laRegione
Nuovo abbonamento
anche-la-vignetta-in-versione-digitale
iI costo rimarrà invariato a 40 franchi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 ore

Tennis al Credit Suisse, al via il processo d’appello

Alla sbarra dodici attivisti per il clima che erano stati assolti in primo grado. Giovedì la sentenza, ma comunque vada si finirà al Tribunale federale.
Svizzera
5 ore

L’accusa chiede 36 mesi di carcere per Valcke

L’ex segretario generale della Fifa alla sbarra al Tpf di Bellinzona. Una parte della pena potrebbe essere sospesa, concede il procuratore federale.
Svizzera
7 ore

Oltralpe prevale la soddisfazione per l’aumento ‘molto moderato’

Sono in buona parte positive le reazioni sul piano nazionale all’annuncio dell’Ufsp. Casse sollecitate a ridurre le riserve.
la protesta
8 ore

A Berna è lotta di nervi tra attivisti e città

Piazza federale sempre occupata. I dimostranti valutano l’‘ultima offerta’ del municipio.
Svizzera
10 ore

Berna, il Nazionale non sgombera la piazza

Bocciata la mozione dell'Udc che voleva aumentare la pressione sulle autorità della capitale per mettere fine all'occupazione degli attivisti del clima
Svizzera
11 ore

Coronavirus in Svizzera, 286 nuovi casi e tre decessi

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 50'664, 1'773 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
11 ore

Cassa malati, Ticino tra i cantoni con gli aumenti più marcati

Premi 2021: a livello nazionale l’evoluzione oscillerà tra il -1,6 e il +2,1%. Nel 2020 le riserve accumulate dagli assicuratori supereranno gli 11 miliardi
Svizzera
14 ore

Ok dagli Stati ai 14,2 miliardi per la disoccupazione

La Camera alta, come il Nazionale in precedenza, ha votato l'immediata entrata in vigore della legge
Svizzera
16 ore

Una sindacalista per i macchinisti svizzeri (è la prima volta)

Hanny Weissmüller, vallesana bilingue, succede a Hans-Ruedi Schürch. Le donne sono il 4% degli effettivi del ramo.
Svizzera
16.09.2020 - 12:450
Aggiornamento : 15:06

Anche la vignetta in versione digitale

Passa al Nazionale la modifica legislativa che permette agli automobilisti di scegliere tra la vignetta classica e quella elettronica

Agli automobilisti va data la possibilità di scegliere autonomamente fra l'attuale contrassegno adesivo e quello in versione digitale. Dopo gli Stati lo scorso dicembre, oggi anche il Consiglio nazionale ha accolto - per 142 voti a 47 - una modifica legislativa in tal senso. In ogni caso, il costo rimarrà invariato a 40 franchi.

Nel progetto preliminare presentato nel 2017, il Consiglio federale ipotizzava l'abolizione della soluzione classica e il passaggio al contrassegno elettronico. In consultazione tale proposta era però stata criticata sotto vari aspetti.

Si è quindi optato per virare verso un compromesso. L'attuale "vignetta", introdotta nel 1985, non sparirà: gli automobilisti potranno scegliere come intendono pagare la tassa necessaria per circolare sulle autostrade svizzere. I più tradizionalisti continueranno a incollare il contrassegno, gli altri avranno la facoltà di ottenerlo in forma elettronica, registrandosi su Internet e scaricandolo via app. I costi di investimento sono stimati in 4-5 milioni di franchi.

"La 'vignetta' sarà legata a una targa e non a un veicolo", ha precisato la relatrice di commissione Edith Graf-Litscher (PS/TG), definendo la novità "al passo coi tempi". "È una modalità di pagamento moderna e pratica", le ha fatto eco Marco Romano (PPD/TI). La maggior parte del plenum ha considerato la "e-vignetta" come un'opportunità di fare un passo verso le esigenze dei cittadini e giudicato adeguata la protezione dei dati.

Scettica invece l'UDC, che ha spinto senza profitto per la non entrata in materia e ha detto no in fase di votazione sull'insieme. "Il progetto non è innocuo come sembra, ci sono cose strane", ha avvertito Nadja Umbricht Pieren (UDC/BE), citando a questo proposito controlli dalle spese oscure e soprattutto il rischio "che si facciano entrare dalla porta di servizio nuove tasse stradali".

I più diffidenti ritengono infatti che si tratti di un primo passo verso l'introduzione del cosiddetto mobility pricing. "Ma le condizioni create non sarebbero sufficienti per permettere ciò", ha assicurato il ministro delle finanze Ueli Maurer, stando al quale l'esecutivo "non ha intenzioni segrete".

Entrando nel dettaglio, il tema dei controlli è stato tra i più passati al setaccio. Da un lato vi era chi, seguendo governo e Stati, voleva controlli automatizzati con impianti fissi, mentre l'altro fronte, che alla fine ha prevalso, premeva per verifiche a campione con dispositivi mobili. L'UDC, ancora una volta in minoranza, voleva da parte sua mantenere i controlli di persona per mano delle forze dell'ordine.

Seguendo una proposta della maggioranza della commissione preparatoria inoltre, la Camera del popolo ha scelto di continuare a permettere all'Amministrazione federale delle dogane di rilasciare il contrassegno adesivo non solo nelle zone di frontiera, ma pure all'estero.

L'UDC ha tentato poi di stralciare dalla legge l'articolo che consente l'abolizione della "vignetta" adesiva senza coinvolgere il Parlamento nel caso in cui la quota di tali contrassegni fosse inferiore al 10% del totale, ma neanche in questo caso ha trovato terreno fertile. Capitolo abusi, la multa per chi non paga la tassa sarà di 200 franchi e non di 80, come invece auspicato dai democentristi.

Il dossier torna agli Stati per il trattamento delle divergenze.

 consiglio nazionale 
 vignetta autostradale 
© Regiopress, All rights reserved