ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
1 ora

Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat

Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
1 ora

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
2 ore

Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali

Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
2 ore

Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento

La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
4 ore

‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’

Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
5 ore

Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset

È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
6 ore

Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’

La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
7 ore

Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme

Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
Svizzera
7 ore

I ticket a due sono la regola, a tre l’eccezione

Elezione in Consiglio federale: istruzioni per l’uso in vista dell’elezione dei nuovi consiglieri federali
27.08.2020 - 09:41
Aggiornamento: 21:50

Crollo storico del Pil svizzero: giù dell'8,2 per cento

Nel secondo trimestre del 2020 affondato (mai così drasticamente dal 1980) dalla pandemia di Covid-19 e dalle misure di contenimento adottate

crollo-storico-del-pil-svizzero-giu-dell-8-2-per-cento

Crollo di proporzioni storiche per il prodotto interno lordo (Pil) svizzero nel corso del secondo trimestre del 2020: affondato dalla pandemia di Covid-19 e dalle misure di contenimento adottate, è retrocesso dell'8,2% nel confronto con i primi tre mesi dell'anno.

Si tratta della flessione più drastica dall'inizio dei rilevamenti dei dati trimestrali, nel 1980, sottolinea la Segreteria di Stato dell'economia (Seco) in un comunicato odierno. Chiaramente il passo indietro non era comunque inaspettato: le previsioni degli analisti interrogati dall'agenzia Awp andavano da -6,3% a -10,1%.

La contrazione va ad aggiungersi a quella subita nel primo trimestre, che è stata del -2,5% (dato rivisto da -2,6%). Rispetto alla situazione prima della crisi del coronavirus, ossia al quarto trimestre 2019, il crollo del Pil nella prima metà del 2020 in termini cumulativi è stato del 10,5%.

Nel confronto internazionale la struttura settoriale dell'economia elvetica ha però contribuito a limitare i danni, stando ai funzionari bernesi. Il settore farmaceutico, di grande rilievo, ha incrementato i suoi fatturati e ha così impedito un crollo ancora più marcato di tutta quanta l'industria manifatturiera (-9,0%). A seguito della crisi internazionale, i settori industriali dei macchinari, della metallurgia, degli strumenti di precisione e dell'orologeria hanno invece accusato un duro colpo. Di conseguenza le esportazioni di merci sono fortemente diminuite (-9,4%).

Il comparto dei servizi è stato il più colpito dalle misure sanitarie di contenimento della pandemia e la creazione di valore si è incrinata su tutta la linea. Anche qui, però, nel raffronto internazionale, la struttura economica ha avuto un effetto stabilizzante. Nel ramo alberghiero e della ristorazione (-54,2%) e in quello dei trasporti e della comunicazione (-21,7%) il crollo è stato particolarmente marcato. In Svizzera, però, i servizi orientati al turismo contribuiscono al Pil con una percentuale più esigua che nella maggior parte dei paesi limitrofi.

Nel commercio (-3,6%) il calo della creazione di valore è risultato relativamente lieve. Da una parte il commercio di transito è aumentato nettamente e dall'altra il commercio al dettaglio si è evoluto in maniera relativamente solida, anche tenendo conto della chiusura delle aziende di ristorazione e delle limitazioni di viaggio. Sono invece retrocessi fortemente il settore sanitario (-8,6%), i servizi alle imprese (-8,6%) e, di conseguenza, anche le esportazioni di servizi (-15,9%).

Il lockdown ha frenato il consumo privato (-8,6%). La chiusura di negozi e locali e le altre limitazioni - come nella sanità e nel settore dei viaggi - hanno comportato un'implosione delle spese nella maggior parte degli ambiti di consumo. I canali di vendita alternativi, come quello online, hanno saputo compensare le perdite soltanto parzialmente. Sono regrediti fortemente anche gli investimenti nell'edilizia (-4,0%) e gli investimenti in beni di equipaggiamento (-11,7%), mentre la spesa dello stato è aumentata soltanto lievemente (+0,2%). Nel complesso la domanda interna finale ha subito un crollo di dimensioni storiche (-7,4%). Sono di conseguenza scese fortemente anche le importazioni di beni (-14,3%) e servizi (-22,2%).

La Seco sottolinea anche come la pandemia da coronavirus si ripercuota sull'elaborazione delle statistiche. Alla luce dei dati attualmente disponibili viene ritenuto possibile che nei prossimi trimestri saranno necessarie revisioni radicali delle informazioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved