coronavirus-donne-incinte-tra-le-categorie-a-rischio
Il capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Covid, ‘mea culpa’ del Cf sul turismo degli acquisti

Berna ammette degli errori di valutazione sulle multe inflitte all’inizio della pandemia per arginare gli acquisti fuori confine
Svizzera
6 ore

Berna, alpinista muore in un crepaccio

La caduta fatale è avvenuta domenica sullo Jungfraufirn. Il cadavere dell’escursionista recuperato solamente ieri
Svizzera
7 ore

Vaud, clima ostile al parco eolico di Sainte-Croix

L’avvio del cantiere preceduto da attacchi polemici e vandalismi ai danni di promotori e appaltatori dell’opera
Svizzera
7 ore

Verso l’abolizione del divieto per la cannabis

Via libera dalla Commissione sanità degli Stati per l’elaborazione di un progetto ad hoc
Svizzera
8 ore

‘Situazione sfavorevole, sgomberare il campo da false notizie’

Gli esperti evidenziano la ripresa dei contagi soprattutto nei cantoni con bassi tassi di vaccinazione. Occorre convincere gli indecisi e vigilare
Svizzera
9 ore

Gli ospedali fatturano prezzi eccessivi alle complementari

Secondo Mister Prezzi i nosocomi fanno pagare degli extra ai pazienti assicurati in reparto semi-privato o privato
Svizzera
10 ore

In Svizzera 1’240 contagi, cala l’occupazione in cure intense

Il tasso di positività sale al 5,32%. Le terapie intensive sono ora occupate da pazienti Covid al 13,30% e complessivamente al 68,50%
Svizzera
10 ore

In Svizzera si andrà a sciare senza certificato Covid

Lo comunica oggi l’associazione Funivie Svizzere. Gli sciatori dovranno indossare la mascherina nelle cabine e nei locali al chiuso. Ma l’Ufsp frena
Svizzera
11 ore

I ghiacciai svizzeri si riducono nonostante neve ed estate fresca

Perso l’1% del volume nel 2021 a causa del cambiamento climatico. Il ritiro progressivo non rallenta nonostante la perdita sia contenuta
Svizzera
12 ore

Camping Tcs, 2021 da incorniciare malgrado meteo estiva e Covid

In Ticino i pernottamenti nei campeggi sono aumentati del 60% rispetto al 2020, a livello nazionale del 30%. L’88% degli ospiti arriva dalla Svizzera
Svizzera
13 ore

La città di Berna autorizza un raduno contro il Covid Pass

Gli organizzatori della manifestazione hanno concordato piano di sicurezza e percorso del corteo, invitando a non partecipare a raduni non autorizzati
Svizzera
15 ore

Per la terza dose ‘la Svizzera non dovrà aspettare troppo’

Lo ha dichiarato Claus Bolte, capo della sezione autorizzazioni di Swissmedic. Probabile la somministrazione inizialmente solo alle persone a rischio
Svizzera
16 ore

Dalla Corea del Nord missile balistico verso il mar del Giappone

L’allarme è stato diffuso dai militari sudcoreani. Il missile è atterrato in mare senza fare danni né vittime
Svizzera
1 gior

San Gallo, hacker attaccano siti internet di Cantone e Città

Nuovo atto di pirateria informatica nei confronti di enti pubblici in Svizzera. La società hosting riesce a metterci una pezza, ma non basta
Svizzera
05.08.2020 - 15:010
Aggiornamento : 21:55

Coronavirus, donne incinte tra le categorie a rischio

Mathys (Ufsp): in Svizzera 45 persone in terapia intensiva, 32 intubate. Ipg per chi va in quarantena al rientro da Paesi inseriti nella lista 'nera'

La situazione sul fronte del coronavirus in Svizzera è leggermente migliorata rispetto alla settimana settimana scorsa, ma bisogna mantenere alta la guardia, ha detto Patrick Mathys, il capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP, nel corso di una conferenza stampa. Ci sono al momento 45 persone in terapia intensiva e 32 hanno bisogno di respiratore.

"La settimana scorsa la soglia delle 200 nuove infezioni è stata superata a più riprese, fortunatamente questa settimana abbiamo un po' meno casi", ha detto Mathys. I dati sono comunque alti e i cantoni devono rimanere vigili e attuare in modo coerente il tracciamento. La popolazione, dal canto suo, deve continuare ad essere vigile, mantenere le distanze e rispettare le norme igieniche, ha aggiunto.

"La mobilità e i viaggi sono in aumento" e siamo tornati al livello pre-pandemia, ha aggiunto l'alto funzionario riferendosi al periodo 4-29 luglio. Per quanto riguarda l'obbligo di indossare la mascherina nei trasporti pubblici, le aziende del settore affermano che tra l'80 e il 100% dei passeggeri lo rispetta. "Questo rientra nell'ambito di ciò che ci si potrebbe aspettare", ha detto Mathys.

Donne incinte fra i gruppi a rischio

Gli esperti della Confederazione hanno pure annunciato di aver inserito le donne incinte nella lista delle persone a rischio. Secondo la Società Svizzera di Ginecologia, è più probabile che la malattia abbia un decorso grave nelle future mamme, stando a recenti studi.

"Ci sono ancora molte incognite", ha riconosciuto Virginie Masserey, responsabile della sezione di controllo delle infezioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). "Sembra che il rischio per le donne in gravidanza sia da 1,5 a 5 volte superiore a quello delle donne della stessa età di dover essere ricoverate in terapia intensiva".

Anche i rischi per il neonato non sono ancora chiari. "Il parto può essere indotto, il che rappresenta un rischio per il bambino. Anche la placenta potrebbe essere stata infettata, il che potrebbe significare meno cibo per il feto e una crescita ridotta".

Ipg garantite

Manca ancora una decisione dei tribunali in merito alla garanzia del pagamento del salario durante la quarantena, ma il Consiglio federale ha deciso di versare le prestazioni per perdita di guadagno per dieci giorni a chi non può lavorare da casa, se non vi è nessuna "colpa" da parte del dipendente. È il caso di una persona che già si trovava in Spagna quando il paese è stato inserito nella lista. Quindi "rimanete a casa e ditelo al vostro datore di lavoro", ha aggiunto Schöll.

"La situazione è diversa per chi si reca in un paese a rischio, la Spagna ad esempio, da sabato in poi: un tribunale potrebbe trovare la colpa e prevedere una riduzione delle prestazioni", ha concluso ricordando che l'obbligo deve imperativamente essere rispettato per proteggere tutti.

L'elenco aggiornato dal Dipartimento federale dell'interno comprende ora 46 paesi e regioni: oltre alla Spagna, sono stati aggiunti le Bahamas, la Guinea Equatoriale, la Romania, Sao Tome e Principe, Singapore e Sint Maarten mentre sono stati stralciati l'Azerbaigian, gli Emirati Arabi Uniti e la Russia.

Dall'inizio di luglio è obbligatoria la quarantena di dieci giorni per le persone che rientrano da un Paese o da una regione con un rischio di infezione elevato. Chi torna in Svizzera deve annunciarsi alle autorità cantonali entro due giorni e vengono effettuati controlli a campione casuali per verificare il rispetto della disposizione. Attualmente 16'269 rientrate da zone a rischio sono in quarantena.

Anche la Svizzera sulla lista di altri paesi

Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), ha ricordato che con l'aumento dei casi, anche la Svizzera può ritrovarsi sulle liste di altre nazioni, come è avvenuto con il Belgio.

"La settimana scorsa la soglia delle 200 nuove infezioni è stata superata a più riprese, fortunatamente questa settimana abbiamo un po' meno casi", ha sottolineato. I valori sono comunque alti e i cantoni devono rimanere vigili e attuare in modo coerente il tracciamento. La popolazione, dal canto suo, deve continuare a mantenere le distanze e rispettare le norme igieniche.

"La mobilità e i viaggi sono in aumento" e siamo tornati al livello pre-pandemia, ha aggiunto l'alto funzionario riferendosi al periodo 4-29 luglio. Per quanto riguarda l'obbligo di indossare la mascherina nei trasporti pubblici, le aziende del settore affermano che l'80-100% dei passeggeri lo rispetta.

Anche se la Confederazione e i Cantoni si sforzano di ottenere il maggior numero possibile di dati delle persone infettate dal coronavirus, l'identificazione a livello nazionale delle catene di trasmissione è ancora lontana. "Non conosceremo mai tutti i luoghi di infezione", ha detto Mathys ai media. Molte persone non sanno dove sono state infettate e da chi, ma è tuttavia importante promuovere un migliore scambio di informazioni a vari livelli.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved