DJOKOVIC N. (SRB)
2
DELLIEN H. (BOL)
0
fine
(6-2 : 6-2)
BENCIC B. (SUI)
0
PEGULA J. (USA)
0
1 set
(5-3)
ceppo-britannico-i-3-casi-nei-grigioni-zurigo-e-liechtenstein
Verbier vuota dopo il rimpatrio dei cittadini britannici (Keystone)
Svizzera
27.12.2020 - 15:350
Aggiornamento : 17:03

Ceppo britannico, i 3 casi nei Grigioni, Zurigo e Liechtenstein

Negli ultimi giorni sono stati organizzati voli di rimpatrio, da Ginevra e Zurigo, per i circa 10'000 britannici che sono arrivati in Svizzera

I tre casi accertati della nuova variante britannica del coronavirus sono stati rilevati nei Grigioni, nel canton Zurigo e in Liechtenstein. Lo ha indicato oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) all'agenzia Keystone-ATS.

Almeno due di questi sono cittadini britannici, mentre il caso legato al canton Zurigo, secondo la NZZ am Sonntag, sarebbe un elvetico che lavora nel Regno Unito ed è risultato positivo al test dopo essere tornato nella Confederazione per le feste di fine anno.

Per quanto riguarda i casi sul territorio elvetico, l'UFSP ha reso noto ieri che le persone coinvolte sono state contattate e messe in isolamento. Inoltre, tutti i contatti stretti sono stati identificati e messi in quarantena. In questi casi specifici, anche i contatti delle persone poste in quarantena vengono consultati e - se necessario - messi a loro volta in quarantena, ha precisato ieri l'UFSP.

La mutazione appare più infettiva, ma gli scienziati ritengono che non vi siano elementi tali da far pensare che sia più letale delle precedenti, né che possa resistere ai vaccini anti-Covid in via di autorizzazione nel mondo, come sottolinea fra gli altri l'agenzia del farmaco europea (EMA).

Fuga da Verbier

La Confederazione ha sospeso tutti i voli dal Regno Unito e dal Sudafrica il 20 dicembre, perché nei due Paesi sono state identificate due nuove varianti del Sars-CoV-2, sospettate di essere più contagiose. Il giorno seguente, il Consiglio federale ha ordinato a tutti coloro che erano arrivati dal 14 dicembre di mettersi in quarantena, retroattivamente, per 10 giorni dalla data di arrivo in Svizzera.

Negli ultimi giorni sono inoltre stati organizzati voli di rimpatrio, da Ginevra e Zurigo, per i circa 10'000 britannici che sono arrivati in Svizzera, principalmente a Verbier (VS) - località turistica molto apprezzata dai cittadini del Regno Unito - a partire da metà dicembre.

E proprio a Verbier si è assistito in queste ore a un fuggi fuggi generale di cittadini britannici: "Non si possono biasimare: nella maggior parte dei casi, la quarantena era insostenibile. Immaginate di stare con quattro persone in una camera d'albergo di 20 metri quadrati", ha detto oggi Jean-Marc Sandoz, responsabile della comunicazione del comune di Bagnes (VS), al quale Verbier appartiene.

Gli albergatori e gli affittuari si sono accorti della fuga dei turisti britannici quando hanno notato che i vassoi dei pasti davanti alle camere erano rimasti intatti, ha aggiunto Sandoz, confermando indiscrezioni pubblicate oggi dal domenicale svizzero-tedesco SonntagsZeitung.

© Regiopress, All rights reserved