laRegione
votazioni-uno-schiaffo-per-i-democentristi
Nel segreto dell'urna (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 gior

Il Prix Courage a genitori di vittima di mobbing online

La loro figlia si suicidò dopo aver subito attacchi sui social network. Ora si battono contro il sexting tra i ragazzi
Svizzera
1 gior

Pronta la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza Onu

Cassis: siamo partner affidabili, con una lunga tradizione di promozione della pace. Sommaruga: siamo costruttori di ponti. Elezioni nel giugno 2022.
Svizzera
1 gior

Lobbismo, Il Nazionale silura progetto per più trasparenza

Il progetto prevedeva l'indicazione obbligatoria da parte dei lobbisti del datore di lavoro e dei loro mandati e un limite di autorizzazioni di accesso
Svizzera
1 gior

Caso Fifa, Valcke assolto dall'accusa di corruzione

Lo ha stabilito il Tribunale penale federale di Bellinzona. L'ex segretario generale è stato condannato per falsità in documenti e amministrazione infedele
Svizzera
1 gior

'Capacità degli ospedali superate in poche settimane'

Per il capo della task force Covid-19, solo fermare la tendenza dei contagi eviterà la saturazione. Sotto pressione anche medici di famiglia e psichiatria
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in Svizzera 279 ricoveri e 52 morti

I nuovi casi registrati sono 9'207 per un tasso di positività in leggera diminuzione al 24%
Svizzera
1 gior

Anche le sigarette elettroniche saranno tassate

Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha approvato la mozione che incarica il governo di elaborare la base legale
Svizzera
1 gior

Il Canton Giura chiude bar e ristoranti

Il provvedimento scatterà il 2 novembre. Vietati inoltre gli assembramenti con più di cinque persone, anche in famiglia
Svizzera
1 gior

Epidemia e congiuntura: peggiorano le prospettive economiche

Il Kof di Zurigo aggiorna al ribasso il proprio barometro. Colpiti soprattutto servizi, alberghi e ristoranti
Svizzera
1 gior

I cinema elvetici lanciano l’allarme: rischio chiusura

Il limite di 50 spettatori mette in crisi il settore: 'Berna avrebbe fatto meglio ad assumersi la responsabilità finanziaria di chiudere'
Svizzera
2 gior

Coronavirus, ‘mascherina all’interno anche con distanza’

La raccomandano gli esperti della task-force federale. Il virus, ricordano, può diffondersi attraverso aerosol
Svizzera
2 gior

Farmaci generici, respinto il sistema dei prezzi di riferimento

Il Consiglio nazionale preferisce quello delle importazioni parallele. Approvato il primo pacchetto di misure per ridurre i costi della salute.
Svizzera
2 gior

Pigioni commerciali, primo passo in Parlamento

Il Consiglio nazionale, con un voto risicato, entra in materia sul progetto che vorrebbe concedere uno sconto del 60% ai locatari colpiti dal lockdown
Svizzera
2 gior

Vaud, spara alla moglie e si suicida in strada

La donna, colpita al petto, è in pericolo di vita. L'uomo ha rivolto l'arma contro di sè in strada all'arrivo della polizia
Svizzera
2 gior

Tamedia: più stretta collaborazione fra "Bund" e "Berner Zeitung"

L'obiettivo è trovare sinergie nel settore cantonale e comunale. I sindacati: fine del "modello di Berna".
Svizzera
2 gior

Pierre Maudet si è dimesso

Il consigliere di Stato ginevrino ha comunicato oggi che consegnerà il mandato. Ieri era stato provvisoriamente privato del suo dipartimento
Svizzera
28.09.2020 - 10:200
Aggiornamento : 11:24

Votazioni, uno schiaffo per i democentristi

All'indomani delle votazioni federali, la stampa svizzerotedesca e romanda usa toni forti per sottolineare la débâcle dell'Udc

All'indomani del 'no' (61,7%) degli Svizzeri all'iniziativa popolare dell'Udc per la limitazione, la stampa elvetica parla di 'schiaffo' e'fiasco' per i democentristi che hanno perso quatto dei cinque oggetti sottoposti a votazione. Sui giornali svizzerotedeschi si sottolinea la vera e propria 'professione di fede' per la via bilaterale espressa dal popolo svizzero.

Per il Blick, la prima formazione politica del Paese ha registrato il «più grande fiasco da quando Christoph Blocher è stato cacciato dal Consiglio federale nel 2007». Il testo dell'Unione democratica di centro ha ottenuto soltanto poco più del 38% dei voti, «con l'immigrazione quale tema centrale!», scrive senza mezzi termini il quotidiano zurighese. «La direzione dell'Udc si è rotta i denti attaccando la libera circolazione», rileva dal canto suo il Tages-Anzeiger. Il 'no' degli Svizzeri «deve far riflettere il partito: ha unito due dei suoi temi favoriti, l'immigrazione e le relazioni con l'Ue, in un'iniziativa popolare. Ma non è neppure riuscito a suscitare una discussione», aggiunge il Tagi. La Südostschweiz si spinge ancora più lontano, parlando di un declino dell'Udc. «Il partito ha finito le forze. Manca di percussione e di leader, come ha mostrato il valzer pieno di esitazioni per nominare un nuovo presidente». Il giornale ritiene che gli accordi bilaterali con l'Ue siano sempre stati apprezzati dagli Svizzeri, che li hanno sempre difesi. Sulla stessa lunghezza d'onda la Neue Zuercher Zeitung: «Dopo la parentesi (dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa accolta nel 2014 ndr), la Svizzera ha confermato per l'ennesima volta la libera circolazione delle persone e gli accordi bilaterali con l'Ue», scrive il quotidiano zurighese, il quale sottolinea come, sebbene abbia bisogno di due o tre tentativi, la Svizzera «resta il partner più affidabile a lungo termine» per l'Unione europea. «Retrospettivamente il 'sì' all'iniziativa sull'immigrazione di massa nel 2014 sembra essere un incidente di percorso», precisa dal canto suo il Bund. «Gli Svizzeri hanno meno problemi con gli Spagnoli, gli Europei dell'Est e tutti gli altri cittadini dell'Ue che lavorano e vivono qui rispetto a quando chiede l'UDC», aggiunge il giornale bernese. La chiara approvazione della libera circolazione delle persone mostra che il disagio è limitato, che si tratti di concorrenza sul luogo di lavoro, l'espansione urbana o istituzioni di protezione sociale».

Molto critica anche la stampa romanda

Anche sulla stampa romanda i toni sono critici nei confronti del primo partito elvetico. «È una domenica nera» per l'Udc, scrive il Journal du Jura, parafrasando il consigliere federale Jean-Pascal Delamuraz dopo il 'no' degli Svizzeri allo Spazio economico europeo (See) nel 1992: «cinque oggetti in votazione quattro sconfitte. Tre cittadini su cinque hanno spazzato via l'iniziativa molto populista detta della limitazione», precisa il quotidiano. Che poi annota: «In una fase in cui la crisi suscitata dalla pandemia del coronavirus ha colpito in pieno l'economia del Paese, gli elettori non hanno voluto aggiungere un'ulteriore difficoltà». Con il Covid-19, «certe bussole hanno ritrovato il nord», sottolinea il quotidiano ginevrino Le Courrier, mettendo in risalto le quattro vittorie della sinistra su cinque oggetti sottoposti al popolo. A «una chiusura delle frontiere come comportava l'iniziativa per la limitazione dell'Udc», gli Svizzeri hanno preferito «trovare una via dinamica di scambi con i Paesi vicini proteggendo i salariati, di cui i nostri ospedali hanno peraltro bisogno», aggiunge Le Courrier. Per Le Temps, un 'no' con oltre il 61% dei voti è «un plebiscito per la libera circolazione delle persone» e una conferma che «la via bilaterale è la buona strategia» da adottare con Bruxelles. Se tale successo è dovuto a una «campagna esemplare» con una «forte alleanza» tra padronato e sindacati, è «anche quello di una donna: Karin Keller-Sutter», la ministra della giustizia che si è impegnata «fermamente in questa votazione con un discorso chiaro e positivo (...). Con questa vittoria, la sangallese assume una nuova dimensione in seno al governo», aggiunge il quotidiano romando. Oltre all'attaccamento agli accordi bilaterali, il popolo svizzero «ha chiaramente riconosciuto il suo errore del 9 febbraio 2014, quando una debole maggioranza aveva accettato l'iniziativa contro l'immigrazione di massa", scrive dal canto suo Le Quotidien Jurassien. Tale "no" alle urne "era cruciale per il futuro del Paese sul piano economico, ma anche per le relazioni di buon vicinato con l'Unione europea». Infine, per La Liberté, se «il primo partito del Paese ha ricevuto uno schiaffo sul suo terreno di predilezione», il risultato di domenica è «un sì all'Europa a determinate condizioni. Il Consiglio federale dovrà in effetti decidere nelle prossime settimane se firmare o no l'accordo istituzionale con l'Ue», ricorda il quotidiano friborghese. «Orbene, come la meteo, il termometro politico, in Svizzera, ha perso brutalmente qualche grado e il progetto sul tavolo non convince più».

© Regiopress, All rights reserved