ANA Ducks
0
COL Avalanche
2
fine
(0-0 : 0-1 : 0-1)
variante-inglese-si-rischia-una-pandemia-nella-pandemia
Contagi stagnanti ad alto livello (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
46 min

‘Imposta sulle Pmi’ o ‘regalo fiscale’ alle grandi aziende?

Governo e Parlamento vogliono abolire la tassa d’emissione sul capitale proprio, la sinistra non ne vuole sapere. Risposte alle principali domande
Svizzera
9 ore

Croce Rossa nel mirino dei pirati informatici

Cicr preda di un vasto cyberattacco: violati i dati di 515’000 persone estremamente vulnerabili
Svizzera
15 ore

Vaud, depositata iniziativa per il trasporto pubblico gratuito

Lanciata la scorsa estate, ha raccolto oltre 17mila firme, contro le 12mila necessarie. Prospettati costi a carico del Cantone per 300-350 milioni
Svizzera
18 ore

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
18 ore

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento
Svizzera
19 ore

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente
Svizzera
22 ore

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
1 gior

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
1 gior

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
1 gior

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
1 gior

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
05.01.2021 - 16:570

Variante inglese, 'si rischia una pandemia nella pandemia'

In Svizzera sono 28 le persone risultate positive alla variante britannica. Virginie Masserey (Ufsp): 'Vaccini sicuri, ma le dosi sono limitate'

a cura de laRegione

Attualmente sono 28 le persone risultate positive alla variante britannica del virus in 7 cantoni, ha affermato Virginie Masserey, responsabile della sezione Controllo delle infezioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), precisando che tutti i casi sono collegati a contatti con il Regno Unito. A questo proposito, la funzionaria dell'UFSP ha raccomandato alle persone provenienti dalla Gran Bretagna o che hanno avuto contatti con persone dell'isola di fare il test.

Tale mutazione potrebbe svilupparsi come una seconda pandemia nell'attuale pandemia, ha avvisato Masserey, secondo cui essa può comunque essere contenuta grazie alle misure di protezione e alla vaccinazione.

Per Hauri, è assolutamente necessario "ritardare la propagazione" di questa nuova variante britannica, così come quella registrata in Sudafrica. "Nei prossimi giorni vedremo se il virus ha accelerato la sua diffusione durante le vacanze", ha concluso il medico cantonale di Zugo.

Finora nessun effetto collaterale grave

I vaccini sono sicuri ma in questa prima fase della campagna di vaccinazione le dosi sono limitate. L'obiettivo è di proteggere dapprima le persone vulnerabili e di ridurre così la pressione sugli ospedali, ha detto oggi a Berna Virginie Masserey, responsabile della sezione Controllo delle infezioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Finora non sono stati registrati effetti collaterali gravi e non c'è preoccupazione in merito, hanno ribadito gli esperti riuniti a Berna per l'ormai tradizionale appuntamento con la stampa, aggiungendo che ci sarà tuttavia un monitoraggio continuo, anche del numero di vaccinazioni su base settimanale.

233'000 dosi in Svizzera

Attualmente in Svizzera sono disponibili 233'000 dosi di vaccino, ha spiegato Nora Kronig, responsabile della divisione affari internazionali presso l'UFSP. In attesa dell'autorizzazione di altri vaccini, ieri è arrivato nella Confederazione il secondo carico da Pfizer. A febbraio il numero di dosi disponibili raggiungerà il milione e l'obiettivo è di vaccinare entro l'estate tutti coloro che lo vorranno.

Kronig ha poi sottolineato che 7,5 milioni di dosi sono state acquistate da Moderna, ancora in attesa di omologazione. Nei prossimi mesi l'obiettivo è di ricevere il maggior numero possibile di vaccini dalle due aziende farmaceutiche.

Limiti e carenze, ci vorrà pazienza

Kronig è consapevole che probabilmente ci sarà una carenza di dosi disponibili nella prima fase. "Tutti saranno vaccinati, ma non tutti potranno essere i primi", ha poi detto dal canto suo Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni. Bisognerà dunque avere pazienza, poiché la campagna di vaccinazione "richiede un grande sforzo logistico".

Quest'ultima, iniziata negli scorsi giorni nei vari cantoni, ha fatto anche emergere qualche limite: oltre alla carenza di dosi disponibili, sarà difficile estendere agli studi medici la possibilità di fare il vaccino poiché la sua conservazione necessita di temperature molto basse.

Berger e Rudolf Hauri, presidente dell'associazione dei medici cantonali, hanno poi spiegato che dopo il primo vaccino è necessario procedere a una seconda iniezione dopo circa quattro settimane. A causa della carenza di dosi, verrà messo a disposizione un libretto di vaccinazione elettronico per potersi registrare.

Stagnazione ad alto livello

In Svizzera, al momento, c'è una tendenza alla stagnazione ad alto livello della trasmissione del virus, ha ribadito Masserey, aggiungendo che il numero dei test è diminuito durante e dopo le feste.

Il tasso di occupazione dei letti in cure intensive si attesta al 71% e il 58% è rappresentato da casi Covid, per un totale di 428 persone, ha poi detto la responsabile della sezione Controllo delle infezioni, precisando che la situazione è in lieve peggioramento nella Svizzera romanda.

 


 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved