ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale

Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
3 ore

Impressum chiede aumenti salariali nei media

Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
3 ore

‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’

Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
5 ore

Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino

In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
5 ore

Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera

Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
6 ore

Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse

L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
6 ore

Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico

Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
8 ore

Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano

L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
15.12.2020 - 11:28
Aggiornamento: 20:14

Casi di rigore, ok dal Nazionale al credito supplementare

Anche la Camera del Popolo ha approvato l'aumenti di 1,5 miliardi per le aziende in difficoltà a causa della pandemia e delle restrizioni imposte

casi-di-rigore-ok-dal-nazionale-al-credito-supplementare
(Ti-Press)

Nell'ambito del preventivo 2021 della Confederazione, il Consiglio nazionale ha approvato oggi un credito di 1,5 miliardi supplementari per i cosiddetti "casi di rigore", ossia per quelle aziende in difficoltà a causa dell'epidemia di coronavirus e delle ulteriori restrizioni imposte venerdì dal Consiglio federale alle attività economiche.

"Si tratta di mezzi assolutamente indispensabili per aiutare in maniera rapida e non burocratica le imprese in difficoltà", ha indicato Ursula Schneider-Schüttel (PS/FR). L'importo non è stato contestato e diversi oratori hanno sottolineato l'enorme incertezza che regna in ambito economico.

Per il resto la Camera del popolo ha appianato tre delle cinque divergenze che ancora l'opponevano al Consiglio degli Stati. Rimangono ancora due punti controversi tra i due rami del Parlamento.

Formazione e ricerca

Oggi il Nazionale ha inserito nel budget i crediti dedicati alla formazione e alla ricerca, secondo le decisioni prese nell'ambito della promozione dell'educazione, della ricerca e dell'innovazione (ERI) per gli anni 2021-2024. La formazione continua beneficerà di 5,1 milioni supplementari, per un totale di 57,5 milioni nel 2021.

La Camera del popolo si è invece allineata agli Stati per non "gonfiare" troppo i crediti destinati ai Politecnici federali e agli istituti di ricerca di importanza nazionale

Importi per Erasmus+

Permane un altro punto controverso nel piano finanziario 2022-2024. Con 132 voti contro 55, il Nazionale ha ribadito la sua intenzione di aumentare i mezzi per la mobilità internazionale. La Camera del popolo auspica di prevedere importi per il programma Erasmus+ al quale la Svizzera dovrebbe partecipare.

Tali mezzi sono prematuri, ha sottolineato invano Pirmin Schwander (UDC/SZ). A suo avviso, "non occorre far figurare nel budget una somma che non corrisponde ad alcun messaggio del Consiglio federale". Ma la maggioranza del plenum non lo ha seguito, scostandosi così dalla decisione dei "senatori".

Aerodromi regionali

La Camera del popolo, con 108 voti contro 80, si è invece allineata al Consiglio degli Stati prevedendo un credito più elevato per la sicurezza degli aerodromi regionali. "Occorre sostenere i piccoli aerodromi non soltanto l'anno prossimo, ma fino al 2024", ha rilevato con successo Aloïs Gmür (PPD/SZ). La minoranza avrebbe preferito attendere i programmi del Consiglio federale prima di decidere delle somme per gli anni 2022-2024.

Il preventivo 2021 ritorna ora alla Camera dei cantoni. Allo stato attuale delle deliberazioni, le spese per l'anno prossimo iscritte nel budget ammontano a circa 82 miliardi di franchi. L'essenziale degli aumenti rispetto al budget iniziale, che prevedeva uscite complessive per 80,7 miliardi, è dovuto alle spese decise nell'ambito delle misure per contrastare la pandemia di Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved