la-confederazione-propone-mascherine-obbligatorie-nei-negozi
Pascal Strupler, direttore dell'Ufsp (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 min

Il caldo della primavera 2022 batte tutti i record

Temperature più alte di 2,5 gradi rispetto alla norma. Manca anche la riserva di neve. Dodici stazioni meteo locali registrano nuove soglie massime
Svizzera
1 ora

Vacanze estive: il Ticino gettonato fra chi resta in Svizzera

Secondo un sondaggio di Generali, solo il 27% di chi andrà in vacanza rimarrà in patria. Un terzo di questi intende passare le vacanze in Ticino
Svizzera
20 ore

Gli svizzeri spendono di più all’estero (lo dicono le carte)

In particolare in Francia e in Italia, stando ai dati di Monitoring Consumption Switzerland, sito che osserva i dati delle carte di pagamento
Svizzera
21 ore

‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’

Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
21 ore

Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente

Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
23 ore

C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi

È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
1 gior

Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo

L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
1 gior

Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno

Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
1 gior

Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica

L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
1 gior

Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage

Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
1 gior

Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi

Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
1 gior

Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme

L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
30.07.2020 - 14:52
Aggiornamento : 17:08

La Confederazione propone mascherine obbligatorie nei negozi

Di fronte all'importante aumento dei casi, secondo l'Ufsp è necessaria un'armonizzazione a livello federale delle misure per contenere la pandemia

La situazione legata al coronavirus in Svizzera sta peggiorando ed è seria. È questo il monito lanciato dagli esperti del settore oggi in conferenza stampa a Berna dopo il forte aumento dei nuovi casi di coronavirus in Svizzera (220). Per Pascal Strupler, direttore dell'Uffico federale della sanità pubblica (Ufsp), è auspicabile l'suo obbligatorio delle mascherine nei negozi. "Il numero di casi deve assolutamente diminuire di nuovo", ha affermato Strupler durante l'incontro con i media a Palazzo federale.

Strupler ha spiegato che i 200 casi giornalieri non venivano superati dal 23 aprile e ha pure ricordato che in questa situazione straordinaria il contenimento della pandemia è ancora di competenza dei Cantoni.  "Alcuni hanno già adottato misure più severe".

Tuttavia per l'Ufsp sono necessarie regole di condotta uniformi e coerenti. Ciò richiederebbe un certo grado di coordinamento e l'Ufficio federale della sanità vorrebbe collaborare con i Cantoni per trovare delle soluzioni.

Per quel che riguarda il futuro prossimo dello sport in Svizzera, rispondendo a una domanda dei media Strupler è stato lapidario, affermando che personalmente non riesce a immaginarsi stadi di calcio e piste di hockey piene al 50% già a settembre.

Maschere obbligatorie e controllo dei dati di contatto

Per quanto riguarda una possibile armonizzazione, la principale proposta dell'Ufsp è di introdurre l'obbligo delle mascherine anche nei negozi o addirittura in tutti i locali accessibili al pubblico. L'UFSP propone inoltre il controllo obbligatorio dei dati di contatto nei locali notturni e un numero massimo di 100 ospiti in questi stabilimenti.

10 percento delle infezioni contratte all'estero

Attualmente circa il 10 per cento dei nuovi contagi in Svizzera è attribuibile a infezioni all'estero, come ha spiegato Patrick Mathys, il delegato Covid-19 dell'Ufsp.

Il 6% di questi proveniva da paesi a rischio. Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica circa 9'000 persone sono attualmente in quarantena dopo essere rientrati da uno dei cosiddetti Paesi a rischio. Questo dimostra che i viaggiatori di ritorno sono consapevoli della loro responsabilità, ha dichiarato Mathys.

Tuttavia, l'Ufsp si dice consapevole del fatto che non tutti avrebbero seguito questa regola. "Il rispetto della quarantena è un atto di solidarietà. La non conformità non è un reato banale", ha detto Mathys. Per il momento, l'Ufsp vuole astenersi "dopo un'attenta riflessione" dall'effettuare test sugli arrivi negli aeroporti.

I Cantoni ce la fanno, per ora...

Dal canto suo Rudolf Hauri, medico cantonale di Zugo che ha parlato anche a nome degli altri Cantoni, ha sottolineato che al momento le autorità riescono a tracciare i contatti e a svolgere i propri compiti. A Zugo ultimamente ci sono state però oltre 200 telefonate al giorno da parte di persone che rientravano dall'estero, il lavoro è quindi molto. I mezzi per affrontare la situazione vengono costantemente aumentati, ma se i casi dovessero improvvisamente esplodere, sarebbe difficile continuare a controllare la situazione, ha detto.

Le persone rientrano in Svizzera con ogni mezzo e "puntiamo sulla collaborazione di tutti i coinvolti", ha continuato. In caso di bisogno, "non ci facciamo però problemi ad applicare la legge", con ammende che possono arrivare fino a 10'000 franchi, ha ricordato. Hauri ha poi giustificato le differenti regole cantonali con la eterogenea distribuzione del virus sul territorio, ma i Cantoni si sono detti disposti ad analizzare la proposta di armonizzare le misure.

Coppie riunite

Barbara Büschi, vicedirettrice della Segreteria di Stato della migrazione (SEM), ha invece attirato l'attenzione sulla situazione delle coppie ormai separate da mesi. Per questi innamorati ci sono buone notizie: le persone in provenienza da Stati terzi con un o una partner in Svizzera, anche se non sono sposati, dal prossimo lunedì 3 agosto potranno entrare nella Confederazione.

Queste persone avranno bisogno di un invito da parte del loro partner. La coppia dovrà poi portare prove della relazione, come biglietti aerei passati, foto o e-mail.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved