laRegione
abusi-sessuali-nella-chiesa-cattolica-36-richieste-in-romandia
Keystone
Svizzera
17.09.2020 - 19:130
Aggiornamento : 20:27

Abusi sessuali nella chiesa cattolica, 36 richieste in Romandia

Presentato oggi il rapporto della commissione specializzata. Ventotto le richieste accolte, versati indennizzi per 410mila franchi.

Losanna – Creata nel 2016 per un periodo di cinque anni, la Commissione specializzata per gli abusi sessuali commessi nella Chiesa cattolica in Svizzera ha presentato oggi un rapporto. Finora sono state onorate 28 delle 36 richieste presentate, per un totale di indennizzi di 410'000 franchi.

In media si tratta di 15'800 franchi per vittima, ha precisato Pascal Corminboeuf, vicepresidente della Commission d'écoute, de conciliation, d'arbitrage et de réparation (CECAR).

I dossier presentati riguardano 23 uomini e 13 donne di età compresa tra i 37 e gli 82 anni, ovvero un'età media di circa 60 anni. La maggior parte dei casi proviene dal Vallese (8), da Friburgo (7), da Vaud (6) e da Ginevra (4). Ticino, Neuchâtel e Jura ne hanno altri tre.

Durante la conferenza stampa odierna, diverse vittime che hanno ricevuto assistenza dal CECAR hanno tuttavia sottolineato che queste cifre rappresentano solo "la punta dell'iceberg". Molti non osano infatti ancora testimoniare, tra vergogna e colpa; altri sono in fase di rifiuto o di rimozione.

Tutte le vittime hanno insistito sul fatto che la fiducia, l'ascolto e il riconoscimento degli abusi nei loro confronti sono più importanti del risarcimento. La CECAR ha permesso loro di "camminare su un sentiero di luce", di "scaricarsi di un fardello" o di "vivere una liberazione", hanno spiegato gli interessati. "Per la prima volta mi si crede"; "È un regalo inaspettato", hanno detto alcuni di loro.

La Commissione è il frutto di un accordo firmato alla fine del 2015 tra le istituzioni cattoliche e l'associazione Soutien aux personnes abusées dans une relation datori religieuse (SAPEC). Indipendente e neutrale, si rivolge alle vittime che erano minorenni al momento degli abusi e i cui fatti sono prescritti, in particolare nei cantoni latini.

In concreto, la vittima che desidera presentare una richiesta di riconoscimento e di riparazione deve rivolgersi alla sua diocesi o, nella Svizzera romanda, alla CECAR. Questi organismi studiano prima la richiesta e poi la trasmettono alla Commissione di indennizzo, istituita dalla Chiesa cattolica svizzera nel gennaio del 2017. Quest'ultima decide poi l'ammontare del risarcimento.

Stilando un bilancio, la presidente della CECAR Sylvie Perrinjaquet, ex consigliera di Stato neocastellana, non ha nascosto un "problema complicato" con la Commissione di indennizzo della Conferenza episcopale svizzera (CES): la rimprovera di non convalidare le domande abbastanza rapidamente, e di rimettere in causa la chiarezza della plausibilità dei fatti, in particolare il numero o lo stile degli abusi. Tutto ciò "è incomprensibile", ha detto Perrinjaquet molto contrariata.

© Regiopress, All rights reserved