laRegione
Nuovo abbonamento
due-islamisti-a-processo-a-bellinzona
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore

Sommaruga informerà l'Ue sull'esito della votazione

Il Consiglio federale non si esprime sulle prospettive del negoziato per l'accordo quadro
Svizzera
13 ore

Coronavirus, in Svizzera 782 nuovi casi in tre giorni

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 52'646. Durante il fine settimana si sono verificati altri due decessi e 26 ricoveri
Svizzera
14 ore

Jet da combattimento, le donne lo avrebbero abbattuto

Il 55% delle votanti ha infatti ieri deposto un "no" nell'urna, stando a un sondaggio di Tamedia. Esattamente opposta è stata invece la posizione degli uomini
Svizzera
15 ore

Incidente della circolazione con esito letale a Liestal

Morto un motociclista diciassettenne scontratosi frontalmente con un automobilista diciannovenne
Svizzera
15 ore

Deraglia un treno a Echallens: nessun ferito ma notevoli disagi

Fuori dai binari un convoglio regionale della linea Losanna-Echallens-Bercher. Ancora ignote le cause del sinistro
Svizzera
16 ore

Votazioni, uno schiaffo per i democentristi

All'indomani delle votazioni federali, la stampa svizzerotedesca e romanda usa toni forti per sottolineare la débâcle dell'Udc
Svizzera
1 gior

Sciaffusa, avanzano gli ecologisti alle cantonali

Hanno guadagnato un seggio anche gli evangelici del PEV mentre ne hanno perso uno ciascuno UDC, PS e PLR
Svizzera
1 gior

Dopo il voto sulla caccia è valzer di reazioni

Se Gysin (Verdi) è 'molto soddisfatta' e spera 'in un cambio di paradigma', Regazzi (Ppd) è 'preoccupato'. E dice: ‘Spero che non ci arrivi una fattura salata'
Svizzera
1 gior

Aerei da combattimento, il sì prevale per 10mila voti

I sondaggi della vigilia davano ampiamente vincente il credito da sei miliardi. Alla fine solo il 50,2% lo ha accettato
Svizzera
1 gior

Bocciata a fil di lana la legge sulla caccia

Il 51,93% dei votati ha respinto il testo in votazione che permetteva, a determinate condizioni, l'abbattimento dei grandi predatori tra cui il lupo
Svizzera
10.08.2020 - 18:280

Due islamisti a processo a Bellinzona

Accusati di avere operato per l'Isis anche come agenti reclutatori, uno di atti sessuali con fanciulli

È iniziato oggi al Tribunale penale federale (Tpf) di Bellinzona il processo a due presunti islamisti. Uno è il cofondatore della scuola di arti marziali "Mma Sunna" di Winterthur. L'altro è accusato in particolare di avere avuto una relazione con una minorenne.

Il principale imputato, di 34 anni, ha soggiornato in Siria nel novembre e dicembre del 2013. Durante questo periodo avrebbe fatto parte di un gruppo di combattimento dell'organizzazione terroristica Stato islamico (Isis). Avrebbe addestrato guardie armate e partecipato ad azioni belliche.

Al suo rientro in Svizzera, ha fondato con il campione del mondo di boxe thailandese Valdet Gashi la scuola di arti marziali "Mma Sunna" a Winterthur. Inoltre, ha diretto l'organizzazione "Lies" (Leggi!), che ha come scopo la distribuzione gratuita del Corano.

Agente reclutatore

L'imputato, soprannominato "l'emiro di Winterthur", avrebbe sfruttato tali strutture e i suoi contatti al fine di reclutare partigiani dell'Isis che si sono recati in Siria su sua richiesta nel 2014 per arruolarsi nell'organizzazione terroristica.

Tra i giovani reclutati figura pure Valdet Gashi che sarebbe morto in un combattimento nel luglio del 2015. Ma il principale imputato avrebbe anche esercitato un'influenza su una minorenne e suo fratello che si sono poi recati da Winterthur nel Paese levantino.

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sospetta inoltre il presunto islamista di aver avuto contatti con influenti rappresentanti dell'islam salafita in vari Paesi. Viene citato in particolare Hussein Bosnic, condannato nel 2015 a sette anni di prigione per crimini terroristici, nonché altre relazioni con esponenti salafiti a Norimberga (D) e in Austria.

Pentito

Oggi in aula, l'imputato - che deve rispondere di partecipazione a un'organizzazione criminale e rappresentazione di immagini violente: video di esecuzioni sono stati ritrovati sul suo cellulare - si è detto pentito di questi suoi comportamenti. Ha inoltre aggiunto di non aver più nulla a che fare con le persone frequentate all'epoca. "È stato il più grosso errore della mia vita", ha dichiarato.

L'uomo ha inoltre affermato di trovarsi, assieme alla sua famiglia, in gravi difficoltà a causa dell'eco mediatica suscitata dai suoi trascorsi estremistici. Vive oggi di aiuti sociali e ha contratto debiti. Nel 2016 è stato condannato a una pena pecuniaria per truffa.

Oggi ha testimoniato anche il padre dei due giovani - fratello e sorella - recatisi in Siria. L'uomo, di nazionalità kosovara, ha detto che il principale imputato conosceva i suoi figli sin da bambini. Ha inoltre affermato che questi ultimi avevano organizzato autonomamente il loro viaggio nel Paese levantino. Il giudice, dal canto suo, gli ha chiesto esplicitamente se la sua deposizione non fosse stata "abbellita" per il timore di rappresaglie.

Relazione con una minorenne

Il secondo uomo a processo è accusato di atti sessuali con fanciulli e pedopornografia. Avrebbe intrattenuto una relazione intima proprio con la minorenne che si era recata in Siria assieme al fratello.

Questo binazionale svizzero e macedone, di 37 anni, si sarebbe sposato con rito islamico nell'ottobre del 2014 con la ragazza e l'avrebbe incitata a partire in Siria in dicembre. Anche lui avrebbe tentato di recarsi nel Paese levantino ma non vi sarebbe riuscito.

Il Ministero pubblico ha trovato sul suo cellulare non soltanto rappresentazioni violente ma anche immagini di zoofilia e violenza sessuale su fanciulle.

Il Ministero pubblico della Confederazione attende i dibattiti, che dovrebbero concludersi mercoledì, prima di annunciare le sue richieste di pena. I costi dell'inchiesta ammontano a 560'000 franchi, di cui 450'000 dovrebbero essere addebitati agli imputati in caso di condanna.

© Regiopress, All rights reserved