laRegione
Nuovo abbonamento
ticino-e-grigioni-rischiano-di-diventare-paesi-per-anziani
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Coronavirus, in Svizzera 161 nuovi casi e 3 decessi

Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'269. L'incidenza della malattia ha raggiunto i 422,6 casi ogni 100'000 abitanti
Svizzera
2 ore

Nessun obbligo di udienza video a causa del Covid

Secondo il Tribunale federale, questa procedura non può essere imposta se una delle parti vi si oppone
Svizzera
3 ore

Cavallerizza muore durante una lezione di salto

La donna di 49 anni è caduta ed è stata calpestata con uno zoccolo del cavallo che era inciampato su un ostacolo
Svizzera
3 ore

Nel lockdown è crollato il consumo di energia

Nonostante l'impennata del telelavoro da casa, la richiesta è calata del 12%. A pesare la chiusura di ristoranti, bar, scuole e negozi e la riduzione dei mezzi pubblici.
Svizzera
5 ore

La Svizzera acquisterà 4,5 milioni di dosi di vaccino

Coronavirus: serviranno per 2 milioni e 250mila persone. La Confederazione ha stipulato un contratto con la statunitense Moderna, ma è in contatto con altre aziende
Svizzera
14 ore

Coronavirus, infette dalle 250 mila alle 400 mila persone

Secondo una stima, nel nostro Paese dal 3 al 5 per cento della popolazione ha contratto il virus
Svizzera
17 ore

Aeromodello ferisce gravemente al volto un 23enne

L'incidente è avvenuto ieri sera nel canton Zurigo. Il 'pilota' si trovava a 200 metri di distanza dal luogo dell'incidente
Svizzera
20 ore

Quarantena in Norvegia per chi arriva dalla Svizzera

Da sabato i viaggiatori provenienti dalla Confederazione, Francia e Repubblica Ceca dovranno osservare una quarantena di dieci giorni nel Paese scandinavo
Svizzera
22 ore

Un congedo paternità ‘finanziabile e necessario’

Scende in campo il comitato interpartitico a favore del progetto su cui andremo a votare a fine settembre.
Svizzera
07.07.2020 - 17:130
Aggiornamento : 20:20

'Ticino e Grigioni rischiano di diventare paesi per anziani'

Lo prevede il Gruppo svizzero per le regioni di montagna proiettando l'andamento attuale fino al 2050: 'Prospettiva inquietante'

Il saldo demografico e l'invecchiamento della popolazione sono le sfide principali che attendono le valli periferiche del Ticino e dei Grigioni, così come altre regioni montane della Svizzera. Lo sostiene in una nota odierna il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (Sab), secondo cui in queste zone si assiste a una stagnazione, se non a un declino della popolazione. Entro il 2050 alcune regioni alpine, tra cui Ticino e Grigioni, apparterranno in larga maggioranza agli anziani.

Il cambiamento demografico ha un impatto più precoce e più forte nelle regioni di montagna che nelle regioni urbane, rileva il Sasb nel suo bollettino biennale, aggiungendo che in alcune regioni si registra un calo, nonostante la popolazione residente permanente nelle zone di montagna - globalmente - sia passata da 1,9 a 2,1 milioni di persone tra il 2010 e il 2018.

A ciò si aggiunge anche l'invecchiamento della popolazione: nel corso del periodo in esame, sottolinea l'organizzazione, la proporzione della popolazione al di sotto dei 18 anni si è abbassata dal 35 al 33%.

Preoccupa il rapporto di dipendenza

Segnali poco rassicuranti arrivano inoltre dal rapporto di dipendenza, ovvero l'indicatore dell'evoluzione demografica che corrisponde al rapporto tra le persone di età superiore ai 64 anni - che non lavorano più - e quelle di età compresa tra i 20 e i 64 anni ancora in età lavorativa.

Tale quota è aumentata dal 29% registrata nel 2010, fino al 33% del 2018, precisa il Sab, aggiungendo che "in alcune regioni, l'indice di dipendenza è ben al di sopra di questo valore medio". Ciò significa sempre più persone non più in età lavorativa rispetto a chi lavora ancora.

Entro il 2050, in alcuni cantoni di Montagna come il Ticino o i Grigioni si prevede un tasso di dipendenza superiore al 65%, avverte l'organizzazione basandosi su dati dell'Ufficio federale di statistica (Ust).

Tra trent'anni, si prevede che la percentuale in questione per tutta la Svizzera si attesti attorno al 53%, ma le regioni montane saranno particolarmente colpite da questa tendenza. Al contrario, a Ginevra nel 2050 ci si attende una quota del 35%.

Attirare giovani e famiglie

Il Sab definisce questa evoluzione "inquietante". Per far fronte a questa situazione, l'organizzazione negli ultimi anni sostiene i comuni di montagna che desiderano aumentare la loro attrattiva per i giovani e le famiglie, combattendo allo stesso tempo l'emigrazione.

Tuttavia, la situazione di stallo - e a volte di declino - in alcune regioni montane non riguarda solo il saldo demografico, ma anche il numero di impieghi a tempo pieno. "Anche lo sviluppo economico mostra la necessità di agire", afferma il Gruppo, citando anche le difficoltà e le sfide strutturali di alcuni settori economici come l'agricoltura o il turismo.

Il Sab si è detto tuttavia soddisfatto nel numero di nuove start-up nelle regioni di montagna, che sono comparabili con quelle registrate nel resto della Confederazione. Secondo l'organizzazione, bisogna mettere l'accento sull'innovazione nel turismo e nella realizzazione di catene di produzione regionali e locali, in particolare nel settore agricolo.

© Regiopress, All rights reserved