coronavirus-la-fine-dell-eccezione-romanda
Keystone
Anche i centri fitness dovranno nuovamente chiudere
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese

Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
15 ore

Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte

I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
15 ore

Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri

La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
15 ore

Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie

Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
18 ore

Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia

Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
19 ore

Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal

È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
20 ore

Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini

Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
20 ore

Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn

L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
Svizzera
22 ore

Ancora nessun bambino ucraino arrivato per assistenza medica

Il Paese aveva chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bimbi malati. Prima dell’arrivo sono necessari però dei chiarimenti.
Svizzera
1 gior

Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs

La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
1 gior

Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale

Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
03.01.2021 - 16:45
Aggiornamento: 23:25

Coronavirus, la fine dell’eccezione romanda

Il tasso di riproduzione aumenta. Vaud, Neuchâtel e Vallese chiudono musei, biblioteche e centri fitness. Solo Friburgo può continuare a derogare.

Berna – Conseguenza dell'aumento del tasso di riproduzione Re del Covid-19, valore che indica a quante persone in media un soggetto infetto trasmette il virus, Vaud, Vallese e Neuchâtel hanno annunciato oggi la fine del regime d'eccezione. Da domani (dalle 19 di stasera in quest’ultimo cantone) musei, biblioteche, fitness e, nei giorni festivi i negozi delle stazioni di servizio, dovranno rimanere chiusi.

Lo scorso 18 dicembre, il Consiglio federale aveva imposto la chiusura per un mese per i ristoranti e le strutture per il tempo libero, lo sport e la cultura. Tutti i negozi, ad eccezione delle panetterie e delle farmacie, devono inoltre abbassare la saracinesca durante i giorni festivi. Eccezioni erano previste per i cantoni con una evoluzione epidemiologica favorevole, ossia con un tasso Re inferiore a 1 (a 0,9 da martedì). 

Tre giorni consecutivi sopra l’1

Ciò era valevole in particolare per i cantoni romandi. Nei giorni seguenti, avendo un tasso Re superiore a 1, Giura e Ginevra sono però passati al regime federale. Neuchâtel, Friburgo, Vaud e Vallese si sono poi accordati per chiudere a loro volta i ristoranti dal 26 dicembre. Vaud li ha mantenuti aperti solo sulle piste da sci, ma da domani anch'essi dovranno rimanere chiusi.

La fine del regime d'eccezione si giustifica nei tre cantoni romandi con il superamento per tre giorni consecutivi del valore soglia ‘1’ del tasso di riproduzione del virus. Ciò obbliga Vaud, Vallese e Neuchâtel ad applicare le direttive federali (tra le quali quella che limita gli incontri nella cerchia privata a 10 persone). L'unico cantone a beneficiare ancora di un regime d'eccezione è quindi Friburgo.

Altrove, come nel resto della Svizzera, musei, cinema, biblioteche, casinò, giardini botanici, zoo e altre strutture culturali e ricreative, ma anche i ristoranti, dovranno quindi rimanere chiusi. I negozi non potranno aprire dopo le 19 nei feriali e dovranno rimanere inaccessibili la domenica e i festivi (anche quelli delle stazioni di servizio). Le uniche eccezioni sono le panetterie e le farmacie.

Il Consiglio federale questa settimana ha rinunciato ad adottare nuovi provvedimenti. Mercoledì valuterà nuovamente la situazione.

Tasso nazionale allo 0,95

Intanto gli ultimi dati sul tasso di riproduzione del Covid-19 indicano che a livello nazionale questo è salito prima di Natale sfiorando quota 1. La stima elaborata per il 24 di dicembre dall'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) indica un valore di 0,95.

Il tasso di riproduzione Re era passato sotto la soglia critica il 5 di dicembre (ma non era mai sceso sotto 0,90, quota raggiunta il 17 dicembre). Al 20, invece, aveva già oltrepassato questo valore nei cantoni Appenzello Interno (1,37), Vallese (1,22), Neuchâtel (1,14), Uri (1,14), Nidvaldo (1,12), Vaud (1,08), Giura (1,06) e Ticino (1,03).

Ciò significa che due settimane fa in questi Cantoni il virus ha incominciato a diffondersi con maggior velocità. Per ridurre il numero di contagi, il tasso di riproduzione deve scendere chiaramente sotto l'1.

Tasso di riproduzione sottostimato

Gli epidemiologici temono che questo valore sia ulteriormente salito nel corso dei giorni festivi. La Task Force del Consiglio federale, cui compete il calcolo del tasso di riproduzione, indica sul suo sito web che questa grandezza rischia di venir sottostimata durante le feste poiché meno persone si sono fatte testare.

Il canton Berna, per esempio, ha annunciato sabato "solo" 181 nuovi casi confermati di coronavirus, mentre il numero di esami eseguiti tra l'1 e il 2 gennaio è stato di 1'062 appena. Nelle 24 ore precedenti il numero di test era stato di 3'600. Il 1° di gennaio, Berna aveva annunciato ancora 504 casi confermati di positività.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus friburgo neuchâtel tasso riproduzione vallese vaud
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved