l-esercito-cede-accantonate-le-nuove-strutture-al-sempione
Le Camere federali avevano approvato il progetto da 30 milioni di franchi (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
13 ore

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
Svizzera
16 ore

Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere

L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
17 ore

Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza

Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
18 ore

Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica

Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
18 ore

Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento

Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
19 ore

Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia

Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
16.06.2020 - 16:43

L'esercito cede, accantonate le nuove strutture al Sempione

Armasuisse Immobili ha deciso di ritirare la domanda di costruzione per l'ampliamento dell'infrastruttura sulla piazza di tiro del armasuisse

D'intesa con l'esercito, armasuisse Immobili ha deciso di ritirare la domanda di costruzione per l'ampliamento dell'infrastruttura d'istruzione sulla piazza di tiro del passo del Sempione. Il progetto aveva suscitato la reazione stizzita di numerosi privati e organizzazioni ambientaliste. Il tutto sarà ora rielaborato.

Nel quadro del Messaggio sugli immobili 2018, le Camere federali avevano approvato il progetto da 30 milioni di franchi, ricorda in una nota odierna armasuisse, l'Ufficio federale dell'armamento. La piazza di tiro sul colle vallesano è la più importante per la formazione di reparto dell'artiglieria. È l'unica sulla quale si può sparare su lunghe distanze e con la maggior parte dei tipi di munizioni.

L'anno scorso, durante il periodo di deposito pubblico della domanda nell'ambito della procedura militare di approvazione dei piani, l'ampliamento delle infrastrutture si è scontrato con una serie di opposizioni, ben 31. A farsi sentire, oltre a privati, sono state associazioni come BirdLife, Pro Natura e WWF.

A loro avviso, lo studio di impatto ambientale era lacunoso e basato su dati insufficienti. Era previsto che i nuovi impianti, pensati per agevolare le truppe in termini logistici ed economici, sorgessero in una zona in gran parte incontaminata, in mezzo a prati alpini e in habitat parzialmente protetti dove sono presenti specie animali e vegetali in via di estinzione. La regione inoltre riveste un ruolo fondamentale per gli uccelli selvatici.

Le riserve espresse hanno riguardato in particolare opere quali il circuito degli obici blindati, nonché le dimensioni e il progetto del nuovo edificio amministrativo. Dopo averle esaminate, le forze armate hanno optato per il ritiro della domanda di costruzione.

La vicenda però non finisce qui. Tenendo conto del fatto che le richieste degli opponenti non possono essere soddisfatte apportando piccole modifiche, armasuisse Immobili ha avviato una fase di ottimizzazione con il coinvolgimento della controparte e delle autorità per verificare possibili migliorie e inviterà in autunno a un tavolo di collaborazione.

Inoltre chiederà il parere della Commissione federale per la protezione della natura e del paesaggio (CFNP). Inevitabili i ritardi sulla tabella di marcia: la nuova richiesta di costruzione, a cui seguirà un'altra esposizione pubblica, sarà depositata nella primavera del 2021.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved