laRegione
aerei-da-combattimento-il-si-prevale-per-10mila-voti
Incrinato per un soffio il fronte del no (archivio Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
15 min

L'esercito svizzero sospende i corsi di ripetizione

La decisione è stata presa per permettere alle forze armate di prepararsi a un possibile appoggio a favore delle autorità civili
Svizzera
13 ore

Riserve casse malati, Romano chiama in causa il Governo

Il consigliere nazionale del Ppd presenterà due atti parlamentari all’imminente sessione straordinaria della Camera del popolo
Svizzera
17 ore

Propaganda pro Al Qaida, condanne sospese per membri Ccis

15 e 18 mesi di carcere con la condizionale inflitti dal Tpf di Bellinzona a Nicolas Blancho e Qaasim Illi, del Consiglio centrale islamico della Svizzera.
Svizzera
17 ore

Razzismo, svizzeri non sufficientemente consapevoli

Si manifesta per lo più nella vita quotidiana, come nella ricerca di un alloggio o di un posto di lavoro. Ma la morte di George Floyd qualcosa ha mosso.
Svizzera
19 ore

'Non ci sono alternative alle misure drastiche'

La task force lancia un appello alla popolazione: 'Restate a casa, non abbiamo tempo da perdere'. Previsto il pieno dei letti in terapia intensiva fra 15 giorni
Svizzera
19 ore

La ‘base’ del Ppd vuole diventare ‘Alleanza del Centro’

Il 60% di chi ha preso parte alla votazione interna approva il cambiamento di nome. Il presidente Pfister: risultato chiaro.
Svizzera
21 ore

Uccise a coltellate un richiedente asilo, 16 anni di carcere

Condannato un 35enne che nel 2018 aveva inferto 29 coltellate a un richiedente asilo nel centro di accoglienza di Mels (SG) a seguito di litigi precedenti.
Grafica
Svizzera
22 ore

Coronavirus, in Svizzera 5'949 contagi e 167 ospedalizzazioni

Tra ieri e oggi si registrano altri 16 decessi a causa del Covid-19. Tasso di positività dei tamponi quasi al 30%
Svizzera
23 ore

Lotto Svizzero, un milione attende il vincitore sbadato

La schedina con i numeri azzeccati era stata giocata il 25 aprile. Se l'uomo non si farà vivo, l'importo sarà devoluto in beneficenza
Svizzera
23 ore

Grigioni, treno centra massi, macchinista ferito

Ieri sera un convoglio della Ferrovia retica ha investito dei sassi finiti sui binari nei pressi di Tiefencastel. I passeggeri a bordo sono usciti illesi
Svizzera
1 gior

L'epidemia minaccia 100mila impieghi della ristorazione

Lo sostiene GastroSuisse, che non nasconde i suoi timori sulle conseguenze delle nuove restrizioni. Molti gli stabilimenti già chiusi.
Svizzera
1 gior

Svizzera, diminuiscono i casi in assistenza sociale

In 14 città del Paese lo scorso anno si è registrata una flessione delle richieste. Ma, complice la pandemia, è lecito presumere un aumento nel 2020
Svizzera
27.09.2020 - 18:370

Aerei da combattimento, il sì prevale per 10mila voti

I sondaggi della vigilia davano ampiamente vincente il credito da sei miliardi. Alla fine solo il 50,2% lo ha accettato

Berna - I velivoli da combattimento superano per un soffio la contraerea del popolo svizzero: il 50,2% dei votanti ha accettato di spendere 6 miliardi di franchi per rinnovare la flotta a disposizione dell'aeronautica. La differenza fra i sì è i no si è rivelata di solo 9743 schede.

Contrariamente a quanto indicato dai sondaggi della vigilia, che davano il sostegno al progetto abbastanza solido (58%), il risultato è stato in bilico tutto il pomeriggio e l'esito finale è giunto solo dopo le 17.00.

Stando ai dati provvisori diffusi dalla Confederazione - che differiscono lievemente da quelli sin qui calcolati sommando i dati comunicati dalle cancellerie cantonali - il decreto federale è stato approvato da 1'604'899 persone, mentre i no sono stati 1'595'156. A livello di cantoni la partita è finita in modo molto più netto: 18 a 8.

La geografia del voto mostra uno spaccato fra una campagna favorevole e le città scettiche: grazie anche all'elevata partecipazione (si è attestata al 59%) gli oppositori hanno sperato sino all'ultimo che sul piatto della bilancia avrebbero da ultimo esercitato il loro peso le agglomerazioni. Ma Zurigo alla fine ha deciso il match, schierandosi con il 50,3% nel campo dei fautori dell'acquisto.

Intorno alle autorità e all'esercito si sono mossi compatti i cantoni della Svizzera primitiva (campione assoluto è Nidvaldo, con il 65,7% di sì), realtà come i Grigioni (53,0%) e numerose regioni della Svizzera tedesca. Hanno invece votato contro il Ticino (52,8% di no) , insieme ai due Basilea, Friburgo, Vaud, Ginevra, Neuchâtel e Giura (68,6%), che si è mostrata la regione oggi politicamente più lontana dai palazzi del potere bernesi.

Come noto si trattava di autorizzare una spesa massima di 6 miliardi di franchi per acquistare jet destinati a rimpiazzare i 26 F-5 Tiger e i 30 F/A-18 che, a detta dei vertici dell'esercito, stanno diventando o sono già obsoleti . Nel 2014 il popolo si era opposto all'acquisto dei Gripen, che sarebbero peraltro costati la metà: questa volta la scelta del velivolo avverrà solo in un secondo tempo.

Le critiche al progetto sono venute soprattutto da sinistra: gli oppositori hanno parlato di una spesa di 24 miliardi - sull'arco dell'intero utilizzo dei velivoli - assolutamente senza senso. A loro avviso la Svizzera farebbe meglio a prepararsi ad altre minacce quali catastrofi, attacchi cibernetici, pandemie e cambiamento climatico.

Per il campo del sì - che comprendeva tutti i partiti borghesi - le nuove forme di guerra non sostituiscono le vecchie minacce: si trattava di decidere su una politica di sicurezza e sulla neutralità. Il popolo ha dato loro ragione, anche se solo per un soffio.

Secondo il vicepresidente PS Roger Nordmann l'esito risicato del voto mostra comunque che l'esercito ha un problema di credibilità. La consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) non ha esitato a parlare di risultato "sensazionale", viste le promesse. Anche la collega Priska Seiler Graf (PS/ZH) ha detto che la quota di no è insperata.

L'analisi viene condivisa dal fronte avverso, quello a favore del progetto di Consiglio federale e parlamento. "Che non ci si potesse attendere un risultato-bomba in tempi economicamente difficili era chiaro", ha affermato il consigliere nazionale Lorenz Hess. "Ma non avremmo mai pensato che un 58% segnalato dai sondaggi diventasse improvvisamente un 50%".

Pure il presidente della Società svizzera degli ufficiali (SSU) Stefan Holenstein fa autocritica. "La situazione è del tutto inaspettata, speravamo in un risultato molto più netto", ha detto. A suo avviso i promotori non sono riusciti a portare avanti in modo sufficientemente deciso gli argomenti a favore dell'operazione. "I 6 miliardi di franchi hanno evidentemente fatto paura", ha osservato.

Ora parte la fase di valutazione dei velivoli. In corsa vi sono due apparecchi americani - l'F-35 e l'F/A-18 Super Hornet - e altrettanti europei, il Rafale e l'Eurofighter. Ma la strada potrebbe non essere tutta in discesa: per il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) la sconfitta odierna è solo un inizio, e non una fine. L'organizzazione è pronta a lanciare un'iniziativa popolare contro la precisa scelta di un concreto velivolo.
 
 

© Regiopress, All rights reserved