DJOKOVIC N. (SRB)
1
DELLIEN H. (BOL)
0
2 set
(6-2 : 2-1)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:50
 
test-rapidi-istruzioni-per-l-uso
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
13 min

Coda di 14 km al portale nord della galleria del San Gottardo

Lo ha comunicato il Tcs su Twitter. Il tempo di attesa è di circa due ore e venti minuti
Svizzera
14 ore

Il Plr: 'I non vaccinati senza sintomi paghino il test Covid'

Secondo i liberali, eventuali restrizioni future dovrebbero essere applicate solo a chi si potrebbe vaccinarsi ma si rifiuta di farlo
Svizzera
16 ore

Proiettile vecchio di cent'anni rimosso dalle rive del Sitter

Era una granata d'acciaio da 7,5 cm proveniente da un antico pezzo di artiglieria: oggi a mezzogiorno è stata portata via da un camion messo in sicurezza
Svizzera
16 ore

Panne all’aereo: Parmelin salta l’incontro con Naruhito

Problemi tecnici al jet del Consiglio federale in volo per Tokyo. Cancellati gli appuntamenti con l’imperatore e il ministro degli esteri giapponesi.
Svizzera
17 ore

Vaccini e effetti collaterali: non gravi quasi 2/3 dei casi

Delle 4'319 notifiche di effetti indesiderati, 2'782 (64,4%) sono classificate come 'non serie'. L'età media delle persone colpite è di 60,2 anni
Svizzera
17 ore

La grandine ha causato più danni delle inondazioni in Svizzera

Ammontano a centinaia di milioni di franchi i danni causati dalla grandine, secondo i dati delle assicurazioni
Svizzera
18 ore

Marijuana in coltura di canapa legale: mille piante sequestrate

In una serra di Rothenturm (Sz): il 60enne responsabile dell'impianto ha ammesso che quanto coltivato contiene stupefacente
Svizzera
18 ore

Vaccinato con due dosi il 46,1% della popolazione svizzera

La media delle vaccinazioni è di 45'536 al giorno. Il ritmo è diminuito del 17% rispetto alla settimana scorsa
Svizzera
19 ore

Quest'anno le pere e le mele si faranno attendere

La fioritura in Svizzera è avvenuta 17 giorni dopo rispetto al 2020, i frutti potranno essere raccolti con tre settimane di ritardo rispetto all'anno scorso
Svizzera
19 ore

In Svizzera calano (di poco) i contagi, 2 decessi

Il tasso di positività scende di oltre un punto percentuale. La situazione ospedaliera resta stabile a livelli bassi circa i letti occupati da pazienti Covid
Svizzera
20 ore

Due ex islamisti condannati dal Tribunale penale federale

Condanne a 30 mesi di reclusione, parzialmente sospesi, e 22 mesi sospesi per due residenti a Ginevra. Entrambi si sono distanziati dall'Islam radicale
Svizzera
21 ore

Raffreddare la città usando il fiume, Berna ci pensa

L'azienda comunale che si occupa dell'infrastruttura della capitale sta pensando di usare l'energia dell'Aare per impianti di raffreddamento ecologici
Svizzera
1 gior

La task-force: sistema 'a colori' per i Paesi a rischio

Gli esperti chiedono la quarantena per chi proviene da una zona 'viola', ovvero ad alta circolazione di varianti preoccupanti anche per i vaccinati
Svizzera
1 gior

'Cultura del rispetto': il biscotto Negrita cambia nome

Questione di sensibilità: Nestlé cambierà il nome del popolare biscotto, venduto da 60 anni in Cile. Si chiamerà Chokita.
Svizzera
1 gior

‘La vaccinazione degli infermieri va incoraggiata’

L’associazione di categoria giudica l’obbligo controproducente. Ma afferma che immunizzarsi 'è la migliore opzione per proteggere se stessi e gli altri'
Svizzera
1 gior

La pandemia nel 2020 ha frenato i costi della sanità

Lo rivela uno studio della società Accenture. L'aumento è dell'1,2% contro una media del 3,9%. I fisioterapisti i più colpiti dalla mancanza di pazienti (-2,7%)
Svizzera
18.12.2020 - 16:320

Test rapidi, istruzioni per l'uso

Le più comuni domande e relative risposte circa l'utilizzo dei test rapidi esteso dalla Confederazione con la decisione di oggi

Nel quadro dell'aggiornamento delle misure per il contrasto della pandemia, il Consiglio Federale ha deciso oggi di estendere l’impiego dei test rapidi, per permettere alla popolazione di farsi testare ancora più facilmente. Di seguito alcune domande e risposte che forniscono important chiarimenti sul tema.

 

Chi può sottoporsi a un test rapido? 

Finora i test rapidi erano riservati alle persone che soddisfano i criteri di prelievo di campioni (criteri di  test) dell’UFSP, cioè alle persone con sintomi e alle persone che hanno ricevuto una segnalazione  dall’app SwissCOVID. Era inoltre consentita l’esecuzione di test rapidi nel quadro di indagini sui  focolai.  

Da ora potranno sottoporsi a un test rapido tutte le persone asintomatiche, anche se non soddisfano i  criteri di prelievo di campioni (criteri di test).  

Chi paga il test rapido? 

Al contrario di quanto previsto per le persone che soddisfano i criteri di prelievo di campioni (criteri di  test), i costi dei test rapidi eseguiti su persone asintomatiche devono essere assunti dalle persone  stesse o dal soggetto che li ha richiesti (p. es. il datore di lavoro). 

Quali test rapidi sono consentiti? 

Per testare la popolazione su scala ancora più larga, in futuro nelle farmacie, negli studi medici e nei  centri di test potranno essere eseguiti tutti i tipi di test rapidi validati ammessi sul mercato. Finora  erano consentiti soltanto test antigenici rapidi con striscio nasofaringeo.  

Dove e da chi può essere eseguito un test rapido?  

I test rapidi possono essere eseguiti nelle farmacie, negli studi medici e nei centri di test. Il personale  che li esegue deve essere appositamente formato. 

Perché l’impiego di test rapidi viene esteso? 

L’evidenza scientifica, le nuove tecnologie e le accresciute capacità operative consentono di testare  anche le persone asintomatiche. In virtù delle nuove possibilità tecnico-scientifiche, l’obiettivo di  interrompere le catene di contagio è ampliato: le persone asintomatiche possono ora sottoporsi al test  in ambito privato o sul posto di lavoro. Grazie ai test rapidi, i piani di protezione vigenti (p. es. per  alberghi, fiere, congressi internazionali o manifestazioni sportive) possono essere perfezionati e  rafforzati. 

A chi compete la validazione dei test rapidi? 

La validazione indipendente dei test rapidi è effettuata da laboratori autorizzati da Swissmedic.

 

Posso ordinare un test rapido su Internet ed eseguirlo a casa? 

L’UFSP lo sconsiglia. L’origine, la certificazione e la validazione dei test ordinati su Internet spesso  non possono essere verificati. I test rapidi dovrebbero essere eseguiti sotto la responsabilità di  specialisti.  

I test rapidi sono meno sensibili dei test PCR. Non vi è il pericolo di risultati falsi negativi  nelle persone asintomatiche? 

Le esperienze nel frattempo maturate hanno rafforzato le evidenze scientifiche che i test antigenici  rapidi sono in grado di riconoscere con sufficiente affidabilità le persone contagiose. Per gli ulteriori  nuovi tipi di test rapidi presenti o in arrivo sul mercato, va garantito che siano affidabili almeno quanto  quelli attualmente in uso.  

Che cosa bisogna fare in caso di risultato positivo? 

In caso di risultato positivo, la persona interessata deve immediatamente sottoporsi a un test PCR di  conferma. I costi di questo test sono assunti dalla Confederazione in virtù della legge sulle epidemie. 

Un turista può sottoporsi a un test rapido per poi tornare nel suo Paese di provenienza?  

Sì, a condizione che il Paese di provenienza accetti il risultato di un test rapido per l’entrata. Spetta al  turista accertare le condizioni d’entrata del Paese di provenienza. 

Se la persona non ha sintomi e non soddisfa i criteri di prelievo di campioni (criteri di test), il test  rapido è a suo carico. Se risulta positiva, deve eseguire un test PCR di conferma. I costi di questo  secondo test sono assunti dalla Confederazione. 

L’UFSP consiglia test rapidi prima di Natale per poter visitare i parenti? 

L’UFSP non emana raccomandazioni. Ognuno è libero di sottoporsi a un test rapido. Va però tenuto  presente che un risultato negativo garantisce la negatività soltanto per un giorno (quello del test).  Inoltre l’estensione dell’impiego dei test rapidi non sostituisce le regole d’igiene e di comportamento  dell’Ufficio federale della sanità pubblica.  

La partecipazione a test collettivi sul posto di lavoro è obbligatoria?  

La partecipazione a test collettivi è per principio facoltativa. Il datore di lavoro è legittimato a far testare  i suoi dipendenti soltanto nel quadro del diritto cogente. Il diritto cogente comprende per esempio la  protezione della personalità del lavoratore e la protezione dei dati. Il test deve essere giustificato da  motivi riferiti alla prestazione lavorativa o alla protezione di altri lavoratori o di terzi (clienti, pazienti).  Va inoltre considerato il contesto complessivo, per esempio la situazione epidemiologica e la  possibilità e disponibilità di altre misure di protezione.

© Regiopress, All rights reserved