Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
4
LA Kings
0
fine
(0-0 : 2-0 : 2-0)
cure-intense-piene-in-cinque-giorni
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Trattati internazionali, no a referendum obbligatorio

Il Nazionale bissa la decisione di non entrata in materia. Il progetto è definitivamente affossato.
Svizzera
9 ore

Stop ai viaggi per chi è ammesso provvisoriamente in Svizzera

Il Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Ai titolari di un permesso F non sarà consentito muoversi nemmeno all’interno dello spazio Schengen.
Svizzera
11 ore

Passo avanti in Svizzera verso il ritorno dei test gratuiti

I ‘senatori’ sono d’accordo sul principio, ma vogliono escludere i test rapidi per uso personale o quelli sierologici non ordinati dal Cantone
Svizzera
12 ore

Due bambine rimpatriate in Svizzera dalla Siria

Le due giovani, partite da un campo nel Nord-est del Paese, sono in viaggio verso la Confederazione. La madre si sarebbe unita alla milizia dell’Isis.
Svizzera
12 ore

L’esercito inasprisce le regole per uscite e congedi

Da oggi nuove direttive per impedire contagi e casi di Covid-19. Per tutti i militari uscite limitate all’area della piazza d’armi e all’accantonamento
Svizzera
16 ore

‘Media indipendenti fondamento della democrazia diretta’

Il comitato per il ‘sì’ al pacchetto di aiuti lancia la campagna in vista della votazione del 13 febbraio
Svizzera
17 ore

Pochissime le morti fra i vaccinati

A dirlo l’Ufficio federale della sanità pubblica. In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate
Svizzera
17 ore

In Svizzera 23’888 nuovi casi di Covid nel weekend

Nelle ultime 72 ore si registrano anche 39 nuovi decessi e 181 ricoveri in ospedale
Svizzera
03.11.2020 - 17:000

'Cure intense piene in cinque giorni'

È quanto ha affermato oggi Virginie Masserey, responsabile della sezione di controllo delle infezioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica

a cura de laRegione

Secondo le proiezioni la Svizzera rischia di arrivare al limite dei posti in cure intense fra cinque giorni. È quanto ha detto oggi a Berna Virginie Masserey, responsabile della sezione di controllo delle infezioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Attualmente circa il 45% dei letti in terapia intensiva è occupato da pazienti malati di Covid-19, ha aggiunto Masserey, sottolineando che si assiste a un'evoluzione rapida della situazione. In diversi cantoni si osserva un nuovo stop delle operazioni non urgenti negli ospedali e nelle cliniche.

Preoccupano le persone a rischio

Le persone vulnerabili devono proteggersi, ha ribadito l'esperta, precisando che la tendenza è sempre la stessa: a essere particolarmente a rischio sono gli anziani e le persone con malattie pregresse. Oltre gli ottant'anni il rischio aumenta notevolmente, ma già per le persone al di sopra dei 50 e dei 60 anni il decorso della malattia può essere pericoloso. In questo senso, preoccupano anche i focolai nelle case di cura.

Secondo Masserey, attualmente "ci sono riserve" e nei reparti di terapia intensiva si mantiene ancora il 27% di capacità. Tuttavia, la task force scientifica ha stimato la scorsa settimana che se i numeri continueranno a crescere come ora, questi reparti saranno pieni fra cinque giorni. La responsabile della sezione di controllo delle infezioni dell'UFSP ha però assicurato che al momento - anche grazie alle riserve dell'esercito - sono disponibili respiratori a sufficienza.

Infezioni in leggero rallentamento

Al giorno d'oggi è ancora presto per vedere gli effetti delle misure adottate dal Consiglio federale lo scorso mercoledì, ha spiegato Masserey, ma si assiste a una leggero rallentamento delle nuove infezioni. L'incidenza varia da cantone a cantone e attualmente è in particolare la Romandia a essere più in difficoltà.

Il numero delle ospedalizzazioni solitamente cresce a distanza di un paio di settimane dall'aumento dei nuovi contagi, ha invece affermato il presidente dell'organizzazione mantello dei medici cantonali, Rudolf Hauri. La situazione attuale, dopo l'incremento dei casi nelle ultime settimane, rispecchia questa tendenza.

Contact tracing sotto pressione

Riguardo al contact tracing, il medico cantonale di Zugo ha spiegato che attualmente il sistema di tracciamento nei vari cantoni è sotto pressione a causa dell'elevato numero di nuovi contagi. Ciò porta anche a un aumento del numero di persone in quarantena.

Nonostante le numerose richieste di esclusione da tale misura, Hauri ha chiaramente spiegato che non è possibile approvarle. C'è tuttavia la possibilità, per gli operatori sanitari o le persone che lavorano nei servizi sociali, di andare a lavorare seguendo determinate misure di protezione. "Ma non è che non siano più in quarantena", ha chiarito il medico cantonale di Zugo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved