misure-di-polizia-antiterrorismo-un-flirt-pericoloso
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
40 min

Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima

Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
1 ora

La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere

Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
2 ore

Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato

Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
Svizzera
4 ore

Ai nastri di partenza la stagione delle fragole in Svizzera

Nelle prossime tre settimane ne saranno raccolte in Svizzera oltre 1’000 tonnellate, sufficienti per approvvigionare completamente il mercato
Svizzera
5 ore

Autorizzato l’abbattimento di una lince nell’Oberland bernese

Il felino, identificato dalle trappole fotografiche e dal tipo di ferite, in 12 mesi ha ucciso 15 animali da reddito nonostante le misure di protezione
Svizzera
16 ore

Forum economico, verso un accordo sul gas tra Berna e Berlino

Wef di Davos: Svizzera e Germania vogliono aiutarsi a vicenda in caso di crisi energetiche come quella scaturita dalla guerra in Ucraina
Svizzera
22 ore

Winterthur, 18enne gravemente ferito in un’esplosione in casa

La deflagrazione potrebbe essere stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta
Svizzera
23 ore

Attivisti per il clima arrivati a Davos, ma scarsa affluenza

I presenti hanno manifestato contro il World economic forum e chiesto che la natura e le persone siano di nuovo al centro dell’economia
Svizzera
1 gior

Wef 2022 all’insegna dell’Ucraina, presenti Scholz e Stoltenberg

Complessivamente saranno oltre 50 i capi di Stato e di governo che parteciperanno al World economic forum di Davos
Svizzera
1 gior

Ginevra, rissa in un bar degenera e partono degli spari

Stando alla Tribune de Genève i protagonisti della colluttazione di ieri notte sono membri di due bande rivali di motociclisti
Svizzera
1 gior

Automobilista ubriaco provoca un incidente e fugge

Il conducente è stato poi fermato dalla polizia nel canton Zurigo. Ieri sera aveva urtato una macchina ferma a un semaforo a Neuhausen am Rheinfall (Sh)
Svizzera
1 gior

Estate da record: ‘Potremmo raggiungere i 40 gradi’

Lo afferma Thomas Bucheli di Srf Meteo. Raddoppiato il numero di giorni estivi con più di 25 gradi.
Svizzera
1 gior

Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo

La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
1 gior

Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera

Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
1 gior

Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc

Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
2 gior

Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese

I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
2 gior

Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum

Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
2 gior

Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista

L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
2 gior

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
laR
 
15.06.2020 - 22:37

Misure di polizia antiterrorismo, un flirt pericoloso

Kastriot Lubishtani, del Centro di diritto penale dell'università di Losanna, sui provvedimenti più controversi del progetto di legge al vaglio del Nazionale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

L'armamentario giuridico e amministrativo per lottare contro il terrorismo va inasprito, quasi nessuno lo contesta. In Parlamento però le discussioni sui singoli provvedimenti sono accese.

Il progetto di legge sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (Mpt; il Consiglio nazionale doveva discuterne giovedì, ma nel frattempo la trattanda è stata stralciata dall'ordine del giorno) e la revisione del Codice penale volta ad attuare la Convenzione e il Protocollo addizionale del Consiglio d’Europa per la prevenzione del terrorismo (il Nazionale ne discute domani), sono stati bersaglio di dure critiche nelle scorse settimane. La Piattaforma delle Ong svizzere per i diritti umani ha esortato i consiglieri nazionali a rispedirli al mittente. L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani paventa "sostanziali violazioni dei diritti umani e fondamentali" in caso di attuazione dell'Mpt. E Dunja Mijatovic, Commissaria per i diritti umani del Consiglio d'Europa, ritiene che le misure amministrative previste da quest'ultimo al di fuori del procedimento penale nei confronti di un "potenziale terrorista" non offrano sufficienti garanzie giuridiche.

Due i provvedimenti particolarmente controversi: gli arresti domiciliari già a partire dai 15 anni di età; e la possibilità di intervenire a titolo preventivo (ordinando il confinamento in un determinato perimetro, ad esempio) contro bambini a partire dai 12 anni. La commissione preparatoria del Consiglio nazionale, oltretutto, ci ha messo del suo. Con 11 voti a 10 e 4 astensioni ha proposto di introdurre il carcere preliminare (o 'custodia di sicurezza') per "impedire in modo ancora più efficace gli attacchi effettuati da persone che costituiscono una minaccia riconosciuta". Un passo che né il Consiglio federale, né i 'senatori' (che in marzo hanno dato il loro beneplacito a entrambi i progetti) avevano osato compiere. La misura metterebbe la Svizzera sullo stesso piano dei pochi Paesi che la attuano (Israele, India e Stati Uniti: Guantanamo, ricordate?). Molti esperti la reputano incompatibile con lo Stato di diritto e la Convenzione europea dei diritti dell'uomo (Cedu). 

Degli aspetti più dibattuti del progetto Mpt 'laRegione' ha parlato con Kastriot Lubishtani, dottorando al Centro di diritto penale dell'Università di Losanna, co-autore (assieme a Hadrien Monod) di un'analisi critica del disegno di legge apparsa nell'ultimo numero della rivista 'Sécurité & droit'. 

Una "massiccia intrusione nei diritti fondamentali": così definisce le misure previste Daniel Moeckli, professore di diritto pubblico all'Università di Zurigo e già relatore speciale dell'Onu sui diritti umani nella lotta al terrorismo. Condivide?

Dal profilo dei diritti umani e delle garanzie fondamentali, ci sono tre aspetti problematici. Il concetto di "potenziale terrorista" è molto, molto vago. In sé non sarebbe un grosso problema, se fossero previste adeguate garanzie procedurali a titolo compensatorio. Ma non è il caso. Ed è il secondo punto: tutte le misure, salvo gli arresti domiciliari, possono essere disposte dalla Polizia federale (fedpol). L'autorità giudiziaria interviene solo in caso di ricorso. Ciò è insoddisfacente, poiché solo i tribunali sono i veri garanti dei diritti fondamentali. Il meccanismo di ricorso previsto ha per effetto di creare una presunzione di pericolosità estremamente difficile da ribaltare. Terzo punto: taluni provvedimenti che comportano restrizioni estremamente importanti ai diritti fondamentali possono essere ordinati anche nei confronti di bambini già a partire dai 12 anni d'età. I minorenni hanno un 'loro' diritto penale, incentrato sull'educazione e la protezione. Qui invece assistiamo a un cambiamento di prospettiva: la priorità assoluta è la protezione della popolazione dal terrorismo, e questo a discapito persino dei più giovani.

Esigenza di sicurezza da un lato, garanzia dei diritti fondamentali dall'altro. L'equilibrio dunque non c'è in questo progetto di legge?

A mio avviso, su questa bilancia il piatto della sicurezza pesa decisamente di più. Intendiamoci: oggi qualsiasi Stato democratico deve poter adottare delle misure per lottare contro il terrorismo. Ma a questa minaccia, che mette in pericolo lo Stato di diritto, bisogna rispondere con le regole dello Stato di diritto, in maniera proporzionale. È proprio di fronte al maggiore dei pericoli che lo Stato di diritto dev'essere forte... ma anche fortemente inquadrato, perché la strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni. Nel progetto di legge Mpt, invece, è assai problematica l'assenza di garanzie procedurali che compensino questo 'flou' che contraddistingue concetti come "potenziale terrorista".

Gli arresti domiciliari e la custodia di sicurezza sono i due strumenti più incisivi. Daniel Moeckli sostiene che, probabilmente, neppure il meno intrusivo dei due (gli arresti domiciliari) è compatibile con la Cedu. Saranno i tribunali a correggere eventuali derive della politica nella lotta al terrorismo?

Va ricordato anzitutto che la custodia di sicurezza era stata esclusa dal progetto originario del Consiglio federale (così come nella versione adottata in marzo dal Consiglio degli Stati, ndr). La misura era stata giudicata problematica dal punto di vista dei diritti costituzionali e della Cedu. Ancora una volta: per entrambi i provvedimenti, l'assenza di garanzie è problematica. Nel progetto di legge sono definite in una maniera tale che un domani, quando verranno attuate, si rischia di non più restare nell'ambito del diritto amministrativo, ma di scivolare in quello penale. E quando si cade in quest'ultimo ambito, la persona che è oggetto di un'accusa penale deve poter beneficiare di garanzie particolari. Garanzie inesistenti nel progetto di legge. 

Con quali conseguenze sul piano dell'applicazione del diritto?

Così come sono previste, gli arresti domiciliari e la custodia di sicurezza appaiono come misure che sanzionano un comportamento. Del resto, la Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale si riferisce a quest'ultima come a una "sanzione". Vediamo bene, dunque, che non siamo più in un ambito di diritto amministrativo, non si tratta più 'soltanto' di misure di polizia, ma piuttosto di un dispositivo penale. Qui le misure di polizia di lotta contro il terrorismo flirtano costantemente col diritto penale, con misure restrittive forti e simili alla procedura penale, ma senza tutte le garanzie procedurali che quest'ultima implica. La custodia di sicurezza ha una forte connotazione penale e dev'essere imperativamente accompagnata dalle garanzie proprie alla procedura penale. Se una persona colpita da un simile provvedimento dovesse decidere di portare il suo caso a Strasburgo (sede della Corte europea dei diritti dell'uomo, ndr), probabilmente otterrebbe ragione e la Svizzera verrebbe condannata.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved