vaccino-possibile-risarcimento-per-effetti-collaterali-gravi
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Media online in Svizzera, ‘inevitabili altre riforme’

Il Consiglio nazionale vuole promuoverli con 30 milioni l’anno. Per il professor Manuel Puppis (Università di Friburgo) è solo un primo, timido passo.
Svizzera
11 ore

‘Torniamo a trattare con l’Ue sulla libera circolazione’

Il consigliere nazionale Piero Marchesi chiede in una mozione che il Consiglio federale sfrutti 'l’importante precedente' creato dall’intesa sulla Brexit
Svizzera
11 ore

Covid, il 90% dei contagiati presentano anticorpi dopo 6 mesi

Le infezioni in Svizzera sono stabili, ma Masserey (Ufsp) avverte: ‘In altri paesi la fase di stagnazione ha fatto da preludio a nuovi aumenti’
Svizzera
11 ore

Berset: 'Bisogna svolgere più test'

Il consigliere federale ha prospettato l'allentamento dei criteri per i test di massa gratuiti e la speranza che siano presto autorizzati i test fai da te
Svizzera
13 ore

La Svizzera: Frontex rispetti i diritti fondamentali

L'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera è contestata per non aver impedito il respingimento dei migranti da parte della guardia di frontiera greca
Svizzera
14 ore

Dal Nazionale 150 milioni di franchi per l'aiuto ai media

Il Consiglio nazionale ha adottato la nuova legge in materia per 111 voti a 67 e 17 astensioni, pronunciandosi anche per maggiori restrizioni verso la Ssr
Svizzera
15 ore

In Svizzera contagi stabili, ma crescono ricoveri e decessi

Il tasso di positività (5,28%) e il tasso di riproduzione (1,06) al di sopra dei livelli fissati dal Consiglio federale come criterio per le prossime riaperture
Svizzera
18.01.2021 - 12:250

Vaccino, possibile risarcimento per effetti collaterali gravi

Per i vaccini anti-Covid valide le disposizioni in vigore sulle responsabilità del fabbricante, dei sanitari o, a titolo sussidiario, della Confederazione

Benché finora effetti secondari severi imputabili ai vaccini contro il coronavirus siano assai rari, in caso di problemi il produttore, la persona che vaccina, l'ospedale o, a titolo sussidiario, la Confederazione, possono essere tenuti per responsabili.

Lo ricorda in un opuscolo pubblicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), secondo cui anche per i preparati anticovid valgono le disposizioni in vigore.

Per danno grave non s'intendono gli effetti secondari abituali (febbre leggera, mal di testa, dolori muscolari, rigonfiamento e indurimento della parte del corpo vaccinata, arrossamenti), bensì conseguenze a più lungo termine che pregiudicano la salute o si ripercuotono negativamente sul piano economico, come un'incapacità provvisoria o duratura della capacità lavorativa.

Il fabbricante risponde del danno qualora il prodotto sia difettoso, per esempio se il problema è addebitabile alla concezione del preparato o alla produzione, e se il vaccino è stato somministrato come previsto.

Il medico o il farmacista che amministra il vaccino è tenuto ad informare il paziente della natura e dei rischi del prodotto nel caso del Covid-19, come per tutte le altre vaccinazioni, affinché la persona interessata possa dare un consenso informato.

Le informazioni riguardano i rischi frequenti e rari, nella misura in cui sono noti e possano avere conseguenze severe. L'UFSP precisa tuttavia che non tutti i rischi sono al momento conosciuti, per esempio i danni a lungo termine.

Il dovere di diligenza riguarda ugualmente l'amministrazione corretta del vaccino. È solo quando questo dovere non viene rispettato e la altre condizioni di responsabilità sono adempiute che il centro di vaccinazione o la persona che ha somministrato il vaccino possono essere tenuti per responsabili.

È solo quando la vaccinazione viene ordinata o raccomandata dalle autorità che si applica un sistema di indennizzo speciale, se né il fabbricante o la persona che ha somministrato il preparato sono responsabili, e se i danni non sono assunti dalle assicurazioni sociali o private. Si parla in questo caso di "responsabilità sussidiaria". La Confederazione può così accordare singolarmente un indennizzo o riparazione morale fino a un massimo di 70 mila franchi.

Il fatto che l'UFSP elabori e pubblichi raccomandazioni di vaccinazione non giustifica una qualsivoglia responsabilità da parte sua. I medici non sono tenuti a rispettare le direttive e le raccomandazioni. La decisione di eseguire la vaccinazione è sempre della persona interessata e di chi amministra la dose.

© Regiopress, All rights reserved