
Svizzera
19.01.2021 - 18:030
Aggiornamento : 19:18

Task-force: la chiusura dei confini per ora non è prevista

Si valuta se ridurre arrivi da altri Paesi ma non è allo studio una chiusura con gli Stati vicini. 110'000 persone già vaccinate. 'Testare asintomatici'

Le cifre riguardanti la pandemia sono incoraggianti, ma i numeri sono ancora troppo elevati per cantare vittoria. Lo ha affermato oggi Virginie Masserey dell'Ufficio federale della sanità pubblica nel consueto incontro con i media. Finora, inoltre, sono state vaccinate in Svizzera circa 110 mila persone.

A tale riguardo Nora Kronig, vicedirettrice dell'UFSP e responsabile dei contatti internazionali, ha precisato che si tratta di cifre ancora provvisorie e che si sta lavorando con i Cantoni affinché si possano nei prossimi giorni ottenere numeri certi.

In merito ai vaccini, nonostante le restrizioni nelle forniture annunciate da Pfizer ("si tratta di un rallentamento, non di uno stop, che tocca tutti i Paesi") a causa di problemi in uno stabilimento, la Svizzera dovrebbe ricevere le dosi promesse. Per febbraio sono previste un milione di dosi, che si aggiungono al mezzo milione di gennaio. Ieri, tuttavia, la Svizzera ha ricevuto poco più della metà delle dosi previste, ha aggiunto Kronig.

Variante inglese, stare all'erta

Per quanto attiene alla situazione pandemica, Virginie Masserey ha sottolineato che il numero di decessi e di nuove infezioni sono al ribasso, ma ancora ad un livello troppo elevato. Il tasso di riproduzione globale si è attestato allo 0,8%, con tuttavia differenze regionali: 13 Cantoni hanno un tasso che oscilla attorno all'1%.

A preoccupare, ha sottolineato, sono le nuove mutazioni del virus (388 casi), specie quella britannica (243 del totale) e sudafricana (molto meno presente). La percentuale delle variante britannica è al 4%, ma si tratta di una situazione che risale a una decina di giorni fa: al momento dovrebbe attestarsi al 10%, ha puntualizzato.

Poiché il virus britannico è da 50 a 70 volte più contagioso, è importante eseguire un maggior numero di analisi di laboratorio per determinare la natura e adottare rapidamente misure restrittive spezzando in questo modo le catene di riproduzione. Si tratta, insomma, di guadagnare tempo anche per proseguire con le vaccinazioni sui soggetti a rischio, evitando così ulteriori infezioni e ricoveri.

Masserey ha poi sottolineato che, al momento, non sono pervenute segnalazioni di problemi particolari legati alla somministrazione dei vaccini. Gli effetti indesiderati vanno comunque segnalati.

Nessun provvedimento a frontiere

Per quanto riguarda ulteriori provvedimenti restrittivi, l'UFSP sta valutando se ridurre gli arrivi da altri Paesi, ma al momento non sono previsti inasprimenti alle frontiere con gli Stati vicini, come chiesto per esempio dal Ticino.

Stando a Nora Kronig, a livello di Stati Schengen non sono in corso discussioni simili, anche se un Paese è pur sempre libero di chiedere un test negativo a una soggetto che volesse varcare la frontiera.

Non è una gara tra Cantoni

Rudolf Hauri, medico cantonale di Zugo e presidente dell'omonima associazione nazionale, ha sottolineato che a livello di vaccinazioni vi sono ancora differenze tra Cantoni, ma che nelle prossime settimane il ritmo nell'amministrazione del vaccino dovrebbe equilibrarsi. Hauri ha sottolineato che non si tratta di una gara tra Cantoni a chi vaccina di più.

In merito all'evoluzione epidemiologica, stando ai numeri di può affermare che la popolazione si è comportata bene durante i giorni festivi (la temuta fiammata non c'è stata), ma che non bisogna mollare, specie alla luce della mutazioni del virus, molto più contagiose.

Fare più test

Per quanto attiene alle scuole, stando a Hauri le mutazioni del virus rappresentano una grossa sfida per i Cantoni. Sempre più istituti devono essere chiusi e gli allievi messi in quarantena, come accaduto in Ticino ma anche a Zugo. Alla luce di tutto ciò, a suo parere andrebbero eseguiti molti più test, anche sugli asintomatici.

Virginie Masserey ha aggiunto che l'UFSP sta esaminando la situazione. Oltre alle direttive in fatto di igiene, distanziamento e uso della mascherina, si potrebbe pensare a ridurre la densità degli scolari nelle classi.

© Regiopress, All rights reserved