laRegione
mangiare-lentamente-sul-treno-per-evitare-la-mascherina
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

La pandemia ferma San Nicolao e lo Schmutzli

In tutta la Svizzera tedesca le visite ai bambini dell'anziano con la barba bianca e dell'uomo nero sono sostituite da una 'Casa nel bosco'.
Svizzera
3 ore

'Situazione non rassicurante, i cantoni agiscano subito'

Berset ha parlato di 'sette cantoni' nei quali la situazione è preoccupante, ed esorta a prendere tempestivamente misure rigorose
Glarona
4 ore

Il lupo si fa vedere anche a Glarona

Al momento i danni agli agricoltori sono minimi, per abbondanza di selvaggina e misure di protezione delle greggi
Svizzera
4 ore

Romandia, in quattro cantoni riapre la cultura

A Vaud, Ginevra, Friburgo e Neuchâtel, dal 19 dicembre riaperti cinema, teatri e sale concerto con un massimo di 50 persone. Giura valuta riapertura locali
Svizzera
4 ore

Un controprogetto all’Iniziativa biodiversità

Il Consiglio federale vuole garantire aree protette sufficienti per arrestare la perdita di specie animali e vegetali
Svizzera
6 ore

Paesi a rischio, anche tre regioni italiane in lista nera

Dal 14 dicembre obbligo di quarantena per chi arriva, fra gli altri, da Usa e Portogallo ma anche da Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Veneto
Svizzera
7 ore

Sciopero per il clima, giornata d'azione il 21 maggio

Il movimento sorto da Sciopero per il clima terrà una giornata di mobilitazione con eventi educativi, scioperi di protesta e varie azioni decentralizzate
Svizzera
7 ore

In Svizzera situazione dei contagi stabile, 101 i morti

Il tasso di positività stagna al 16% (ieri era il 15,9%), sono 4'382 i nuovi casi, nuovi ricoveri ancora sotto quota 200
Svizzera
20.11.2020 - 11:150
Aggiornamento : 12:19

Mangiare (lentamente) sul treno per evitare la mascherina

Il trucco si nota eccome, soprattutto oltr'Alpe. Il portavoce delle Ffs: 'Impensabile proibire di mangiare e bere'

Un'ora per mangiare un sandwich in treno: c'è chi ci mette tanto, per evitare in tal modo di indossare la mascherina. Un atteggiamento visto spesso in malo modo dagli altri viaggiatori e dal personale: non pochi pendolari temono per la loro salute. Lo racconta il portale d'Oltralpe Watson.

Mangiare, ma per un breve periodo

Nel trasporto pubblico si applica un rigoroso obbligo della mascherina, ricordano i cronisti del sito informativo in un contributo odierno. Solo coloro che mangiano o bevono sui treni possono togliersi la protezione, ma unicamente per un breve periodo di tempo.

In realtà però chi viaggia spesso sui treni delle Ffs vede passeggeri mangiare i propri snack al rallentatore. "Purtroppo ci sono persone che mangiano in modo provocatorio durante tutto il viaggio per evitare l'obbligo della mascherina", afferma Karin Blättler, presidente del gruppo d'interesse del trasporto pubblico Pro Bahn. A suo avviso questo non è però un problema del trasporto pubblico, ma di società.

Sui social se ne discute, sui treni si litiga

Il tema è assai dibattuto anche sul web. "Come pendolare non mi sento al sicuro, poiché da quando le mascherine sono diventate obbligatorie un numero considerevolmente maggiore di persone mangia e beve sui treni affollati", scrive un utente sul forum delle ferrovie federali.

"Questi trucchi usati da alcuni passeggeri sono molto noiosi per il personale dei treni", spiega a Watson Jürg Hurni, del sindacato del personale dei trasporti Sev. I comportamenti in questione provocano spesso discussioni e sfociano a volte in insulti, che possono essere opprimenti per i lavoratori sui convogli.

Un divieto di mangiare e bere, secondo Blättler, non sarebbe comunque una soluzione, perché a sua volta infastidirebbe i passeggeri che seguono le regole e si rifocillano rapidamente. La presidente di Pro Bahn invita al contrario tutti a seguire le regole dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e a indossare le mascherine. "Così avremo meno problemi".

Uso delle mascherine accettato, ma non ovunque

L'accettazione dell'uso obbligatorio dei dispositivi sul volto nei trasporti pubblici è complessivamente molto elevata. Tuttavia questo a quanto sembra non avviene nella stessa misura in tutto il paese. "Più si va a est, maggiore è la resistenza contro le mascherine obbligatorie", sostiene il sindacalista dei trasporti pubblici Hurni, che quasi quotidianamente si confronta con i dipendenti delle ferrovie. Invece in Romandia, regione del paese particolarmente colpita dal Covid-19, l'accettazione delle misure è molto elevata.

© Regiopress, All rights reserved