ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
2 ore

Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano

Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
3 ore

Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’

‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
Svizzera
6 ore

Il Nazionale vuole introdurre il reato di cyberbullismo

Approvata un’iniziativa parlamentare che modifica il codice penale dato che le protezioni legali attuali non sono sufficienti a proteggere le vittime
Svizzera
9 ore

Verso il condono edilizio dopo 30 anni per i rustici fuori zona

La mozione approvata da entrambe le Camere riguarda, per il Ticino, circa 2’000 costruzioni illegali secondo i numeri forniti dal ‘senatore’ Marco Chiesa
Svizzera
9 ore

Imposta minima Ocse, 75% del gettito va ai Cantoni

Alla Confederazione il restante 25%. Lo ha deciso oggi il Nazionale allineandosi così agli Stati.
Svizzera
16 ore

‘Una dinamica che si esaurisce? Io non sono ancora stanca!’

Governo a maggioranza latina, Giura, agricoltura, socialità: a colloquio con la ‘senatrice’ Elisabeth Baume-Schneider, candidata al Consiglio federale
ginevra
23 ore

Tariq Ramadan sarà processato per stupro e coazione sessuale

La procura aveva aperto un’indagine nel 2018: una donna aveva accusato Tariq Ramadan di averla sequestrata e poi aver abusato di lei nel 2008 in un hotel
cyberpornografia
1 gior

Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate

Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
global tax
1 gior

Imposta minima, divergenze tra i due rami del Parlamento

I punti riguardano le ripartizioni degli introiti: 75% ai cantoni per il Consiglio degli Stati, “solo” il 50% per il Nazionale
04.06.2020 - 13:02
Aggiornamento: 15:36

Il Nazionale vuole sconti del 60% per le pigioni commerciali

La mozione è stata accolta oggi dalla Camera bassa e passa ora al Consiglio degli Stati. Rytz (Verdi): 'È l'ultima possibilità per trovare una soluzione'

il-nazionale-vuole-sconti-del-60-per-le-pigioni-commerciali
Lo sconto dovrebbe riguardare tutto il periodo in cui è stata ordinata la chiusura da parte delle autorità (Ti-Press)

Ristoratori e gestori di altre attività che hanno dovuto sospendere il lavoro a causa del coronavirus devono beneficiare di uno sconto delle pigioni commerciali per tutto il periodo in cui è stata ordinata la chiusura da parte delle autorità. È quanto prevede una mozione adottata oggi dal Consiglio nazionale con 98 voti contro 84 e 2 astenuti.

Concretamente, ha spiegato la relatrice commissionale Regula Rytz (Verdi/BE) nel presentare l'atto parlamentare, le aziende dovrebbero versare al proprio locatore soltanto il 40% della pigione lorda per il periodo in cui sono costrette a restare chiuse a causa delle misure disposte dalle autorità, fino a un tetto massimo di 20'000 franchi. Le spese accessorie vanno comunque pagate integralmente, ha precisato l'altro relatore, Fabio Regazzi (PPD/TI).

Anche le aziende che hanno dovuto ridurre la propria attività potranno beneficiare di una riduzione. Per le pigioni comprese tra 15 e 20 mila franchi, le parti - affittuario e proprietario - possono decidere di non applicare il presente disciplinamento (clausola opt-out).

Si tratta di una misura studiata per evitare di assistere a un'ondata di fallimenti, ha spiegato Regazzi. Sono disposizioni sussidiarie, ha aggiunto, ricordando come eventuali accordi già conclusi tra le parti restino validi. Il Consiglio federale dovrà inoltre prevedere un fondo per i casi di rigore.

"È l'ultima possibilità per trovare una soluzione", ha aggiunto Rytz. La proposta di compromesso crea condizioni chiare ed eque per i casi in cui non è stata finora trovata una intesa amichevole. Secondo l'Ufficio federale di giustizia, inoltre, la mozione è compatibile con la garanzia della proprietà, ha sottolineato la bernese.

Una minoranza non ha condiviso queste argomentazioni e chiesto la bocciatura della mozione poiché reputa che la soluzione proposta costituisca un'ingerenza nei contratti di diritto privato. Si tratta insomma di una violazione della garanzia della proprietà sancita nella Costituzione. Mancano insomma le basi legali, ha ritenuto Olivier Feller (PLR/VD).

Christian Lohr (PPD/TG) ha poi fatto notare, invano, come a beneficiare della misura saranno anche grandi marchi internazionali presenti sulla Bahnhofstrasse di Zurigo che non hanno di sicuro bisogno di questi aiuti. Ne approfitteranno pure catene come McDonald's e Starbucks, ha aggiunto Feller.

C'è poi il problema dell'inuguaglianza di trattamento tra gli artigiani in affitto e quelli proprietari dei loro locali, ha aggiunto il vodese. La soluzione, considerando i tempi necessari per elaborare una modifica legislativa, non potrebbe in ogni caso entrare in vigore prima dell'estate 2021. Meglio quindi, secondo Feller, puntare sulle soluzioni concordate tra le parti.

Già durante la sessione straordinaria le due Camere avevano adottato delle mozioni sulle pigioni commerciali, non erano però riuscite a mettersi d'accordo su una soluzione. L'esame delle varie proposte è però continuato con l'obiettivo di giungere a un accordo entro la fine della sessione estiva. Questa nuova mozione, pur non perfetta, è una soluzione di compromesso che tiene conto dei diversi interessi in gioco, ha sottolineato Regazzi.

L'atto parlamentare passa ora agli Stati. Da notare che la Commissione dell'economia e dei tributi della Camera dei cantoni ha già depositato una mozione dal contenuto identico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved