primo-si-alla-legge-covid-piu-soldi-ai-settori-dimenticati
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo

La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
9 ore

Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera

Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
11 ore

Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc

Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
13 ore

Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese

I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
15 ore

Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum

Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
16 ore

Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista

L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
16 ore

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
22 ore

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
1 gior

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 gior

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
1 gior

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
1 gior

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
1 gior

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
1 gior

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
1 gior

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
1 gior

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
1 gior

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
Svizzera
2 gior

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
2 gior

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
2 gior

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
2 gior

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
laR
 
09.09.2020 - 20:43
Aggiornamento : 22:52

Primo sì alla legge Covid, più soldi ai settori ‘dimenticati'

Dibattito fiume al Consiglio nazionale, che limita ulteriormente i poteri del Governo. Decisi aiuti anche per gli organizzatori di eventi e le agenzie di viaggio.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Anche in Svizzera gli scettici del Covid vedono la democrazia in pericolo. Nelle scorse settimane hanno alzato la voce, a tratti in modo isterico. Negazionisti, complottisti, militanti anti-vaccino e libertari più o meno improvvisati brandiscono ormai la minaccia del referendum. Esperti di diritto pubblico hanno involontariamente portato acqua al loro mulino, esprimendo dure critiche a un progetto di legge che a loro avviso attribuisce eccessivi poteri al Consiglio federale e relega il Parlamento in un ruolo subalterno. È in un contesto del genere che il Nazionale si è ritrovato oggi a discutere della legge Covid-19. Al termine di un dibattito durato oltre sette ore, la Camera del popolo ha approvato (144 voti contro 35 e 16 astenuti) la base legale necessaria per prolungare molte delle misure oggetto delle ordinanze varate d’urgenza dal Consiglio federale in primavera. Svariate le modifiche apportate alla versione governativa. Tra queste spiccano aiuti finanziari anche per i settori sin qui ‘dimenticati’ (eventi, viaggi) e un sostegno più generoso agli operatori culturali e ai club sportivi.

Misure in scadenza

Dal 13 marzo 2020 il Consiglio federale ha emanato, e poi modificato man mano, diverse ordinanze volte a combattere l’epidemia di Covid-19. Era suo buon diritto: sia la Costituzione, sia la Legge sulle epidemie (in caso di ‘situazione straordinaria’) gli consentono di farlo. Le misure che si fondano sul diritto d’urgenza hanno però una validità limitata nel tempo: scadono automaticamente dopo sei mesi, cioè la prossima settimana. A meno che il Consiglio federale e il Parlamento non decidano di ‘trasferirle’ in una legge che ne prolunghi la durata. Cosa che sta avvenendo. Faticosamente, però. Lo si è capito oggi al Nazionale (una sessantina le proposte di minoranza e individuali sul tavolo...). Se ne avrà con ogni probabilità conferma domani al Nazionale.

La Camera del popolo si è discostata in vari punti da un disegno di legge con 14 articoli, dal campo d’applicazione estremamente ampio, che in consultazione era stato respinto da Plr, Ps e Udc e criticato da parecchi cantoni. Un progetto che il Governo era dunque già stato costretto a rendere meno ambizioso, in particolare sancendo il coinvolgimento generalizzato e vincolante dei Cantoni e accorciando al 31 dicembre 2021 (anziché il 31 dicembre 2022, termine sempre valido per le misure riguardanti l’assicurazione disoccupazione) la durata della legge. 

‘Non perfetta ma necessaria’

Non abbastanza, a detta di molti. Alcuni esponenti dell’Udc hanno addirittura chiesto invano di non entrare in materia o di rinviare il progetto al mittente. La legge «non è perfetta»: al Governo vengono delegati poteri «estremamente importanti» e «ogni giorno riceviamo decine di mail che ci dicono di rifiutarla», ha detto Philippe Nantermod (Plr) a nome della commissione. Tuttavia è «necessaria», ha sottolineato il vallesano. «È tempo di finirla con la messa sotto tutela delle cittadine e dei cittadini», è «insopportabile, come i diritti fondamentali siano stati limitati», ha insistito invece Thomas de Courten (Udc/Bl). Tranne l’Udc, tutti gli altri gruppi si sono mostrati compatti nel sostenere la necessità di una legge. Ps e Verdi ne hanno approfittato per chiedere più soldi, attraverso un’estensione delle indennità di perdita di guadagno (Ipg) e del lavoro ridotto, così come mediante sostegni specifici agli organizzatori di eventi e alle agenzie di viaggio.

La sopravvivenza economica di decine di migliaia di indipendenti non è assicurata, ha ammonito Mattea Meyer (Ps/Zh). Dai partiti partesi sono giunti un appello al buon senso (il Ppd Christian Lohr: «non vogliamo però una lista dei desideri») e l’invito a non sovraccaricare troppo il progetto (il Plr Andri Silberschmidt: «vogliamo una legge leggera e limitata nel tempo»). 

Consiglio federale frenato

Aspramente dibattuta è stata in particolare la suddivisione delle responsabilità tra i diversi attori. Il Consiglio federale avrebbe voluto limitarsi a “consultare” i Cantoni prima di decidere ulteriori provvedimenti anti-pandemia. Ma di fronte alle critiche, l’esecutivo ha dovuto cedere. Il progetto di legge prevede che i Cantoni siano “coinvolti”. I sindacati e le organizzazioni padronali non volevano essere da meno e si sono fatti sentire, idem i comuni e le città. Anche le loro associazioni per finire saranno “coinvolte” allo stesso titolo dei Cantoni, ha stabilito ieri il Nazionale (150 a 43 e 2 astenuti). Il Consiglio federale, infine, dovrà informare periodicamente il Parlamento in merito all’attuazione della legge e consultare per tempo le commissioni competenti riguardo alle ordinanze in preparazione.

Le principali decisioni

La Camera del popolo ha poi apportato diverse modifiche di merito, con maggioranze più o meno abbondanti. Le principali in sintesi:

. Un nuovo articolo sui casi di rigore consentirà di venire in aiuto alle aziende di settori come quello degli eventi e dei viaggi, che hanno visto polverizzati i loro guadagni. Possibili contributi a fondo perso. Ma solo alle aziende che erano in buona salute prima della crisi. I Cantoni dovrebbero fare la loro parte, ha indicato il cancelliere della Confederazione Walter Thurnherr.

.  Ipg: devono essere versate soltanto se la perdita di guadagno può essere comprovata. Inoltre, i datori di lavoro che, nel caso di un effettivo divieto di lavorare, continuano a versare il salario a persone particolarmente a rischio, devono poter chiedere un rimborso dalle Ipg per Covid-19. Anche gli indipendenti che hanno visto la loro attività severamente limitata, non solo coloro che l’hanno dovuta interrompere, potranno beneficiare delle Ipg in futuro.

. Sport: i prestiti senza interesse (350 milioni di franchi in totale) non verranno accordati all’Associazione svizzera di football e alla Lega svizzera di hockey su ghiaccio, bensì direttamente ai singoli club. L’importo potrebbe arrivare fino ad un quarto dei costi operativi dei club per il 2018/2019. I club dovranno fornire garanzie fino al 25%. I prestiti dovranno essere rimborsati entro dieci anni.

. Cultura: la Confederazione deve poter stanziare un importo massimo complessivo di 100 milioni di franchi (il Consiglio federale ne propone 80) per sostenere le imprese culturali assieme ai Cantoni.

. Media: fino all’entrata in vigore della nuova legge (il Nazionale ne discute oggi), la Confederazione assume i costi complessivi per la distribuzione regolare dei quotidiani e settimanali in abbonamento della stampa regionale e locale in base alle tariffe al 1° giugno 2020. Inoltre, contribuisce ai costi per la distribuzione dei quotidiani e settimanali in abbonamento della stampa sovraregionale e nazionale con 27 centesimi per esemplare. Anche i costi dell’abbonamento ai servizi di base ‘testo’ dell’agenzia Keystone-Ats per i media elettronici saranno coperti, fino a un massimo di 10 milioni di franchi.

. Oggi il Nazionale ha anche concesso altri 770 milioni di franchi – oltre ai 73 miliardi già autorizzati – per affrontare la crisi del Covid-19 nell’ambito del supplemento al preventivo 2020: vanno ai test in relazione al coronavirus (288,5 mln), al Fondo per l’infrastruttura ferroviaria (221,3 mln) e a Skyguide (150 mln). Una parte consistente dei crediti aggiuntivi è chiesta come fabbisogno finanziario eccezionale (476,4 milioni). Pressoché la metà delle uscite viene compensata dai crediti già approvati. Il dossier va ora agli Stati.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved