coronavirus-berna-potrebbe-varare-altre-misure-nelle-scuole
La variante inglese si starebbe spostando nelle scuole (Ti-Press/Archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Parmelin invita a prepararsi a penuria di elettricità

Il ministro dell’economia: ‘Oltre alla pandemia, una carenza di energia è la più grande minaccia per l’approvvigionamento della Svizzera’
Svizzera
11 ore

Uri, auto contro camper sulla Axenstrasse. Cinque feriti

I contusi sono stati trasportati negli ospedali circostanti con un elicottero e con diverse ambulanze
Svizzera
12 ore

Berset e Ministero pubblico sollevati dalle accuse

È quanto avrebbe stabilito, stando alla ‘SonntagsZeitung’, l’Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC)
Svizzera
13 ore

Situazione forniture: in Svizzera meglio che in Europa

Lo sostiene Rolf Galliker, presidente dell’omonima società di trasporti elvetica
Svizzera
14 ore

I presidenti del Parlamento condannano l’attentato ad Amess

In un tweet i due parlamentari svizzeri hanno espresso le loro ‘sentite condoglianze’ alla famiglia, agli amici e ai colleghi del deputato Tory
Svizzera
14 ore

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Coira

Il fatto è accaduto ieri pomeriggio. Il centauro 62enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale
Svizzera
15 ore

Vaud: 16enne morto in un incidente in moto a Bullet

Il ragazzo è deceduto sul posto, malgrado l’intervento dei soccorsi. È stata aperta un’inchiesta per determinare le circostanze del fatto
Svizzera
1 gior

Berna, sul lago di Bienne un motoscafo prende fuoco

I due occupanti - illesi - sono stati soccorsi da un equipaggio di un’altra imbarcazione
Svizzera
17.01.2021 - 10:330

Coronavirus, Berna potrebbe varare altre misure nelle scuole

L'incidenza della variante inglese si starebbe spostando in modo significativo verso le scuole, perciò la Confederazione potrebbe presentare nuove misure

La Confederazione starebbe valutando un inasprimento delle misure di lotta al coronavirus negli istituti scolastici: lo affermano i domenicali. Finora in questo campo il Consiglio federale aveva dato mano libera ai cantoni: ora si starebbero però addensando i segnali di un cambiamento di strategia.

Stando alla NZZ am Sonntag la segreteria generale del Dipartimento dell'interno del consigliere federale Alain Berset ha richiesto alla task force scientifica per il coronavirus e alla Conferenza dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE) rapporti sulle misure anti-Covid nelle scuole. Un portavoce dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) lo ha confermato al giornale.

Cancellare l'educazione fisica?

"Si tratta di studiare i possibili provvedimenti", afferma l'UFSP. Questi dovranno essere valutati sia dal punto di vista sanitario, sia da quello educativo, psicologico e sociale. Stando al settimanale in primo piano vi sarebbero interventi nei licei e nelle scuole professionali. Si parla ad esempio di insegnamento con metà delle classi o della cancellazione di alcune materie, come lo sport, in cui sarebbe difficile rispettare i piani di protezione.

Preoccupati anche gli insegnanti

La scuola elementare è interamente sotto la sovranità dei cantoni, ma anche in questo caso il governo federale potrebbe adottare determinate misure nell'ambito dell'attuale situazione particolare, ha spiegato l'UFSP. Stando alla SonntagsZeitung nella comunità scientifica si stanno levando voci che sottolineano come l'incidenza dell'infezione della variante inglese del virus si starebbe spostando in modo significativo verso le scuole, soprattutto in una situazione di semi-confinamento. Anche gli insegnanti sarebbero preoccupati.

Insegnamento a distanza per le scuole medio-superiori

Secondo l'epidemiologo Marcel Tanner, membro della task force Covid-19 della Confederazione, alla nuova variante occorre reagire con test a tappeto nelle scuole nonché con l'insegnamento a distanza per gli allievi di licei e istituti professionali. "Da un punto di vista scientifico qualsiasi altro approccio sarebbe sbagliato", afferma l'esperto in un'intervista alla SonntagsZeitung. "Gli alunni delle scuole secondarie, a differenza di quelli delle elementari, si trovano sui mezzi pubblici o nei negozi all'ora di pranzo, per fare un esempio; e ora è importante ridurre i contatti e quindi la mobilità".

Le elementari restano aperte, per ora

Tanner non consiglia invece di chiudere le scuole elementari, almeno per il momento. "C'è un diritto all'istruzione. E mentre un ristorante può essere risarcito per i danni causati dalle misure di restrizione, questo non è possibile se, nell'ambito dell'educazione dei bambini e dei giovani, emergono deficit e conseguenze sociali a lungo termine".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved