ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 min

Indagine sul mercato del lavoro nel settore bancario

Aperta un’inchiesta preliminare su trentaquattro banche in sei regioni della Svizzera tedesca: nel mirino lo scambio di informazioni sui salari
Svizzera
38 min

Nelle aree di servizio autostradali approda ‘Braccio di Ferro’

Acquistati da Marché Restaurants tre esercizi di Popeyes, catena statunitense di fast food specializzata in piatti a base di pollo
Svizzera
11 ore

Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali

L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
14 ore

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
14 ore

Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat

Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
14 ore

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
15 ore

Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali

Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
15 ore

Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento

La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
17 ore

‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’

Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
14.08.2020 - 14:00
Aggiornamento: 20:04

In Svizzera aumentano le cifre del contagio.

Questa settimana il tasso di positività è del 4,1%, la settimana scorsa era del 3,3%.

in-svizzera-aumentano-le-cifre-del-contagio
Stefan Kuster (Keystone)

Continuano a crescere gli indicatori dell'infezione da Coronavirus in Svizzera. A rilevarlo sono le cifre fornite poco fa dal capo della divisione Malattie trasmissibili dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) Stefan Kuster. «Settimana scorsa il tasso tra nuovi contagi e test era del 3,3 per cento, mentre questa settimana è del 4,1 per cento. Si tratta di un nuovo leggero incremento», ha commentato Kuster, aggiungendo che per contro il numero di vittime per ora sta rimanendo stabile. L'infezione è particolarmente presente nei cantoni di Ginevra, Vaud e Zurigo. In tutti gli altri cantoni le cifre sono sotto il centinaio. «È chiaro che non corremmo vedere questa progressione – ha aggiunto –, tuttavia i cantoni attualmente ci dicono di essere sempre in grado di contenere la situazione attraverso il contact tracing».

Casi importati, ma la maggior parte dei contagi è 'casalinga'

Molti dei nuovi casi sono riconducibili a ritorni dalle vacanze nei Paesi vicini e dagli Stati presenti nella lista dei Paesi a rischio, per i quali è necessaria una quarantena di dieci giorni. Tuttavia, ha precisato Kuster, la maggior parte dei contagi «non viene dall'estero, ma si genera ancora all'interno della Confederazione».

Oggi i nuovi casi registrati a livello nazionale sono stati 268: si tratta del terzo il terzo giorno consecutivo sopra i 200 casi. Un'evoluzoine, ben lontana dagli oltre mille giornalieri registrati durante il picco, ma che preoccupa in particolare le regioni romande in vista della ripresa dei grandi eventi prevista a livello federale da ottobre.

Ginevra, è stato fatto notare in sede di domande, se fosse un paese indipendente sarebbe considerato a rischio e inserito nella lista nera che impone la quarantena a chi ritorna in Svizzera. «Non ci sono frontiere in Svizzera», ha fatto notare Kuster, escludendo che all'interno del Paese verranno prese misure particolari tra regioni. 

La morte di un ventenne: 'Da quanto ne sappiamo era sano'

Intanto giunge la notizia che nel canton Berna è deceduto il primo giovane adulto a causa del coronavirus. Aveva tra i 20 e i 29 anni. «Si tratta della prima morte in questa fascia d'età. È tragico. Non abbiamo indicazione che avesse altre malattie. Da quanto ne sappiamo, era una persona sana».

La notizia della morte del ragazzo tra i 20 e i 29 anni considerato 'sano' data in conferenza stampa è stata smentita in serata dal Canton Berna. L'errore si sarebbe generato a causa di una confusione nel rapporto clinico di una persona in isolamento e che non presenta sintomi gravi della malattia.

Leggi anche:

Coronavirus, in Svizzera nuovi contagi ancora sopra i 250

Grandi eventi: in Romandia si teme la seconda ondata

Che pasticcio a Berna! 'Non c'è nessun 30enne morto di Covid'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved