laRegione
neuchatel-divieto-di-fare-il-bagno-dopo-la-morte-di-sei-cani
Bello sì, ma pericoloso (Keystone)
Svizzera
31.07.2020 - 11:180
Aggiornamento : 12:38

Neuchâtel, divieto di fare il bagno dopo la morte di sei cani

Il motivo dell'avvelenamento è probabilmente dovuto ai cianobatteri, noti come alghe blu-verdi. Le autorità sconsigliano di fare il bagno in tutto il lago

Le autorità del Cantone di Neuchâtel hanno imposto un divieto di balneazione sul tratto di spiaggia tra l'estuario dell'Areuse e Colombier, dovuto alla morte per avvelenamento di sei cani.

Il motivo dell'avvelenamento è probabilmente dovuto ai cianobatteri - comunemente noti come alghe blu-verdi -, stando a quanto riferito dalla polizia cantonale di Neuchâtel. L'analisi scientifica è ancora in corso. Le autorità d'altronde sconsigliano di fare il bagno in tutto il lago di Neuchâtel.

Tale divieto di balneazione ha un effetto immediato e la polizia neocastellana ha già fatto evacuare per precauzione le persone sulla spiaggia tra l'estuario di Areuse e Colombier giovedì sera.

Al momento non sono stati scoperti altri casi di animali morti nelle zone balneari. Ciononostante, le autorità hanno sconsigliato di fare il bagno nel lago di Neuchâtel fino a quando non saranno disponibili i risultati delle analisi. Questi risultati dovrebbero essere disponibili in giornata.

Cianobatteri, una nota peste

L'acqua dolce è di solito brulicante di alghe blu-verdi. Ma si possono trovare anche in acqua salata. Ci sono state piaghe di alghe su varie spiagge di mare. I cianobatteri producono un mix di diverse sostanze, anche tossiche. Prima di tutto, queste tossine appartengono al gruppo dei microcistini. Questi sono dannosi per il fegato.

La presenza massiccia di cianobatteri - la cosiddetta fioritura delle alghe - può quindi offuscare in modo permanente il divertimento del bagno in acque stagnanti. I batteri formano colonie sferiche e gelatinose chiamate prugne di stagno. Il fenomeno si verifica regolarmente con l'aumento della temperatura dell'acqua. I laghi di Zurigo, Baldegger e Greifensee sono noti per questo.

Quando le persone fanno il bagno in un lago affetto da fioriture di alghe o ingoiano l'acqua, anche piccole quantità di microcistine e altre tossine possono causare irritazione della pelle, vomito o diarrea.

Come ha dimostrato l'Istituto Federale Svizzero di Scienza e Tecnologia Acquatica (Eawag) in uno studio, i microcistini sono solo la punta dell'iceberg. Più della metà delle sostanze prodotte dai cianobatteri non appartengono a questo gruppo di tossine.

 

© Regiopress, All rights reserved