adozioni-dallo-sri-lanka-il-consiglio-federale-deplora
Keystone
Karin Keller-Sutter
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
25 min

L’inflazione incombe sulla ristorazione svizzera

In Svizzera il fenomeno è ancora limitato rispetto all’area Euro. Ma c’è già chi, come la catena Starbucks, ha alzato leggermente i prezzi
Svizzera
53 min

Aumentano gli incidenti gravi sulle strade svizzere

Nel 2021 sono stati 3’933, e in duecento casi con esito letale. In Ticino la proporzione più elevata
Svizzera
3 ore

Sempre più privati richiedono l’accesso a documenti ufficiali

L’anno scorso le domande di visionare questi atti sono state 1’385, il 16% in più rispetto al 2020. Accesso completo concesso solo in 694 casi
Svizzera
4 ore

Il Covid ha pesato sul turismo anche nel 2021: -43,9% di entrate

Rispetto al 2019 la bilancia segna un -605 milioni di franchi
Svizzera
18 ore

71 pecore precipitate nell’Oberland grigionese, sospetto lupo

Gli ovini sono caduti da una parete rocciosa alta dieci metri, 24 sono morti e 19 hanno dovuto essere abbattuti. Si pensa all’attacco di un predatore
Svizzera
19 ore

Aumenta il consumo degli oppioidi in Svizzera

Uno studio del Politecnico di Zurigo evidenzia come la vendita è cresciuta del 91 per cento, così come sono triplicate le chiamate a Tox Info
Svizzera
21 ore

Google inaugura una terza sede a Zurigo

La terza filiale si trova a pochi passi dalla stazione centrale, nella Europaallee. Il gruppo tecnologico americano impiega circa 5’000 persone in città
Svizzera
22 ore

Panne a Skyguide, le risposte attese per fine estate

Presentato il primo rapporto intermedio relativo al malfunzionamento che il 15 giugno aveva portato alla chiusura dello spazio aereo svizzero
Svizzera
22 ore

Riforma Avs, Berset difende la pensione a 65 anni per le donne

La riforma, secondo il consigliere federale, permetterebbe di stabilizzare le finanze dell’Avs per dieci anni e garantire l’attuale livello di rendite
Svizzera
22 ore

Il Kunsthaus fa luce sulle opere d’arte rubate dai nazisti

Il neopresidente della società che gestisce il museo vuole indagini sulla Collezione Bührle. Fra i dipinti un’opera proveniente dalle isole di Brissago
Svizzera
23 ore

Credit Suisse condannata a pagare una multa di due milioni

L’istituto bancario è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona nell’ambito del processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara
Svizzera
23 ore

Appello delle Ong: svolta energetica fattibile entro il 2035

Secondo le organizzazioni ambientaliste, l’espansione della produzione di energia solare potrebbe coprire la crescente domanda di elettricità
Svizzera
1 gior

‘La lingua dei segni va riconosciuta giuridicamente’

Lo chiede una mozione approvata dal Consiglio nazionale per il riconoscimento e la promozione delle tre lingue dei segni utilizzate in Svizzera
Svizzera
1 gior

‘Siamo testimoni di un cambiamento epocale’

La guerra in Ucraina ha sconvolto sicurezza svizzera ed europea, e avrà conseguenze a lungo termine sulla politica nazionale e internazionale
Svizzera
1 gior

Detenuto in condizioni illecite, per il Tf sentenza ‘scioccante’

I giudici di Losanna criticano la decisione del tribunale che riteneva prescritto il risarcimento a un uomo detenuto per 247 giorni in sovraffollamento
Svizzera
1 gior

Tre anni di carcere all’ex parroco col vizio del gioco

Sei i mesi da scontare per l’ex sacerdote di Küssnacht. Tra il 2009 e il 2018 aveva truffato oltre 70 fedeli per più di 3 milioni di franchi
14.12.2020 - 17:33

Adozioni dallo Sri Lanka, il Consiglio federale ‘deplora’

Riconosciute ‘le mancanze delle autorità’. Le persone adottate saranno sostenute nella ricerca delle loro origini. La prassi attuale verrà verificata.

Berna – Il Consiglio federale riconosce le gravi mancanze delle autorità federali e cantonali nelle quasi 900 adozioni di bimbi dello Sri Lanka tra gli anni Settanta e Novanta, illegali a vario titolo. Esprimendo rammarico, assicura agli adottati il sostegno nella ricerca delle origini e verificherà la prassi attuale in materia di adozioni.

Il governo ha pubblicato oggi un rapporto, adottato venerdì, in risposta a un postulato del dicembre 2017. L'atto parlamentare dell'allora consigliera nazionale Rebecca Ruiz (Ps/Vd) faceva riferimento a uno scandalo per certi versi noto da 40 anni, ma riemerso con prepotenza in quell'autunno in seguito a un programma televisivo olandese, che ha richiamato l'attenzione sull'esteso traffico di bambini tra lo Sri Lanka e diversi paesi europei.

In Svizzera, le numerose irregolarità, alcune delle quali molto gravi, nelle procedure di adozione di neonati e bimbi in tenera età srilankesi sono state dimostrate in uno studio della Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (Zhaw) pubblicato alla fine di febbraio. Il Consiglio federale le fa proprie nel suo rapporto. "Non è facile comprendere il mancato intervento delle autorità", scrive il governo.

Sincero rimpianto...

In una conferenza stampa a Berna, stamani la responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia (Dfgp) Karin Keller-Sutter ha riconosciuto che le autorità cantonali e federali erano a conoscenza delle pratiche in gran parte illegali, ma non hanno agito perché ognuna si è trincerata dietro i propri limiti di competenza.

"Il Consiglio federale riconosce la grande sofferenza, che non può essere cancellata", ha detto Keller-Sutter esprimendo "sincero rimpianto agli adottati e alle loro famiglie". Dello stesso tenore le parole del consigliere di Stato sangallese Fredy Fässler (Ps), presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (Cddgp).

... ma non scuse

Il governo federale rinuncia però a formulare delle scuse. Dopo aver consultato le associazioni di sostegno agli adottati, è emerso che per loro era soprattutto rilevante il riconoscimento delle mancanze delle autorità. Inoltre, ha spiegato la "ministra" di giustizia, in questa vicenda, contrariamente a quella dei collocamenti coatti, non è lo Stato ad aver promosso pratiche insostenibili.

Il rapporto odierno si occupa di due altri ambiti: il sostegno alla ricerca delle origini da parte degli adottati e l'analisi della situazione attuale in merito al tema delle adozioni internazionali in Svizzera.

Ricerca delle origini...

Gli adottati possono ritrovarsi ad affrontare difficoltà enormi nella ricerca delle loro origini. Sono molti i casi di falsificazione di documenti. Back to the Roots (ritorno alle radici), associazione che difende gli interessi degli adottanti dello Sri Lanka in Svizzera, è riuscita a ricostituire l'identità di sole dodici persone su 200 di cui si occupa, ha affermato la consigliera federale liberale radicale.

Le questioni relative alle origini saranno approfondite nell'ambito di un gruppo di lavoro congiunto con la Cddgp. Esso dovrà occuparsi del sostegno offerto alle persone interessate e formulare proposte concrete per apportare miglioramenti rapidi e mirati. In questo ambito, la competenza è essenzialmente dei Cantoni, ma Berna è disposta ad intervenire sussidiariamente, anche con un modesto contributo finanziario, ad esempio per coprire i costi dei viaggi verso l'Isola, ha detto Keller-Sutter.

... per tutte le adozioni internazionali

Dal canto suo Fässler ha comunicato l'"ampia disponibilità" dei Cantoni, allora come oggi responsabili delle verifiche sui mediatori nelle adozioni internazionali, ad aiutare. Concretamente si tratta di facilitare l'accesso a documenti, rinunciare al prelievo di tasse e istituire organi a cui le persone interessate possano rivolgersi direttamente.

La consigliera federale ha sottolineato che queste misure sono rivolte a tutte le persone adottate internazionalmente. Al fine di tracciare un primo bilancio della situazione relativa agli altri Paesi - "dalla sola India in Svizzera sono giunti tre volte più bambini che dallo Sri Lanka" - l'Ufficio federale di giustizia (Ufg) commissionerà una ricerca, ma limitata all'analisi degli archivi federali.

Tutele per future adozioni

Sull'altro fronte, per tutelare maggiormente i bambini nel settore delle future adozioni internazionali, il Dfgp è incaricato di istituire un gruppo di esperti, che dovrà analizzare in modo approfondito il sistema svizzero e proporre soluzioni, anche attraverso riforme legislative, per assicurare che "il bene del minore costituisca il fulcro delle procedure internazionali di adozione", ha spiegato Keller-Sutter. Sul piano giuridico negli ultimi anni la situazione è già migliorata, ha affermato la consigliera federale.

Possibili piste di sviluppo riguardano l'attribuzione delle competenze e una riduzione dei Paesi in cui è possibile adottare, tutto questo in un contesto in cui le adozioni internazionali sono fortemente diminuite (attualmente un centinaio all'anno), ha indicato Joëlle Schickel, corresponsabile del settore Diritto internazionale privato all'Ufg.

Nessuna ripercussione penale

La vicenda delle adozioni illegali non avrà probabilmente ripercussioni penali in Svizzera, ha detto la consigliera federale. Le infrazioni infatti sono state commesse in massima parte all'estero e i responsabili svizzeri sono nel frattempo deceduti.

Il Consiglio federale intende anche promuovere la ricerca storica. Incoraggia quindi la comunità scientifica ad occuparsi del tema delle adozioni internazionali e ad avviare progetti in merito.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
adozioni consiglio federale karin keller-sutter sri lanka
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved