laRegione
equita-per-donne-e-minoranze-maurer-passava-oltre
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
46 min

Gli infermieri in terapia intensiva in Svizzera: siamo esausti

Inchiesta giornalistica nei reparti Covid: 'Le autorità ci ignorano'. Mentre un'infermiera denuncia 60 ore di lavoro settimanali e pause inesistenti
Svizzera
1 gior

Coronavirus e sport, incontro mercoledì a Berna

La tavola rotonda è stata convocata dalla consigliera federale Viola Amherd a seguito della nuova situazione sanitaria
Svizzera
1 gior

Covid, fioccano le misure cantonali per contenere i contagi

Cantone per Cantone ecco i giri di vite decisi oggi da diversi Esecutivi cantonali. I Grigioni riattivano lo Stato maggiore di condotta
Svizzera
1 gior

'Serve una norma per regolare l'home office'

Lo sostiene l'Unione sindacale svizzera, secondo cui nel nostro paese esistono lacune su protezione della salute e materiale d'ufficio
Svizzera
1 gior

Coronavirus, 'Se non si agisce subito, sarà il collasso'

Secondo il capo della task force federale, a questo ritmo gli ospedali saranno pieni entro inizio novembre. Kuster: 'Messi peggio di tutti i paesi vicini'
Grafici
Svizzera
1 gior

Covid, superata soglia 6'500 casi. Un tampone su 4 positivo

In Svizzera nelle ultime 24 ore si sono registrati 6'634 nuovi contagi (tasso di positività al 26,5%), 117 nuovi ricoveri e 10 decessi
Svizzera
2 gior

Escursionista muore sul Grosser Mythen

Incidente in montagna nel Canton Svitto. A perdere la vita un 69enne recuperato dalla Rega
Svizzera
2 gior

La giornata della solidarietà permette di raccogliere 4 milioni

'La popolazione ha dato prova di grande generosità' per aiutare le persone colpite dalla pandemia nei paesi più poveri
Svizzera
27.09.2020 - 11:530
Aggiornamento : 20:22

Equità per donne e minoranze, Maurer passava oltre

Il ministro democentrista delle Finanze voleva abolire i criteri per la garanzia di un equilibrio nell'Amministrazione federale

Il ministro delle Finanze Ueli Maurer, che è anche responsabile dei 38mila 765 dipendenti della Confederazione, avrebbe voluto abolire i criteri per garantire una rappresentanza equa della minoranze linguistiche e delle donne nell'Amministrazione federale. Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.

Questi valori erano stati introdotti nel 2016, dopo aver costatato che le lingue minoritarie e le donne erano sottorappresentate fra il personale federale. Da allora, un rapporto annuale misura i progressi compiuti nei singoli dipartimenti.

Quattro anni dopo, visto il bilancio positivo, Ueli Maurer ha proposto di abbandonare queste soglie e di sostituirle con "raccomandazioni generali". A suo avviso, questo avrebbe permesso di "ridurre la burocrazia" generata dalla redazione del rapporto annuale e di concentrarsi sulla trasformazione digitale dell'amministrazione.

La proposta, presentata al governo il 18 settembre, ha incontrato forti resistenze, scrive il domenicale. Secondo i documenti di cui è in possesso il giornale, tre ministri si sono opposti: Ignazio Cassis, Alain Berset e Viola Amherd. Venerdì scorso quindi il Consiglio federale ha confermato questi valori e li ha addirittura innalzati per le donne, i tirocinanti e i disabili.

Per quanto riguarda le lingue, la quota media di funzionari che parlano francese (21,9%), italiano (6,6%) e romancio (0,5%) corrisponde agli obbiettivi prefissati. Per il consigliere nazionale Laurent Wehrli (PLR/VD), presidente di Helvetia Latina - associazione che si batte per la promozione delle lingue minoritarie della Confederazione -, vanno comunque mantenuti perché "senza statistiche, il problema rischia di peggiorare senza essere immediatamente evidente. Dovremmo poi reagire più tardi con un rimedio da cavallo. Non è una cosa intelligente", ha detto a Le Matin Dimanche.

La vicepresidente Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE) è più drastica: "È in gioco la coesione nazionale", ha detto. "Ci sono dipartimenti che si impegnano più degli altri. Quando si tratta di donne, è la stessa cosa". I dipartimenti "tradizionalmente di lingua tedesca" - DFGP (giustizia, polizia), DDPS (difesa, protezione civile e sport), DATEC (ambiente, trasporti, energia e comunicazione) e DEFR (economia, formazione e ricerca) - hanno una sovrarappresentanza di dipendenti germanofoni e più si sale nella scala degli stipendi, più questa disparità diventa marcata.

Le donne rappresentano attualmente il 43,9% del personale della Confederazione. Ueli Maurer si è rallegrato del fatto che l'obbiettivo è stato quasi raggiunto, i suoi colleghi di governo invece hanno deciso di alzare la soglia tra il 46% e il 50% in generale e hanno aumentato la percentuale minima di fra i quadri di alto livello dal 20% al 27%.

© Regiopress, All rights reserved