laRegione
Nuovo abbonamento
imprese-responsabili-controprogetto-in-conciliazione
Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
54 min
Zurigo, casa anziani in quarantena a causa del Covid. Due morti
Un dipendente (il primo ad essere risultato positivo al coronavirus) e sei residenti risultano infetti.
Svizzera
17 ore
In gommone sulla Limmat finiscono nella pericolosa cascata
Quattro donne trascinate dalla corrente verso la diga, tre si mettono in salvo, la quarta finisce nell'acqua tumultuosa
Svizzera
19 ore
Esercito svizzero ancora senza droni da ricognizione
La messa in servizio del nuovo modello HFE Hermes 900, appena acquistato, è in ritardo anche per colpa del Covid
Svizzera
20 ore
Marmotte scavano e rendono una diga instabile
In pericolo per i roditori la sicurezza della diga di ritenzione del bacino idrico del Tannensee, nel canton Obvaldo. Va trovata una soluzione
Svizzera
21 ore
Sedici ore per attraversare in bici la Svizzera da Est a Ovest
Dai Grigioni a Ginevra (ossia 500 chilometri) sulle due ruote, nuovo record per il vallesano Simon Ruff
Svizzera
23 ore
Coronavirus, 85 nuovi casi in Svizzera
Lo rileva l'Ufficio federale della sanità pubblica. Quattro in più i ricoveri ospedalieri rispetto a sabato
Svizzera
23 ore
Pesticidi nell'acqua Evian
Lo scrive oggi la SonntagsZeitung: sarebbe contaminata dal clorotalonil, comunque in modo inferiore ai limiti e non è nocivo alla salute
Svizzera
1 gior
Credit Suisse e pedinamenti: ci sono state negligenze
Stando a due sentenze, il cellulare di un investigatore privato è stato ottenuto illegalmente
Svizzera
1 gior
Web e criminalità, più richieste di informazioni a Google
L'anno scorso a essere interessati sono stati soprattutto conti di posta elettronica (gmail) e della piattaforma video Youtube
Svizzera
1 gior
Coronavirus, 108 contagi in Svizzera nelle ultime 24 ore
Stabile il numero di nuovi casi nell'ultima settimana. Per tre volte superata la soglia psicologica dei 100
Svizzera
2 gior
Gli svizzeri all'estero: 'L'iniziativa Udc prefigura una catastrofe'
Immigrazione 'moderata', la 'Quinta Svizzera' non ha dubbi: 'Mettere fine all'accordo limiterebbe la mobilità e avrebbe un impatto negativo sulla piazza economica'
Svizzera
02.06.2020 - 17:460

Imprese responsabili, controprogetto in conciliazione

Il Consiglio degli Stati insiste sulla sua variante 'light', senza clausola di responsabilità. Chi la spunterà nella conferenza di conciliazione?

Ci vorrà una conferenza di conciliazione per decidere che forma dare al controprogetto da affiancare all'iniziativa popolare "per imprese responsabili". Oggi il Consiglio degli Stati si è nuovamente espresso (28 voti a 17) per una versione 'light' che non istituisce obblighi più estesi di quelli previsti a livello internazionale, in particolare vigenti in seno all'Ue.

Con l'iniziativa, la cui raccomandazione di voto negativa è già stata approvata da entrambe le Camere, si chiede alle imprese con sede in Svizzera di rispettare anche all'estero i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali. Le società potranno inoltre essere chiamate a rispondere anche per gli atti delle aziende che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo.

Ritiro dell'iniziativa solo se la spunta il controprogetto del Nazionale

Nel marzo scorso, la Camera del popolo aveva deciso di mantenere la sua controproposta, che va più lontano rispetto a quella del Consiglio federale e degli Stati. L'obiettivo è fare in modo che il comitato che ha lanciato l'iniziativa ritiri il proprio testo a vantaggio del controprogetto.

La controproposta del Nazionale concerne solo le società più grandi (fatturato di oltre 80 milioni, utile di almeno 40 milioni e 500 dipendenti; devono essere soddisfatti almeno due di questi tre criteri) e limiterebbe la loro responsabilità civile alle loro filiali controllate direttamente. La proposta contiene anche una procedura di conciliazione obbligatoria tra le parti prima dell'avvio di una procedura penale.

'Compatibile con gli standard internazionali'

Oggi in aula, i 'senatori' hanno preferito sostenere il controprogetto elaborato dal governo che si limita a chiedere alle multinazionali di riferire ogni anno sulla loro politica in materia di diritti umani e che contempla anche doveri di diligenza in materia di lavoro minorile ed estrazione di materie prime.

Tale soluzione, è stato ripetuto in aula anche dalla Consigliera federale Karin Keller-Sutter, è compatibile con gli standard internazionali e preserva una certa sicurezza del diritto. L'iniziativa, invece, istituisce un elemento del tutto nuovo, ossia la responsabilità delle case madri di grosse imprese per i danni causati all'estero da società controllate economicamente, ma non a livello operativo.

Vi è il rischio, ha dichiarato la ministra di giustizia e polizia, che vengano avviati procedimenti giudiziari sia nel Paese in cui opera la controllata che in quello in cui ha sede l'azienda madre: tutto ciò non solo crea insicurezza giuridica, ma rischia anche di costare posti di lavoro.

'Stare al passo con l'evoluzione nell'Ue'

A nome di una minoranza, Stefan Engler (Ppd/Gr) ha difeso in aula la soluzione escogitata dal Nazionale, spiegando che sempre più associazioni economiche, sia in Svizzera che all'estero, chiedono a gran voce regole più stringenti per tutti. Anche l'Ue, a detta del 'senatore' grigionese, si sta muovendo in quella direzione. Insomma, secondo Engler "non si può ignorare questa evoluzione".

A nome delle commissione, Beat Rieder (Ppd/Vs) ha replicato che in seno all'Ue si discute molto del tema, ma che finora non è stato deciso nulla. Ci vorranno anni, insomma, prima che vengano emanate disposizioni obbligatorie per tutti gli Stati membri. Tuttavia, se ciò dovesse accadere, grazie al controprogetto la Svizzera sarebbe pronta ad adeguare le proprie disposizioni interne.

Il controprogetto, se accolto dal popolo in un'eventuale votazione popolare, è in sintonia con le stesse direttive europee (che sono raccomandazioni e non hanno carattere obbligatorio, come indicato da Rieder in aula) in materia di responsabilità delle aziende all'estero in materia di rispetto dei diritti umani e di protezione dell'infanzia.

© Regiopress, All rights reserved