ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 min

Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider

La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
3 ore

Con la Ue la via bilaterale resta la più vantaggiosa

È la conclusione a cui giunge la bozza del rapporto sul tema Confederazione elvetica-Unione europea adottato dal Consiglio federale
Svizzera
5 ore

‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’

Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
5 ore

Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne

A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
7 ore

Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse

L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
7 ore

Sorpasso a destra, non si rischia più la patente

Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
8 ore

‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’

A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
10 ore

La casetta in campagna sì... ma vicino a una città

Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
11 ore

Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto

Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
12 ore

Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura

Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
Svizzera
1 gior

Regolazione del lupo, Regazzi: ‘Era ora’, Gysin: ‘Andati oltre’

La modifica della legge federale sulla caccia permetterà ‘abbattimenti preventivi’. A Palazzo federale un dibattito acceso e opinioni agli antipodi
Svizzera
1 gior

Pensioni: novembre dal rendimento positivo, ma non nel 2022

Sarà difficile recuperare il rendimento negativo accumulato nei primi undici mesi. Dal 2006 solo tre anni con segno più
Svizzera
1 gior

Consiglio federale, la ripartizione dei dipartimenti

Ambiente, energia e comunicazioni ad Albert Rösti, Giustizia e polizia per Elisabeth Baume-Schneider
Svizzera
1 gior

Baume-Schneider, Rösti: l’en plein delle Franches-Montagnes

La regione della consigliera federale eletta esce due volte vincitrice. La ‘Question jurassienne’? Il bernese dice che lui l’aveva già chiusa
Svizzera
1 gior

Sfonda una siepe e finisce in una piscina: muore una 88enne

L’incidente, dai contorni piuttosto insoliti, è avvenuto a Clarens, nel Canton Vaud: vani i soccorsi per l’anziana conducente
laR
 
04.06.2020 - 06:30

Mascherine più efficaci di quanto si pensasse per la popolazione

Indossandole il rischio di contagio può essere 'ampiamente ridotto', indica un nuovo studio. Zanini (farmacista cantonale): è solo una delle componenti

mascherine-piu-efficaci-di-quanto-si-pensasse-per-la-popolazione
Ti-Press

C’è chi ne indossa una andando a correre in campagna, dove non incontra anima viva; e chi invece sta a volto scoperto sui bus quando sono affollati. In giro si vede un po’ di tutto. La sensazione è che in Svizzera - nonostante l’ampia disponibilità attuale del prodotto sul mercato - la popolazione fatichi non poco a seguire le ’nuove’ raccomandazioni delle autorità sull’utilizzo delle mascherine igieniche. Ora le conclusioni di uno studio pubblicato lunedì sull’autorevole rivista ’The Lancet’, e di cui ha riferito oggi la ’Nzz’, ne suggeriscono un impiego più conseguente: un team di ricercatori incaricato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) fornisce infatti indizi supplementari circa la loro effettiva utilità nel proteggere chi le indossa e gli altri dal Covid-19.

La questione rimane controversa, e di estrema attualità in questa fase avanzata del deconfinamento. Prima e durante il lockdown, l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) lo ha ripetuto un giorno sì e l'altro sì: l’utilizzo della mascherina igienica è raccomandato unicamente alle persone infette, che presentano sintomi o fanno parte dei gruppi a rischio, nonché agli operatori sanitari, ma non a chi è sano. Le mascherine - scriveva allora l’’Ufsp, invocando tra l’altro la mancanza di evidenze scientifiche che provassero il contrario - “non proteggono efficacemente una persona sana da un contagio virale delle vie respiratorie” e potrebbero “infondere un falso senso di sicurezza”, inducendo chi le indossa ad abbassare troppo la guardia, a dimenticarsi cioè le regole di protezione fondamentali (lavaggio e disinfezione regolare delle mani, distanziamento sociale).

Il ’nuovo’ messaggio

Con i successivi allentamenti del lockdown, e l’accresciuta disponibilità del prodotto sul mercato, la posizione delle autorità è evoluta. L’Ufsp raccomanda ormai di usare la mascherina se non è possibile tenersi a distanza di due metri dalle altre persone, in particolare sui mezzi pubblici. Bisogna inoltre indossarla se si usufruisce di un servizio per il quale il suo utilizzo è previsto dal piano di protezione settoriale (dal parrucchiere, ad esempio). Un uso generalizzato nello spazio pubblico continua a non essere raccomandato. Ma come ha fatto notare in aprile il farmacista cantonale Giovan Maria Zanini anche su queste colonne, “non raccomandare di usare le mascherine è una cosa ben diversa dal raccomandare di non usarle”. In altre parole: ognuno ha il diritto di fare come meglio crede, l’importante è che le indossi correttamente (non tenendo il naso fuori, tra l’altro).

Il messaggio ufficiale post-lockdown a quanto pare stenta a far breccia. In particolare fra gli utenti dei trasporti pubblici. In Ticino solo uno su cinque indossa la mascherina sui bus di Autopostale, Oltralpe uno su 20. E con l’estate alle porte, difficilmente le cose cambieranno. Questa scarsa propensione a proteggere gli altri, e quindi sé stessi, potrebbe però evolvere man mano che le lacune scientifiche verranno colmate.

Fino all'80% di rischio in meno

Un apporto in questo senso lo fornisce lo studio appena pubblicato sul 'Lancet'. Vi sono state analizzate oltre 200 indagini realizzate in diversi paesi sull’efficacia di mascherine, distanziamento sociale e misure di protezione degli occhi nella prevenzione dei contagi da Covid-19 e altri coronavirus. Per quanto riguarda le mascherine: senza, il rischio ’medio’ di contagio nelle situazioni analizzate è del 17%; con, del 3% circa (-80%) nel migliore dei casi. Le mascherine - al pari delle altre due misure protettive, in particolare il distanziamento sociale di almeno un metro, meglio però se di due - possono dunque contribuire a ridurre in maniera significativa il rischio di infezione, scrivono gli autori. Le situazioni però non sono del tutto paragonabili (alcuni studi riguardano il settore sanitario, altri lo spazio pubblico in generale); e sono diversi i tipi di mascherina considerati. Gli stessi ricercatori mettono in guardia: servono ulteriori indagini per comprovare l’effettiva efficacia delle mascherine igieniche.

Anche Giovan Maria Zanini invita a non sopravvalutare la portata delle conclusioni dello studio: “Nelle ultime settimane - spiega il farmacista cantonale a ’laRegione’ - è uscita tutta una serie di studi scientifici, più o meno autorevoli, sulle mascherine protettive. Indicano per lo più che queste sono efficaci non soltanto per il personale sanitario, ma anche per la popolazione in generale. Una conclusione alla quale era giunta tra l’altro in aprile anche la task-force di esperti della Confederazione, che aveva addirittura riscontrato sufficiente evidenza perché potessero essere raccomandate”. La mascherina, però, è “soltanto una delle componenti del successo” nella lotta alla pandemia: “Da sola - senza le regole igieniche e il distanziamento sociale - serve a poco”, puntualizza Zanini. A suo parere, l’aspetto "più interessante e accertato” dello studio pubblicato sul ’Lancet’ è piuttosto “la conferma che il distanziamento sociale è la misura più efficace, e che stando a due metri di distanza dagli altri ci si protegge meglio che a un metro. Quando proprio non riusciamo a farlo, come sui mezzi pubblici, allora mettiamoci tutti una mascherina!”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved