covid-e-condizioni-di-lavoro-le-donne-le-piu-insoddisfatte
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Cade un elicottero sul Wiriehorn: due persone ferite

Il velivolo civile si è schiantato al suolo poco dopo le 11 sulla montagna dell’Oberland bernese.
Svizzera
5 ore

Con l’auto tra le bancarelle del mercato. Un ferito grave

A Ginevra un trentenne ha perso il controllo della vettura. In corso le indagini per capire se all’origine via sia un consumo eccessivo di alcool o droga.
Svizzera
5 ore

Plr: uno status di protezione più orientato al futuro rimpatrio

Durante l’assemblea dei delegati di oggi si parlerà di guerra, dell’aumento del budget dell’esercito e dell’imposta preventiva
Svizzera
22 ore

Tunnel del Gottardo riaperto, due feriti gravi nell’incidente

Un’auto ha invaso la corsia opposta schiantandosi contro un camion, una delle cui ruote si è staccata colpendo un’altra vettura
Svizzera
23 ore

Il duello fratricida Maillard/Nordmann potrebbe non esserci

Candidatura al Consiglio degli Stati, fra i due socialisti vodesi sarebbe stato trovato un accordo. La ‘soluzione’ verrà presentata sabato ai delegati
Svizzera
1 gior

Comm. Ambiente degli Stati: neutralità climatica entro il 2050

La Commissione raccomanda al plenum di approvare il controprogetto indiretto all’iniziativa ‘Per un clima sano (Iniziativa per i ghiacciai)’
Svizzera
1 gior

Moderna fa domanda di estensione per il vaccino contro Omicron

Il vaccino ambivalente contiene mRNA messaggero sia per la proteina spike del ceppo di Wuhan sia per quella delle varianti Omicron
Svizzera
1 gior

Zurigo, studenti alla guida dei tram: rabbia del sindacato

La Vpod: ‘Flessibilità promessa ai giovani ma non ai lavoratori fissi’. L‘azienda: ‘Lo facciamo per sgravare i dipendenti’
26.11.2020 - 12:02
Aggiornamento : 14:01

Covid e condizioni di lavoro, le donne le più insoddisfatte

Lo rivela un sondaggio di Travail.Suisse. Sovraccaricati i settori a maggior presenza femminile come l'assistenza e il sociale. Luci e ombre sul telelavoro

L'epidemia di coronavirus, a livello di condizioni lavorative, ha allargato il fossato esistente fra uomini e donne, con queste ultime che sono le grandi perdenti della crisi. È quanto emerge dal barometro in materia di Travail.Suisse, secondo cui inoltre l'home office è generalmente visto come un'arma a doppio taglio.

Donne ancora più penalizzate

Già prima dell'avvento del Covid-19, indica l'organizzazione in una nota odierna, i voti assegnati dalle donne alle proprie condizioni di lavoro erano inferiori a quelli degli uomini. Tale discrepanza si è ingigantita nel 2020, arrivando più che a raddoppiare.

Settore sanitario particolarmente toccato (in generale)

Ciò si può spiegare con il sovraccarico di lavoro che ha colpito settori essenziali, come il commercio al dettaglio, l'assistenza e il sociale. Si tratta infatti di ambiti dove vi è una grande proporzione di donne. La sanità appare comprensibilmente la più danneggiata dalla situazione, essendo stata la sola a ricevere punteggi tutti più bassi in confronto al 2019.

"Il settore della sanità protegge le nostre vite, ma è uno dei perdenti. Migliori condizioni per il personale infermieristico sono necessarie con urgenza", afferma, citato nel comunicato, l'ex consigliere nazionale (PS/BE) e ora presidente di Travail.Suisse Adrian Wüthrich.

Telelavoro

Altro effetto, questa volta indiretto, del coronavirus, il telelavoro lascia un sapore agrodolce ai salariati. Da un lato vengono apprezzati il fatto di non dover più percorrere il tragitto casa- ufficio e la calma che regna fra le proprie mura, dall'altro l'essere sempre raggiungibili e l'accorciamento, se non l'abolizione, delle pause sono visti negativamente.

I problemi più percepiti

In generale, la sesta edizione del barometro sulle condizioni di lavoro confezionato da Travail.Suisse mostra che i problemi principali per gli impiegati sono lo stress, la scarsa influenza sugli orari e l'assenza di sostegno alla formazione. Circa la metà degli stipendiati (51,4%) dubita di poter trovare un posto analogo in caso di licenziamento, mentre il 40% ritiene la propria retribuzione poco appropriata o assolutamente inadeguata alla prestazione professionale fornita.

C'è anche qualcosa di buono

Non tutto è però grigio: il sondaggio porta a galla anche qualche miglioramento rispetto al passato. Per esempio, la crisi del Covid sembra aver perfezionato la comunicazione interna con i datori di lavoro. Essi sono globalmente considerati onesti e degni di fiducia da parte dei dipendenti interpellati nel quadro dell'indagine.

Il sondaggio, precisa Travail.Suisse, è stato effettuato diversi mesi fa, fra metà giugno e inizio luglio. Per realizzarlo sono stati sollecitati circa 1500 impiegati rappresentativi del mercato del lavoro elvetico e provenienti da tutte le regioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
condizioni lavoro telelavoro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved