laRegione
Nuovo abbonamento
la-firma-del-contratto-per-il-vaccino-e-un-passo-opportuno
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
5 min

Fulmine sul campo di calcio a San Gallo, giovane ricoverato

Ieri sera ad Abtwil un ragazzo è rimasto privo di sensi durante una partita ed è stato portato all'ospedale in elicottero
gallery
Svizzera
1 ora

La polizia sgombera Piazza federale

A Berna l'occupazione della Bundesplatz da parte degli attivisti del clima è terminata dopo 48 ore: fermati alcuni manifestanti
Svizzera
12 ore

Tennis al Credit Suisse, al via il processo d’appello

Alla sbarra dodici attivisti per il clima che erano stati assolti in primo grado. Giovedì la sentenza, ma comunque vada si finirà al Tribunale federale.
Svizzera
13 ore

L’accusa chiede 36 mesi di carcere per Valcke

L’ex segretario generale della Fifa alla sbarra al Tpf di Bellinzona. Una parte della pena potrebbe essere sospesa, concede il procuratore federale.
Svizzera
14 ore

Oltralpe prevale la soddisfazione per l’aumento ‘molto moderato’

Sono in buona parte positive le reazioni sul piano nazionale all’annuncio dell’Ufsp. Casse sollecitate a ridurre le riserve.
la protesta
15 ore

A Berna è lotta di nervi tra attivisti e città

Piazza federale sempre occupata. I dimostranti valutano l’‘ultima offerta’ del municipio.
Svizzera
18 ore

Berna, il Nazionale non sgombera la piazza

Bocciata la mozione dell'Udc che voleva aumentare la pressione sulle autorità della capitale per mettere fine all'occupazione degli attivisti del clima
Svizzera
19 ore

Coronavirus in Svizzera, 286 nuovi casi e tre decessi

Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 50'664, 1'773 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
19 ore

Cassa malati, Ticino tra i cantoni con gli aumenti più marcati

Premi 2021: a livello nazionale l’evoluzione oscillerà tra il -1,6 e il +2,1%. Nel 2020 le riserve accumulate dagli assicuratori supereranno gli 11 miliardi
Svizzera
07.08.2020 - 19:500

La firma del contratto per il vaccino è ‘un passo opportuno’

Il professor Alessandro Ceschi (Eoc) sull’accordo tra Ufsp e l'azienda statunitense Moderna che ‘assicura’ 4,5 milioni di dosi alla Svizzera

La Confederazione ha stipulato un contratto per l’acquisto di 4,5 milioni di dosi del futuro vaccino contro il nuovo coronavirus sviluppato dall’azienda statunitense Moderna Therapeutics. Lo ha reso noto stamane l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), confermando una notizia preannunciata da giorni. L’ammontare della transazione non viene divulgato. Il Consiglio federale ha stanziato in totale 300 milioni di franchi per l’acquisto di vaccini. ‘laRegione’ ne ha parlato con il professor Alessandro Ceschi, direttore medico e scientifico dell’Istituto di scienze farmacologiche della Svizzera italiana dell'Ente ospedaliero cantonale (Eoc).

Professor Ceschi, questo accordo giunge al momento opportuno?

Difficile dirlo. Adesso non possiamo sapere se il vaccino di Moderna alla fine della fase di sperimentazione clinica si rivelerà efficace e sicuro. Se lo sarà, allora avremo fatto bene ad assicurarci un approvvigionamento piuttosto importante di dosi. Se invece il vaccino dovesse fallire nelle ultime fasi dei test clinici, allora si dirà che era prematuro firmare l’accordo. Ma qui tutto dipende dal tipo di contratto stipulato tra le parti, sul quale non abbiamo ancora tutte le informazioni. Va detto poi che il contesto attuale è caratterizzato da una competizione per certi versi agguerrita: la Svizzera non è di gran lunga il primo paese ad aver concluso accordi del genere. A mio parere è stato opportuno fare questo passo, un passo del resto più o meno obbligato.

Attualmente vengono sviluppati in tutto il mondo decine e decine di vaccini contro il Covid-19. Quello di Moderna promette bene?

È difficile fare paragoni. Siamo in una fase d’urgenza, nella quale si cerca di far progredire il più velocemente possibile i vaccini più promettenti. Quello di Moderna è uno tra questi. Sin qui i risultati sono incoraggianti.

Anche l’Eoc potrebbe prendere parte allo studio per testare l’efficacia del vaccino di Moderna. In che modo?

Nell’attesa che l’Ufsp sblocchi il credito di 8 milioni di franchi per realizzare questo studio clinico, il Tropeninstitut di Basilea – che lo coordina – ha creato una rete di grandi ospedali che vi prenderanno parte. Tra questi c’è anche l’Eoc. In Ticino dovrebbero venir coinvolti circa 200 volontari, a livello svizzero un migliaio. Se lo studio clinico avrà successo, si arriverà all’omologazione e all’utilizzo del vaccino su larga scala.

L'accordo porta su 4,5 milioni di dosi: permetteranno di vaccinare 2,25 milioni di persone (servono due dosi a testa, ndr), ‘solo’ un quarto circa della popolazione. 

Spetterà alle autorità competenti decidere, al momento opportuno, chi ne beneficerà. Comunque, la precedenza verrà data alle fasce a rischio della popolazione: anziani, persone malate, ecc. I fattori di rischio ormai li conosciamo bene.

© Regiopress, All rights reserved