ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
9 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
12 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
15 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
15 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
22 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
1 gior

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
1 gior

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
1 gior

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
27.08.2020 - 11:43
Aggiornamento: 28.08.2020 - 11:00

Scandalo AutoPostale, sei ex manager accusati di truffa

Gli ex dirigenti dovranno rispondere davanti al tribunale penale di Berna per aver presentato all'Uft fatture falsificate per evitare tagli ai sussidi.

Ats, a cura de laRegione
scandalo-autopostale-sei-ex-manager-accusati-di-truffa
Il 'giallo' della Posta (Ti-Press)

Sei ex manager di AutoPostale, compreso l'ex Cfo del gruppo Posta, dovranno rispondere di truffa davanti al tribunale penale di Berna per aver presentato all'Ufficio federale dei trasporti (UFT) fatture falsificate allo scopo di evitare tagli ai sussidi.

È quanto risulta dal procedimento penale amministrativo avviato nei confronti degli ex manager dall'Ufficio federale di polizia (Fedpol). Gli accusati sono l’ex CFO del gruppo Posta nonché gli ex CEO, CFO, responsabile del Mercato parziale Ovest, responsabile del Mercato parziale Est e capo del Mercato Svizzera di AutoPostale Svizzera.

Stando a Fedpol, gli imputati avrebbero presentato all'UFT fatture falsificate o avrebbero partecipato o, perlomeno, tollerato tale decisione. Contro i sei ex quadri, Fedpol chiederà pene detentive a causa della gravità dei fatti contestati.

Le irregolarità riguardo ai sussidi percepiti indebitamente da AutoPostale sono venute a galla nel 2018. Hanno portato al rimborso di 205 milioni di franchi a Confederazione, Cantoni e Comuni e alle dimissioni dell'allora CEO della Posta Susanne Ruoff.

Un'inchiesta complessa

Il risultato dell'indagine è giunto alla fine di un lavoro importante: come precisa Fedpol, è stata vagliata una "quantità immensa di dati sequestrati". Gli inquirenti hanno analizzato oltre 25 milioni di set di dati e svolto una settantina di interrogatori.

Nell'ambito della sua regolare attività di revisione, nell'autunno 2017 l’Uft aveva constatato che, nel settore del traffico viaggiatori regionale beneficiario di sussidi, AutoPostale Svizzera aveva realizzato, a partire dal 2007, utili che erano stati trasferiti ad altri settori di attività.

A inizio 2018 il Consiglio federale aveva incaricato Fedpol di condurre il procedimento penale amministrativo nel caso AutoPostale. Considerati i termini di prescrizione nell'ambito del diritto penale amministrativo, si tiene conto dei reati commessi a partire dal 2014, il cui termine di prescrizione è di dieci anni (nel caso concreto la prescrizione non avverrà prima del 2024).

Denuncia contro ignoti

Nel corso dell'inchiesta gli inquirenti di Fedpol hanno scoperto elementi che, in relazione al caso di truffa da parte di AutoPostale, potrebbero costituire possibili concessioni e accettazioni di vantaggi. Nella primavera 2019 Fedpol ha quindi inoltrato una denuncia contro ignoti al Ministero pubblico della Confederazione (MPC).

La notizia della denuncia al MPC era trapelata alla stampa agli inizi del maggio scorso. L'MPC aveva confermato a Keysone-ATS una notizia pubblicata dal Blick.

Uft ha smentito

Secondo il Blick, il MPC indagava se i dipendenti dell'UFT e i collaboratori di aziende di trasporto si siano reciprocamente conferiti dei vantaggi. Secondo fonti della testata, ai dipendenti dell'UFT sarebbero stati offerti costosi inviti al Locarno Film Festival con pranzi e pernottamenti.

Di fronte a queste rivelazioni, l'UFT aveva reagito respingendo le accuse secondo cui i suoi dipendenti avrebbero accettato, contrariamente al loro dovere, "vantaggi monetari" "di qualsiasi tipo". Nell'ambito delle indagini dell'MPC, diversi collaboratori dell'UFT sono stati chiamati a rispondere in qualità di persone informate dei fatti, ma nessuno come accusato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved