ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
LIVE

Una votazione che lascia col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
6 ore

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
23 ore

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
Svizzera
1 gior

Axpo e quell’aiuto non ancora utilizzato

Il gruppo ha ottenuto dalla Confederazione il credito d’emergenza per far fronte all’impennata dei prezzi nel settore energetico
Svizzera
1 gior

L’alternativa è il pellet. Ma meglio fare scorta per tempo

SvizzeraEnergia vara la campagna ‘Zero spreco’: ecco qualche consiglio utile per evitare un inverno (giocoforza) freddo
Svizzera
1 gior

È allarme riscaldamento: ‘Fate il pieno del tank al più presto’

L’obiettivo? Contribuire al raggiungimento del risparmio volontario del 15% dei consumi di gas stabilito dal governo sull’esempio dell’Ue
Svizzera
2 gior

Luce verde all’export di munizioni in Qatar

Il Consiglio federale ha avallato la richiesta di esportazione di armamenti per il cannone di bordo del jet Eurofighter
Svizzera
2 gior

Crisi energetica, svizzeri ancora sordi agli inviti al risparmio

Malgrado le esortazioni a un uso più parsimonioso, il consumo di elettricità nel nostro Paese resta stabile
Svizzera
2 gior

Microplastiche nell’ambiente, bisogna fare di più

Il governo rinuncia a nuove misure, ma c’è un potenziale di miglioramento. Ogni anno in Svizzera sono circa 14’000 le tonnellate disperse
Svizzera
2 gior

Si schianta contro il guardrail sotto l’effetto dell’alcol

L’incidente, che ha avuto per protagonista un giovane, si è verificato poco prima di mezzanotte a Samedan
19.08.2020 - 15:14
Aggiornamento: 17:36

Caso Lauber: dimissioni accolte, cade procedura destituzione

Il parlamento potrà decidere su un successore in dicembre. Nulla si dice sull'ammontare della somma che spetta ancora al dimissionario procuratore generale

caso-lauber-dimissioni-accolte-cade-procedura-destituzione
Lauber pronto a uscire di scena (Keystone)

Con l'inoltro delle sue dimissioni per la fine di questo mese, la procedura di destituzione avviata dalla Commissione giudiziaria del parlamento nei confronti del procuratore generale della Confederazione, Michael Lauber, non ha più ragion d'essere. È quanto indicato oggi dalla stessa istanza in una nota, in cui si precisa che il parlamento potrà decidere su un successore di Lauber in dicembre.

Oltre ad aver approvato le dimissioni anticipate - previste per il 31 dicembre 2021 con un termine di disdetta di sei mesi - la Commissione precisa che Lauber avrà diritto a un corrispettivo finanziario per i giorni di vacanza non goduti, secondo la prassi consueta prevista dal diritto in materia di personale.

La Commissione ha preso atto che il procuratore generale della Confederazione ha rassegnato le dimissioni nel rispetto delle disposizioni vigenti e ha proposto di ridurre il termine di disdetta di cinque mesi. Poiché la Commissione ha approvato questa riduzione, Lauber potrà andarsene il 31 agosto.

La nota non dice nulla sull'ammontare della somma che spetta ancora a Lauber. Davanti ai media , il presidente della commissione, il consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR), ha mantenuto il riserbo.

Con le dimissioni, la procedura di destituzione avviata il 20 maggio scorso dalla Commissione giudiziaria "diviene priva di oggetto, motivo per cui oggi l'ha sospesa formalmente con effetto dal primo settembre 2020", ha poi aggiunto Caroni.

Stando al comunicato, l'Autorità di vigilanza sul Ministero pubblico della Confederazione (AV-MPC) provvederà a garantire che, come previsto dalle disposizioni legali, le funzioni di Lauber siano esercitate dall'inizio di settembre dai due sostituti procuratori generali.

La Commissione intende sottoporre all'Assemblea federale la sua proposta per l'elezione del nuovo procuratore generale per il resto del periodo amministrativo nel corso della sessione invernale. Stando agli osservatori, gli attuali sostituti procuratori Ruedi Montanari e Jacques Rayroud non dovrebbero figurare tra i candidati al posto di Lauber. L'entrata in funzione del nuovo procuratore generale dipenderà dalla disponibilità dell'eletto, ha sottolineato Caroni.

Lauber, i problemi non sono finiti

Con la decisione odierna della Commissione giudiziaria di accogliere le dimissioni del procuratore generale e di interrompere la procedura di destituzione, i problemi per Lauber non sono finiti.

Lo scorso 11 agosto, la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati (CAG-S) si è espressa infatti a favore della soppressione dell'immunità del procuratore generale, al centro di una vicenda giudiziaria a causa dei suoi incontri con il presidente della Federazione internazionale di calcio (FIFA) Gianni Infantino. Il 24 agosto, toccherà alla Commissione dell'immunità del Nazionale decidere se privare o meno Lauber dell'immunità.

Stefan Keller, il procuratore federale straordinario che si occupa del caso, vorrebbe perseguire Lauber per abuso di autorità, violazione del segreto d'ufficio, favoreggiamento e istigazione a tali atti. Keller ha inoltre avviato un procedimento penale contro Infantino e il primo procuratore dell'Alto Vallese Rinaldo Arnold, poiché è incaricato di esaminare le denunce penali legate a questa vicenda.

Dall'esame di due incarti relativi agli incontri non protocollati fra il procuratore generale, il presidente della FIFA e il primo procuratore dell'Alto Vallese, sono emersi "segni di un atto di rilevanza penale", aveva indicato a fine luglio l'AV-MPC.

La vicenda

Lauber aveva incontrato il presidente della FIFA e il procuratore dell'Alto Vallese nel giugno 2017. Secondo quanto dichiarato alla stampa dallo stesso procuratore generale nel novembre 2018, Arnold aveva trasmesso al responsabile dell'informazione del Ministero pubblico della Confederazione il desiderio dell'italo-vallesano Infantino di incontrare il procuratore generale. Al primo incontro tra Infantino e Lauber ha partecipato, secondo quest'ultimo, anche il magistrato vallesano.

Il procuratore generale della Confederazione, travolto dal caso, ha presentato formalmente le sue dimissioni lo scorso 24 luglio per la fine di agosto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved