ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 min

Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora

Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 ora

L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave

Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
2 ore

Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato

Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
17 ore

Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’

La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
17 ore

Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp

Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
20 ore

Il falso poliziotto non passa mai di moda. Due colpi a segno

Malfattori particolarmente attivi nelle truffe telefoniche. Anziani raggirati a Pratteln e San Gallo, per un importo complessivo di 80mila franchi
Svizzera
20 ore

Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola

Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
18.09.2020 - 15:21
Aggiornamento: 20:33

Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte

Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown

consiglio-federale-contro-le-camere-sulle-pigioni-ridotte

La legge per permettere agli esercizi commerciali di pagare solo il 40% della pigione per tutto il periodo del "lockdown" è pronta per l'esame parlamentare. Il Consiglio federale continua però ad essere fortemente contrario a tale disposizione, tanto che nel messaggio licenziato oggi afferma di non voler chiedere alla Camere di approvare il disegno di legge.

In una nota, il governo ribadisce la propria posizione espressa finora, cioè di non voler intervenire nei rapporti di diritto privato tra locatari e locatori. Già durante i dibattiti in parlamento, poi sfociati in una mozione che chiedeva appunto la riduzione delle pigioni, il consigliere federale Guy Parmelin aveva detto di preferire soluzioni amichevoli tra le parti e rinviato alla possibilità per i gestori di far capo a crediti agevolati per superare il momento difficile.

Dopo che le due Camere hanno approvato la mozione citata, il governo non ha avuto scelta e ha dovuto preparare un disegno di legge. Quest'ultimo si riallaccia direttamente al testo delle due mozioni presentate dalle Commissioni, precisa l'esecutivo nella nota.

L'esecutivo non manca di sottolineare come la procedura di consultazione abbia dato risultati contrastati: undici Cantoni, due partiti e le associazioni economiche, immobiliari e dei locatori respingono il disegno di legge. Lo approvano invece otto Cantoni, quattro partiti, l'Unione delle città svizzere, le organizzazioni dei locatari nonché le associazioni del settore della ristorazione e le associazioni professionali. Le singole disposizioni sono inoltre state criticate da entrambe le parti, che considerano il progetto o eccessivo o troppo moderato.

La legge licenziata oggi prevede uno sconto del 40% dell'affitto ai ristoratori e gestori di altre attività accessibili al pubblico. Tale soluzione vale fino a un tetto massimo di 20 mila franchi di affitto mensile ed è valida per il periodo in cui sono costrette a restare chiuse a causa delle misure disposte dalle autorità. Per chi ha dovuto solo ridurre l'attività, questa soluzione si applicherebbe per due mesi al massimo.

Per le pigioni comprese tra 15 e 20 mila franchi, le parti - affittuario e proprietario - possono decidere di non applicare il presente disciplinamento (clausola opt-out). Eventuali accordi già conclusi tra le parti restano inoltre validi. La legge prevede anche che i locatori potranno chiedere un'indennità alla Confederazione nei casi di rigore.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved