coronavirus-seconda-ondata-piu-rapida-e-forte-del-previsto
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Horizon Europe: alcuni Stati vogliono che la Svizzera partecipi

Non si sa di preciso di quali nazioni Ue si tratti, ma Germania, Austria e Pesi Bassi hanno in passato fatto intendere di essere favorevoli
Svizzera
8 ore

Notifiche per le aziende estere, ‘cinque giorni bastano’

L’organizzazione sindacale Travail.Suisse sarebbe disposta ad accettare la riduzione del termine d’annuncio
Svizzera
12 ore

Zurigo, ripescato un cadavere dal lago: indagini in corso

La polizia ha ricevuto ieri mattina la segnalazione di un corpo che galleggiava nella zona del Bellevue e del Quaibrücke
Svizzera
13 ore

Ondata di fallimenti: bancarotte aumentate del 41%

Le aziende più colpite sono quelle attive nel ramo dei servizi. Creditreform ha confrontato il primo semestre di quest’anno con quello del 2021.
Svizzera
14 ore

Governo in vacanza, ma non mancheranno gli incontri ufficiali

Cassis sarà impegnato a New York a inizio agosto, Keller-Sutter si recherà questo mese a Praga. Parmelin sarà in Sudafrica questa settimana.
diplomazia
1 gior

Sette princìpi e una promessa: Ucraina in pace e democratica

La Dichiarazione di Lugano convince i partecipanti e Kiev, ma il premier ucraino esagera e chiede per il suo Paese i soldi congelati degli oligarchi
Svizzera
1 gior

‘L’addio ai Tiger è prematuro’

È il parere della Commissione della politica di sicurezza del Nazionale. Per esprimersi definitivamente, invece, sugli F-35A attende ancora due rapporti
Svizzera
1 gior

Abitazioni di proprietà, prezzi salgono nonostante aumento tassi

La causa è l’offerta estremamente limitata. Aumenti soprattutto nei comuni rurali e nei centri
Svizzera
1 gior

Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio

Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
1 gior

A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola

Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
20.10.2020 - 15:39
Aggiornamento: 16:37
Ats, a cura de laRegione

Coronavirus, 'Seconda ondata più rapida e forte del previsto'

A preoccupare è in particolare l'evoluzione dei pazienti in cure intense, che oggi ha toccato quota 100. Seco teme possibili lockdown

La seconda ondata di coronavirus è arrivata ed è più rapida e forte del previsto. È quanto hanno sostenuto gli esperti della Confederazione nella abituale conferenza stampa svoltasi a Berna.

Oggi si sono segnalati oltre 3000 casi, 53 ricoveri e otto decessi. «I dati giornalieri però dicono poco, dobbiamo quindi soffermarci sul paragone con la settimana scorsa, quando le cifre erano grosso modo la metà di adesso"», ha detto Stefan Kuster, responsabile per le malattie trasmissibili presso l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). A preoccupare sono soprattutto i ricoverati in terapia intensiva, che a livello nazionale ha raggiunto quota 100 a mezzogiorno di oggi, martedì 20 ottobre, e che «sta aumentando in modo rapido», ha commentato Andreas Stettbachler, delegato del Consiglio federale per il servizio sanitario coordinato).

Nelle ultime due settimane il 14% dei tamponi è risultato positivo. Ogni persona malata al momento ne contagia circa 1,6. "Proprio per questo si registra una curva esponenziale", ha spiegato Kuster. L'incidenza della malattia è grosso modo il doppio di quella che attualmente si segnala in Italia.

L'incremento della curva - che secondo l'esperto continuerà nonostante le nuove misure prese - riguarda tutte le fasce di popolazione. A livello geografico la distribuzione dei focolai non è omogeneo. Fra gli ospedalizzati il gruppo più rappresentato è sempre quello degli over 65. 

Una seconda, forte ondata

La seconda ondata è arrivata, dunque. E potrebbe durare a lungo, ha dal canto suo dichiarato senza giri di parole Thomas Steffen, rappresentante dell'Associazione dei medici cantonali della Svizzera. «Siamo attualmente molto impegnati con domande riguardanti potenziali focolai in ospizi, scuole e club sportivi dilettantistici», ha spiegato.

L'umore fra la gente è cambiato negli ultimi giorni, sostiene l'esperto. «Fino a due settimane fa ricevevamo domande piuttosto critiche sulle misure prese, mentre ora prendono contatto sempre più persone preoccupate per la situazione», ha constatato. Molti si sentono frustrati e rifiutano l'idea di un secondo confinamento.

Secondo Steffen, la gente ha imparato dalla prima ondata e non vuole provare le stesse cose. Proprio per questo è più importante del solito informare bene e attivamente la popolazione, in modo che siano tutti pronti ad affrontare la nuova sfida. «Ne usciremo», ha rassicurato.

Economia preoccupata

Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch, Segretaria di Stato e direttrice della Segreteria di stato dell'economia (Seco), ha invece sottolineato che l'economia svizzera ha superato il primo semestre meglio del previsto, anche se si tratta comunque di una contrazione doppia rispetto alla crisi del 2009. Alcuni settori sono poi particolarmente in difficoltà, si pensi ad esempio agli eventi.

«La situazione è comunque molto tesa e l'aumento dei casi preoccupa anche l'economia», ha detto. È quindi necessario fare di tutto per tenere la situazione sotto controllo. Tenere bassi i costi della pandemia è fondamentale e per questo sono importanti le misure di protezione decise dalle autorità, ha aggiunto.

«Tutti devono rispettare le regole, ad esempio lavorando in Home Office quando possibile», ha sottolineato. Anche se strumenti come il lavoro ridotto continuano a rimanere disponibili, bisogna fare di tutto per frenare il virus, poiché dei lockdown - anche solo parziali - sono gravemente dannosi per l'economia.

Leggi anche:

Coronavirus, altri 3'008 casi. Un tampone su 5 positivo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved