laRegione
Nuovo abbonamento
coronavirus-quasi-tremila-persone-in-quarantena-in-svizzera
Stefan Kuster (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
7 ore

Zurigo, persona morta bruciata nell'auto

Lo ha reso noto la polizia cantonale, secondo la quale non si tratterebbe di un crimine. Aperta un'inchiesta
Svizzera
7 ore

Moudon, campo nomade sgomberato dalla polizia

Stamane gli agenti sono intervenuti dopo che alcuni degli occupanti del fondo si erano resi autori di gesti incivili e inosservanza delle leggi
Svizzera
10 ore

Un'app per ridurre l'ansia dei bimbi in ospedale

L'ha sviluppata la Clinica universitaria dell'Inselspital di Berna. Protagonista è un pinguino.
Svizzera
13 ore

Turismo estivo, gli svizzeri non compensano gli stranieri

Un primo bilancio intermedio della stagione estiva tracciato da Svizzera Turismo stima a -27% il calo dei pernottamenti
Svizzera
13 ore

San Gallo, incidente di canyoinig: tre morti e un disperso

I quattro uomini spagnoli sono stati sopresi da un violento temporale ieri sera verso le 19. Nessuna speranza di ritrovare vivo il dispero
Svizzera
16 ore

Coronavirus, in Svizzera 234 contagi nelle ultime 24 ore

Il numero dei casi dall'inizio dell'epidemia ha quindi raggiunto quota 37'403. Ieri si sono registrate anche due nuove ospedalizzazioni e un decesso.
Svizzera
17 ore

Travail.Suisse chiede aumenti di stipendio

L'organizzazione ha presentato le richieste per il 2021. "Misura necessaria, nonostante il coronavirus"
Svizzera
19 ore

Il rumore non è banale: oltre un milione ne soffre

Studio della Confederazione lo dimostra: l'inquinamento fonico è dannoso per la salute. L'Ata: Berna faccia di più.
Svizzera
1 gior

Ecco cosa ha in mente il governo per alleggerire Via Sicura

La revisione proposta oggi garantirebbe maggiore autonomia ai giudici e punta al rispetto del principio di proporzionalità.
Svizzera
1 gior

Aeroporto di Zurigo, passeggeri in calo del -78%

Effetto Covid, su base annua drastico calo di chi parte, arriva o transita. Va meglio con le merci. Luglio traffico triplicato rispetto a giugno
Svizzera
09.07.2020 - 14:010
Aggiornamento : 16:25

Coronavirus, quasi tremila persone in quarantena in Svizzera

Il tasso di replicazione del virus è sopra lo zero. Mister 'Covid-19': dobbiamo riportarlo sotto l'1. Un quarto dei casi importato

Il tasso di replicazione del coronavirus in Svizzera è superiore al 1. Per la precisione attualmente è stimato a 1,38. «Se continuasse così, vedremo un costante aumento delle cifre». Lo ha detto poco fa in una conferenza stampa a Berna il capo della divisione Malattie trasmissibili dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) Stefan Kuster, precisando che, attraverso misure di protezione, bisogna fare tutto il possibile per riportarlo sotto l'1 ed evitare così un secondo aumento dei nuovi casi su base giornaliera.

Qualcosa starebbe già cambiando, ha aggiunto: «Dopo l'aumento di casi della scorsa settimana, in questi giorni stiamo assistendo a una certa stabilizzazione», ha commentato Kuster, facendo tuttavia notare che il tasso di test positivi su test effettuati è comunque cresciuto dallo 0,4 al 1°. «Speriamo che con le misure di distanziamento sociale, di contact tracing, di quarantena e di porto della mascherina possiamo confermare questa stabilizzazione», ha rilevato.

L'infezione in Svizzera non è distribuita omogeneamente: tocca in particolare i grandi cantoni e si concentra in diversi focolai, derivati in particolari da assembramenti di persone, sia nei locali notturni, ma anche in occasione di funerali o nel contesto del posto di lavoro. Inoltre, «un quarto dei contagi è importato dall'estero», ha indicato Kuster. 

Questo ha portato, a livello nazionale, a mettere in isolamento 628 malati e in quarantena circa tremila persone.  Attualmente in tutto il paese 29 pazienti sono ricoverati in cure intense. Tredici di questi sono sottoposte a respirazione artificiale.

L'app SwissCovid usata da un milione di persone giornalmente

L'app per telefonini SwissCovid, voluta per facilitare il contact tracing tra persone che non si conoscono, è utilizzata giornalmente da oltre un milione di persone. «Non è male se guardiamo al confronto con altri paesi – ha indicato Kuster –. Certamente si può sempre migliorare». Stamattina un sondaggio di Comparis indicava che oltre la metà della popolazione è contraria ad installarla. In passato si era spesso indicato il tasso del 60% della popolazione quale limite minimo per poter ottenere benefici da parte dell'impiega dell'app. «Non è un numero scritto nella pietra», ha aggiunto il capo della divisione Malattie trasmissibili. «Stiamo comunque facendo il possibile per convincere gli svizzeri ad impiegarla. L’importante è che ogni singolo utente si renda conto che non serve solo a lui, ma al bene di tutta la comunità». E sui dubbi riguardo la privacy, Kuster ha ribadito che il suo ufficio e l'amministrazione non ricevono nessun tipo di dato. 

Paese a rischio, salario a rischio

Chi in piena consapevolezza viaggia in uno dei 29 paesi a rischio e al suo rientro deve mettersi in quarantena, va incontro con ogni probabilità a un problema per quanto riguarda il versamento del salario. A fare un po' di chiarezza su una delle tante questioni aperte sul piano del diritto del lavoro è stato Michael Schöll, vicedirettore dell'Ufficio federale di giustizia.

 

© Regiopress, All rights reserved