laRegione
Nuovo abbonamento
in-svizzera-da-oggi-mascherina-obbligatoria-sui-mezzi-pubblici
Svizzera
06.07.2020 - 07:350
Aggiornamento : 08:18

In Svizzera da oggi mascherina obbligatoria sui mezzi pubblici

Coronavirus: l'ordinanza del consiglio federale non prevede sanzioni, ma chi non la indossa potrà essere fatto scendere.

Dal oggi sui mezzi di trasporto pubblico in tutta la Svizzera si deve indossare una mascherina. L'ordinanza non prevede sanzioni pecuniarie in caso di inosservanza. Tuttavia, chi non la indossa possono essere espulsi alla successiva fermata del veicolo.

Il Consiglio federale aveva deciso mercoledì scorso di rendere obbligatorie le maschere per i trasporti pubblici come misura preventiva per contenere la diffusione del coronavirus. Si applica alle persone a partire dai dodici anni di età su treni, tram e autobus, ferrovie di montagna, funivie e navi. Fino a ora, ai mezzi pubblici è stato fortemente raccomandato di indossare una maschera durante le ore di punta. Tuttavia, questa raccomandazione è stata scarsamente seguita.

Sono possibili eccezioni per le persone che, ad esempio, non possono indossare la mascherina per motivi medici.

Quarantena all'ingresso dai paesi a rischio

Da oggi, inoltre, chi entra in Svizzera da zone ad alto rischio dovrà passare dieci giorni in quarantena. L'elenco contiene 29 paesi, tra cui Serbia, Stati Uniti, Brasile, Russia, Russia, Israele, Sudafrica e Svezia. I Paesi a rischio sono quelli in cui il numero di nuove infezioni per 100mila abitanti negli ultimi 14 giorni è stato superiore a 60. Le compagnie aeree e di autobus sono anche istruite a non trasportare passeggeri malati.

Fino a 10mila franchi di multa

Le persone devono presentarsi alle autorità cantonali entro due giorni dall'ingresso in Svizzera. Chi non lo fa, è passibile di una multa fino a 10mila franchi ai sensi dell'articolo 83 della legge sulle epidemie. In caso di violazione per negligenza, la multa massima è di 5mila franchi.

Non vi è alcun diritto al salario per i dieci giorni di quarantena, poiché si tratta di una "assenza autoinflitta", come ha dichiarato la settimana scorsa il direttore del datore di lavoro Roland Müller nel notiziario della televisione svizzera Srf.

© Regiopress, All rights reserved