laRegione
Nuovo abbonamento
obbligo-della-mascherina-in-svizzera-primo-giorno-positivo
Oggi a Lugano (Ti-Press)
+6
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 min

Tragedia nel fiume Glatt, 48enne annega per aiutare un amico

Fatale bagno notturno in territorio di Opfikon. Aperta un'inchiesta per determinare le cause esatte dell'incidente
Svizzera
56 min

Covid, 152 nuove infezioni e 0 morti in Svizzera

L'ultimo aggiornamento riferisce di cinque ospedalizzazioni e 1301 persone in isolamento
Svizzera
2 ore

Sette settimane in coma per colpa del coronavirus

Colpito mentre era sanissimo, il 43enne scrittore svizzero Jonas Lüscher è stato posto per sette settimane in coma artificiale.
Svizzera
2 ore

Exit: niente eutanasia per gli svizzeri all'estero

Il cambiamento è dovuto alle difficoltà burocratiche esistenti in vari Paesi e ai limiti imposti dalle leggi locali
Svizzera
4 ore

Falò per ricordare la minaccia che incombe sulle vette

Regione alpina sotto costante pericolo per via del riscaldamento climatico. L'Iniziativa delle Alpi si impegna per ridurre il carico di CO2
Svizzera
4 ore

Berset: 'l'incertezza covid-19 ha reso gli svizzeri più tesi'

Il ministro della sanità federale ne parla in un'intervista alla NZZ am Sonntag. L'umore dei cittadini elvetici è cambiato e i rapporti sono spesso polemici
Svizzera
5 ore

Svizzera, ieri 182 nuove infezioni da Covid-19

Il totale delle persone colpite dal virus nel nostro Paese sale a 36'451. A livello mondiale i contagi sfiorano i 20 milioni, oltre 725mila i decessi
Svizzera
1 gior

Coronavirus, in Svizzera 182 nuovi casi nelle ultime 24 ore

Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'451. Nella giornata di ieri nessun nuovo decesso e altri sette ricoveri
Svizzera
1 gior

La firma del contratto per il vaccino è ‘un passo opportuno’

Il professor Alessandro Ceschi (Eoc) sull’accordo tra Ufsp e l'azienda statunitense Moderna che ‘assicura’ 4,5 milioni di dosi alla Svizzera
Svizzera
06.07.2020 - 16:010
Aggiornamento : 19:03

Obbligo della mascherina in Svizzera, primo giorno positivo

Mezzi pubblici, la maggior parte della popolazione rispetta le disposizioni. Ffs e Bls soddisfatte. Una mascherina con il "20 minuti" stamattina a Lugano

Il nuovo obbligo di indossare le mascherine sui mezzi pubblici sembra essere stato recepito molto bene dai cittadini in Svizzera. Fin da subito, la misura volta a frenare l'aumento dei casi di coronavirus è stata applicata dalla stragrande maggioranza dei viaggiatori.

L'obbligo concerne le persone sopra i 12 anni su treni, tram, bus, impianti di risalita e battelli su tutto il territorio, ha deciso mercoledì scorso il Consiglio federale. Le persone che si rifiutano di applicare la misura dovranno lasciare il mezzo alla fermata successiva.

Il giornale gratuito 20 minuti, nelle stazioni di Lugano, Berna, Losanna e Zurigo, ha distribuito una mascherina allegata al quotidiano. D'intesa con Coop e le Ffs l'obiettivo è quello di sensibilizzare i pendolari sull'importanza di indossare la mascherina. La distribuzione è avvenuta, in collaborazione con l'agenzia Promotion-Tools, lunedì mattina dalle 6 alle 9.30. Il tema ha avuto riscontro sui social con l'hashtag #teammask.
il tema viene affrontato anche sui social media.

Regola largamente rispettata

Fino dal primo mattino, secondo quanto hanno constatato corrispondenti dell'agenzia Keystone-ATS sul territorio, la nuova regola è stata largamente rispettata. A Berna, ad esempio, praticamente non ci sono stati utenti senza maschera su bus e treni regionali.

In molti comunque la toglievano immediatamente scesi e nell'attesa dell'arrivo di un mezzo non tutti la indossavano. A occhio, la differenza con la situazione "pre obbligo" era comunque enorme.

Lo stesso discorso si può fare per altre città elvetiche, come ad esempio Zurigo, Lucerna, San Gallo e Coira, ma anche per la Svizzera romanda. Nella capitale grigionese, a causa delle vacanze, il numero di passeggeri era comunque sensibilmente inferiore rispetto al solito.

Ffs e Bls soddisfatte

Le conferme delle sensazioni sul campo sono arrivate dalle due maggiori compagnie ferroviarie del Paese, Ffs e Bls, che si sono molto soddisfatte del comportamento dei viaggiatori: pochi erano i passeggeri non protetti.

Il personale ha informato chi non indossava la mascherina dell'obbligo di farlo, ha indicato a Keystone-ATS un portavoce delle Ffs. Questi non è stato in grado di dire se qualcuno è stato costretto a scendere dal treno poiché sprovvisto della necessaria protezione facciale. Da parte sua, anche la compagnia Bls ha osservato che solo pochi passeggeri non erano protetti.

Dall'allentamento delle misure di confinamento, la frequentazione dei mezzi pubblici ha ripreso a salire ed è quindi spesso difficile rispettare le distanze di sicurezza. Proprio per questo è stato necessario introdurre l'obbligo della mascherina, che era già raccomandata nelle ore di punta

Guarda tutte le 10 immagini
© Regiopress, All rights reserved