ULTIME NOTIZIE Svizzera
la guerra in ucraina
4 ore

Armi: la Germania potrebbe non rifornirsi più in Svizzera

La Svizzera rifiuta la riesportazione in virtù del principio di neutralità e della legge sul materiale bellico. L’ambasciatore tedesco a Berna protesta
Svizzera
11 ore

Capanna completamente distrutta dalle fiamme a Sumvitg

Impegnativo intervento per i pompieri nella notte nei Grigioni. Sospetta intossicazione da fumo per i due inquilini che si trovavano all’interno
Svizzera
12 ore

Quasi 140 milioni di mascherine arriveranno a scadenza nel 2023

Un gruppo di lavoro sta studiando soluzioni per usi alternativi di questo materiale, conservato nei magazzini della farmacia dell’Esercito
Svizzera
13 ore

Daniel Vasella non voleva pagare le tasse a Zugo. Ma dovrà farlo

L’ex Ceo di Novartis sconfessato dal Tribunale amministrativo. Il contenzioso risale al 2013
Svizzera
14 ore

Elezioni a Zurigo, in gioco c’è la ‘maggioranza climatica’

In corsa per il rinnovo dei poteri cantonali in riva alla Limmat si ripresentano tutti i consiglieri di Stato. Ma l’esito non è scontato
Svizzera
15 ore

Ricardo sfonda la soglia degli 1,6 milioni di utenti attivi

Per la piattaforma svizzera di vendita online creata nel 1999, il 2022 è stato un anno record. In ‘vetrina’ 12,5 milioni di articoli
Svizzera
16 ore

I ‘Corona-Leaks’ non intaccano la popolarità di Berset

Secondo il sondaggio condotto da Sotomo, il friborghese rimane il terzo consigliere federale nella classifica dei più stimati dall’elettorato
Ginevra
14.10.2020 - 14:54
Aggiornamento: 19:41

Imbrattò con vernice rossa la sede del Credit Susse: assolto

La Camera penale di appello del canton Ginevra ha ritenuto che l'attivista pro-clima avesse agito per "stato di necessità"

Ats, a cura de laRegione
imbratto-con-vernice-rossa-la-sede-del-credit-susse-assolto
L'attivista (Keystone)

L'attivista del collettivo Breakfree Switzerland, condannato per danni materiali a un edificio del Credit Suisse a Ginevra durante un'azione dimostrativa svoltasi nel 2018, è stato prosciolto oggi in appello. La Camera penale di appello ha riconosciuto lo "stato di necessità putativo" poiché il giovane ha agito perché riteneva di proteggere in questo modo la sua vita.

"Questo verdetto non costituisce un assegno in bianco per ulteriori danni. Né dovrebbe essere motivo di gioia, in quanto è il riconoscimento di un fallimento imminente", ha detto la presidente del tribunale Gaëlle Von Hove.

Vernice lavabile e ammissione dei fatti

La Camera di appello ritiene che al 23enne non possano essere imputate le colpe degli altri partecipanti all'azione che si era svolta nell'ottobre 2018, quando avevano imbrattato con le mani sporche di vernice rossa la sede ginevrina della banca per denunciare gli investimenti della banca nei combustibili fossili. Il giovane infatti aveva usato vernice lavabile.

Inoltre, ha riconosciuto i fatti, non si è sottratto alle sue responsabilità e non ha agito con l'obiettivo di danneggiare. Voleva spingere la banca a rinunciare ai massicci investimenti nei combustibili fossili, proteggendo così la sua vita e la sua integrità fisica, minacciate dal riscaldamento globale. Breakfree tentava di far reagire il Credit Suisse dal 2016, ma senza successo.

Per il tribunale, l'azione "mani rosse" è in linea con le misure propugnate dal Consiglio federale per frenare il riscaldamento globale e che sottolineano il rischio per la reputazione della piazza finanziaria elvetica. La posizione ufficiale della banca però non corrispondeva alla sua effettiva prassi di investimento e l'attivista non aveva nessuna possibilità di agire visto che non è cliente o azionista della banca

La Procura e la banca hanno 30 giorni di tempo per presentare ricorso al Tribunale federale contro questa assoluzione.

Il 23enne era stato condannato nel febbraio di quest'anno dal Tribunale di polizia a 10 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese e a pagare le spese di pulizia per un ammontare di 2'250 franchi richiesti dalla banca. La presidente del tribunale e giudice unica aveva diminuito la pena inflitta tramite decreto d'accusa, che era inizialmente di 20 aliquote da 30 franchi sospese.

I fatti contestati riguardano la prima marcia per il clima tenutasi a Ginevra il 13 ottobre 2018. Una quindicina di manifestanti avevano imbrattato con le mani coperte di vernice rossa l'edificio di Credit Suisse con l'obiettivo simbolico di rappresentare le vittime del riscaldamento climatico. Il 23enne era stato fermato al termine dell'azione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved