laRegione
Nuovo abbonamento
auto-sotto-il-sole-cocente-trappola-mortale-per-gli-animali
Keystone
Meglio così
Svizzera
09.07.2020 - 12:590
Aggiornamento : 17:59

Auto sotto il sole cocente, trappola mortale per gli animali

Le raccomandazioni per il periodo estivo della Protezione svizzera degli animali. Abbassare leggermente il finestrino non serve a nulla.

Basilea - La Protezione svizzera degli animali (PSA) ricorda di non lasciare mai un cane in auto sotto il sole cocente: per quanto breve possa essere la durata, un'auto può diventare un forno e una trappola mortale per gli animali.

Ogni anno una dozzina di proprietari vengono condannati per aver lasciato i loro cani in un'auto surriscaldata, a volte con multe che vanno da diverse centinaia a più di mille franchi, avverte la PSA in un comunicato diramato ieri. E il numero di casi non denunciati è molto più grande.

Come regola generale, alla luce diretta del sole l'interno dell'auto si riscalda di un grado al minuto. Con una temperatura esterna attorno ai 30 gradi, nell'abitacolo si raggiungono in breve tempo anche i 70 gradi. E una finestra leggermente aperta non cambia nulla. La piccola quantità d'aria nell'auto rende impossibile per l'animale liberarsi del calore ansimando. Con l'aumento del carico termico un cane può subire la morte per collasso circolatorio, precisa la PSA.

In caso di un intervento liberatorio - aggiunge la nota - è meglio attenersi ad alcuni principi per non avere problemi legali. Se siete ad esempio in un centro commerciale, fate chiamare il numero dell'auto per trovare il proprietario del cane. Se non si riesce a trovarlo, avvertite la polizia. Solo se i soccorsi tardano, o non arrivano affatto, potete rompere il finestrino. A tutela fate un protocollo dell'azione, con foto o filmati del cellulare, perché non tutti i proprietari di animali domestici sono grati per un tale salvataggio, osserva la PSA.

Una volta liberato il cane mettetelo all'ombra, inumiditegli il corpo con panni bagnati e freddi e versategli dell'acqua nella cavità orale. Lasciate ogni ulteriore trattamento ad un veterinario.

© Regiopress, All rights reserved