crypto-il-ministero-pubblico-archivia-l-inchiesta
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Immatricolazioni di auto nuove col freno a mano tirato

Il primo semestre del 2020 ha fatto segnare un netto calo: -12%. Addirittura del 18,2% per il solo mese di giugno
Svizzera
2 ore

Truffa del falso poliziotto: gabbati per 140 mila franchi

‘Soliti ignoti’ particolarmente attivi nel canton Argovia: 50 segnalazioni solo ieri. Raggirate tre tonne tra i 63 e gli 88 anni
Svizzera
3 ore

Il voto delle commissioni parlamentari deve rimanere segreto

È il parere della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale: respinta una mozione di Andrea Glarner
Svizzera
17 ore

Infermieri, via libera al progetto per rafforzare la professione

La Commissione della sanità della camera alta ha approvato il disegno governativo, prima tappa dell’attuazione dell’iniziativa popolare accettata nel 2021
gallery
Svizzera
19 ore

Militanti imbrattano la sede della Sefri

L’organizzazione ambientalista Renovate Switzerland chiede di accelerare il risanamento termico degli edifici
Svizzera
20 ore

Covid, registrate 5’900 reazioni avverse al vaccino

Swissmedic: ‘I risultati non incidono sul rapporto rischi-benefici’. Più della metà delle segnalazioni sono state fatte da pazienti o familiari.
Svizzera
21 ore

Molestie sessuali, allarme nella polizia di Losanna

Un sondaggio ha mostrato che più della metà del personale ha subito questo tipo di abuso.
Svizzera
21 ore

Cassis allenatore di un Consiglio federale ‘multi-tasking’

Per il presidente della Confederazione, la gita annuale dell’Esecutivo è ‘un’occasione per formare lo spirito di squadra’
Svizzera
22 ore

Estate e voglia di viaggi, l’Ustra avverte: attenzione alle code

Dopo due anni di pandemia, la gente ritrova il piacere delle vacanze. Ma i problemi di compagnie aeree e aeroporti rischiano di intasare le strade
Svizzera
22 ore

Swiss lascia a terra il Contratto collettivo di crisi

Da inizio 2023 la compagnia aerea controllata da Lufthansa abolirà gradualmente le misure d’emegenza prese in tempo di pandemia
Svizzera
22 ore

Si invaghisce via social di un medico dell’Onu. Ma è una truffa

Una 62enne argoviese è stata raggirata e frodata per diverse decine di migliaia di franchi. La polizia: ‘State in guardia: malfattori abili’
Svizzera
23 ore

Da oggi migliore localizzazione per le chiamate d’emergenza

Le informazioni, provenienti dai telefoni e dai pulsanti Sos delle auto, devono essere automaticamente inoltrate alla centrale d’allarme competente
Svizzera
23 ore

Aeroporto Zurigo, guasto ai check-in: operazioni a rilento

La causa è un malfunzionamento del sistema. I passeggeri vengono registrati manualmente.
21.12.2020 - 17:46
Aggiornamento: 21:34
Ats, a cura de laRegione

Crypto, il Ministero pubblico archivia l’inchiesta

Non ci sarebbero prove del fatto che i dipendenti della Crypto sapessero che gli apparecchi che vendevano erano forse manipolati.

Non ci sono prove che i dipendenti della Crypto sapessero che gli apparecchi che vendevano erano forse manipolati. Per questo motivo, il Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) ha archiviato il procedimento penale contro la società di Zugo.

Gli apparecchi sequestrati sono stati quindi restituiti alle società interessate dall'indagine. Nel febbraio scorso, diversi media avevano riferito che per anni la società di Zugo, controllata mediante entità schermo con sede nel Principato del Liechtenstein dai servizi segreti americani e tedeschi, aveva esportato per decenni apparecchi "deboli" che avrebbero permesso a potenze straniere di ascoltare le comunicazioni degli Stati acquirenti.

Per questo motivo, alla luce di tali rivelazioni, la Segreteria di Stato dell'economia aveva inoltrato denuncia contro ignoti all‘Mpc per violazione della legge sul controllo delle esportazioni.

Il Consiglio federale aveva deciso, sulla scorta di queste rivelazioni, di sospendere tutte le richieste di export di questa società. Il risultato? Una settantina di licenziamenti.

Secondo la coppia di proprietari svedesi, Emma e Andreas Linde, il divieto imposto alla società, che opera nel campo della sicurezza informatica e della crittografia, si basava su false basi e ipotesi.

Dopo l'annuncio del licenziamento di massa, i proprietari hanno iscritto una nuova società, la Asperiq Ag, nel registro di commercio. Emma e Andreas Linde fanno parte del suo consiglio di amministrazione. La direzione è composta da quattro persone.

Secondo quanto indicato nel registro, lo scopo della società è la produzione di beni di telecomunicazione e di elettronica per il grande pubblico. Non vi figura invece nessuna informazione sull'assetto societario o sulle partecipazioni azionarie.

Governo corresponsabile

La vicenda ha suscitato sconcerto nel mondo politico elvetico, tanto che da più parti si è chiesta l'istituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta (Cpi), auspicio rafforzatosi dopo la pubblicazione, all'inizio di novembre, di un rapporto sulla vicenda da parte della Delegazione delle Commissioni della gestione (DelCg), organo deputato alla sorveglianza dell'intelligence elvetica.

Stando a questo documento, i servizi segreti svizzeri sapevano fin dal 1993 che dietro la Crypto vi fossero la Cia e il corrispettivo tedesco, il Bnd. Il Consiglio federale era però all'oscuro di tutto. Malgrado ciò, secondo la DelCg vi è una corresponsabilità politica delle autorità svizzere per le attività dell'impresa.

Secondo la DelCG, da un punto di vista giuridico è "ammissibile che il servizio informazioni svizzero e servizi esteri utilizzassero congiuntamente un'impresa con sede in Svizzera per procurarsi informazioni concernenti l'estero". Vista la grande portata politica, la Delegazione ritiene però "inopportuno" che la direzione politica della Confederazione ne sia stata informata soltanto alla fine del 2019.

Il fatto che il Consiglio federale sia rimasto all'oscuro della collaborazione così a lungo rappresenta però anche "una lacuna nella gestione e nella vigilanza da parte del Governo". Di conseguenza l'esecutivo è da ritenersi "corresponsabile dell'esportazione, per molti anni, di apparecchi crittografici 'deboli' da parte della Crypto", ha sostenuto la DelCg.

La DelCg ha anche esaminato la decisione, presa nel dicembre 2019 dalla Seco, di sospendere le autorizzazioni generali d'esportazione per gli apparecchi crittografici delle imprese coinvolte, la Crypto International e la CyOne Security, società nate sulle ceneri della Crypto. Per la delegazione le condizioni legali per la revoca non erano adempiute.

La storia

La Cia e il Bnd avrebbero per decenni intercettato migliaia di documenti da più di 100 Paesi utilizzando macchine crittografiche della Crypto. Diversi governi si sono affidati alla società di Zugo per criptare le loro comunicazioni, ignorando che la società fosse di proprietà della Cia e del Bnd e che questi ne manipolavano la tecnologia per decodificarne le informazioni.

Stando a una indagine giornalistica della televisione svizzero tedesca Srf, della tv germanica Zdf e del quotidiano americano Washington Post, nel 1970 la Crypto sarebbe stata acquistata da Cia e Bnd attraverso una fondazione in Liechtenstein.

In tal modo gli 007 hanno potuto avere accesso ai messaggi cifrati che, tramite gli apparecchi prodotti dall'azienda, venivano scambiati fra le autorità di vari Paesi. Si parla di centinaia di migliaia di comunicazioni fra organi governativi, ambasciate e unità militari. La collaborazione con i servizi segreti, per l'azienda leader del settore, sarebbe stata anche anteriore agli anni '70. Sempre secondo le ricerche, BND ha lasciato l'operazione nel 1993, ma gli Stati Uniti hanno proseguito almeno sino al 2018.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
crypto intelligence servizi segreti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved