abusi-cattedrale-friburgo-vescovo-non-sapeva-della-gravita
foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
14 ore

Non sottovalutare la velocità della slitta, e il casco sempre

È la raccomandazione dell’Ufficio prevenzione infortuni per evitare fratture, ferite o lesioni più gravi
Svizzera
14 ore

Pierin Vincenz non si sente colpevole

L’ex Ceo di Raiffeisen prende la parola nel primo giorno del processo che lo vede imputato per diversi reati. Respinte le richieste di rinvio
Svizzera
17 ore

Una settimana fa 7’516 positivi in meno in Svizzera

Nelle ultime 24 ore, si sono registrati 36’658 nuovi casi di coronavirus, 12 decessi e 121 ricoverati in ospedale
Svizzera
18 ore

‘Allentamenti? Troppo presto, possibili 100’000 casi al giorno’

La task force Covid-19 mette in guardia dall’eccesso di ottimismo e dalla revoca troppo affrettata delle misure di protezione
Svizzera
19 ore

Una persona su due in Svizzera vive o conosce relazioni tossiche

Lo rivela un sondaggio rappresentativo di Parship.ch. Un terzo delle donne e un quarto degli uomini intervistati ha vissuto relazioni di questo tipo
Svizzera
22 ore

Le associazioni economiche reclamano la fine delle restrizioni

I rappresentanti di vari settori economici, dal fitness alla ristorazione, chiedono un ‘Freedom day’ che segni la fine delle misure anti-Covid
Svizzera
23 ore

Al via il processo all’ex Ceo di Raiffeisen Pierin Vincenz

L’ex numero 1 della banca accusato di truffa per mestiere, appropriazione indebita, falsità in documenti, amministrazione infedele e corruzione passiva
Svizzera
1 gior

La Svizzera perde posizioni nella lotta alla corruzione

La Confederazione passa dal terzo al settimo posto nell’ultima classifica di Transparency International sulla corruzione nel settore pubblico per il 2021
15.07.2020 - 15:100

Abusi cattedrale Friburgo, vescovo non sapeva della gravità

All'epoca, gli abusi dell'ex parroco erano stati riportati come "un paternalismo un po' troppo spinto" e senza alcun dettaglio sull'età della vittima

a cura de laRegione

Charles Morerod, il vescovo della Diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo, non era a conoscenza della gravità degli abusi sessuali di cui viene accusato l'ormai ex parroco della cattedrale di Friburgo. Lo ha stabilito un'inchiesta interna. L'ex sacerdote, che dopo essere stato sospeso dal suo ministero in febbraio ha inoltrato le dimissioni lo scorso maggio, è sospettato di aver avuto una relazione con un diciassettenne nel 1998 in uno chalet a Torgon (VS) e di aver molestato un prete di origini africane tra il 2008 e il 2011 a Vevey (VD). La diocesi ha pubblicato oggi i risultati di due inchieste - una interna e l'altra canonica, affidata a un investigatore esterno laico - avviate all'inizio dell'anno in seguito alle accuse nei confronti del parroco. Una terza è invece stata aperta dalla polizia cantonale vodese e riguarda l'aspetto penale.

La prima inchiesta 

La prima inchiesta, quella interna, non riguarda tuttavia i fatti del 1998, ma solo le comunicazioni al riguardo. Dai risultati emerge che il personale del vescovato - coloro che sapevano del caso - non era a conoscenza della gravità dei presunti reati.

All'epoca, tali abusi erano stati riportati come "un paternalismo un po' troppo spinto" e senza alcun dettaglio sull'età della vittima, ha spiegato oggi a Friburgo il responsabile dell'inchiesta, Cédric Chanez. Morerod, dal canto suo, è stato informato a tre riprese del caso, ma "senza alcuna indicazione della possibile gravità dei fatti", ha aggiunto Chanez.

Secondo il vescovo della Diocesi di Losanna, Ginevra e Friburgo, questo caso gli è sempre stato presentato in maniera "fortemente attenuata". Tuttavia, ha riconosciuto che questi fatti "appaiono sotto una luce diversa a posteriori", aggiungendo che ora la sua diocesi è molto più attenta e studia "sistematicamente" tutti i dossier.

La seconda inchiesta

La seconda inchiesta è invece stata affidata a un esperto esterno, l'avvocato ed ex giudice ginevrino Maurice Harari. Quest'ultimo ha concluso che "gli eventi del 1998 sono rimasti isolati". Oltre a quanto è accaduto a Torgon, non sono state trovate altre prove di abusi da parte del parroco.

L'inchiesta di Harari si è concentrata anche sulle accuse relative al periodo 2008-2011 a Vevey: la denuncia da parte del prete di origini africane attivo a Peseux (NE) è stata depositata alla fine di dicembre del 2019. Secondo l'avvocato ginevrino, contrariamente a quanto riferito dalla vittima, non regnava un ambiente "omoerotico" nella curia vodese.

Ciò non significa che il prete accusatore abbia mentito, ha precisato la legale Ludivine Delaloye, che oggi rappresentava Harari, sottolineando "la dimensione soggettiva insita nella percezione di qualsiasi molestia".

Il parroco della cattedrale di Friburgo doveva essere sostituito da un altro sacerdote, ma la diocesi ha annullato la sua nomina in seguito a un'inchiesta del settimanale romando "L'Illustré", che ha svelato come l'ecclesiastico fosse attivo su siti di incontri omosessuali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved