laRegione
Nuovo abbonamento
Il bike sharing, ad esempio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore
Quindici anni al 'guru' del sesso che abusò di 18 giovani donne
Tribunale vodese condanna 66enne sedicente guaritore. Era stato arrestato grazie alla denuncia sporta da una delle sue vittime.
Svizzera
13 ore
Volevano arruolarsi nell'Isis: due persone a processo al Tpf
Depositato l'atto d'accusa nei confronti di uno svizzero e di uno svizzero-tunisino residenti in Romandia. Erano stati arrestati al rientro dalla Turchia.
Svizzera
15 ore
Urina contro un muro e viene picchiato, prestazioni Suva ridotte
Il Tribunale federale dà ragione all'assicurazione contro gli infortuni, che ha ritenuto che la vittima non fosse esente da responsabilità
Gallery
Svizzera
16 ore
Obbligo della mascherina in Svizzera, primo giorno positivo
Mezzi pubblici, la maggior parte della popolazione rispetta le disposizioni. Ffs e Bls soddisfatte. Una mascherina con il "20 minuti" stamattina a Lugano
Svizzera
19 ore
Calano i contagi in Svizzera, nel weekend in Ticino doppia cifra
Sono 47 i nuovi positivi al Coronavirus registrati in Svizzera nelle ultime 24 ore. Domenica erano 70. A sud delle Alpi, da venerdì, 10 casi
Ginevra
19 ore
Il consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet cacciato dal Plr
Lo ha deciso il comitato direttivo del partito a maggioranza schiacciante. Non era mai successo che un ministro in carica fosse estromesso
San Gallo
20 ore
San Gallo, nessuna speranza per i dispersi nel fiume Thur
Secondo i soccorritori i corpi dei due giovani caduti nella cascata sarebbero intrappolati sotto il flusso d'acqua
Svizzera
22 ore
Restrizioni per il Covid, logico tonfo dei pernottamenti
Il turismo ha risentito pesantemente delle misure adottate: a maggio notti in calo di quasi l'80% in Svizzera rispetto al 2019, del 72% in Ticino
Svizzera
02.06.2020 - 09:030
Aggiornamento : 10:11

Coronavirus: trasporti e mobilità da ripensare

Sondaggio indica che in futuro gli svizzeri vorrebbero usare meno i mezzi pubblici e di più quelli privati. Avanti il telelavoro

La pandemia di Covid-19 potrebbe lasciare un segno indelebile sulla mobilità nella Confederazione. Gli svizzeri in futuro vorrebbero utilizzare meno i trasporti pubblici a favore di mezzi privati e telelavoro. È quanto emerge da un sondaggio condotto dalla società di consulenza Deloitte Suisse, secondo cui le aziende di trasporto e le autorità dovranno elaborare soluzioni per coniugare i nuovi bisogni di mobilità e la protezione del clima. L'inchiesta - effettuata a metà aprile su oltre 1'500 lavoratori residenti e pubblicata oggi - rileva che per evitare il rischio di contrarre il coronavirus sui mezzi pubblici, numerosi cittadini elvetici preferiscono utilizzare l'auto, la moto, oppure continuare a lavorare da casa.  

I giovani scelgono auto e moto

Un terzo degli intervistati indica che in futuro, per gli spostamenti, utilizzeranno maggiormente la bicicletta, lo scooter elettrico oppure sceglieranno di andare a piedi. Un quarto afferma di voler usufruire meno spesso di treni, bus, tram o taxi, mentre il traffico individuale motorizzato segnerà un aumento generale. Oltre un quarto degli intervistati (26%) al di sotto dei 30 anni intende utilizzare più spesso l'auto, mentre il 29% la moto. Per la politica climatica della Svizzera, l'epidemia di coronavirus - e il conseguente aumento degli spostamenti con trasporti individuali a scapito dei mezzi pubblici - rischia di essere un vero e proprio schiaffo in faccia. Il sondaggio mostra tuttavia che ci sarà un incremento degli spostamenti a piedi o in bicicletta soprattutto nei centri urbani. Da ciò emergeranno dunque nuove rivendicazioni legate a infrastrutture più adeguate, ad esempio nuovi passaggi pedonali, piste ciclabili oppure una regolamentazione del traffico motorizzato nelle città.

Più biciclette elettriche e car sharing

A influire sulla mobilità dei cittadini in Svizzera, attualmente, è anche l'opportunità - o l'imposizione - del telelavoro. L'home office ha infatti l'occasione di farsi strada e le autorità dovranno prevedere e tenere conto di questa situazione anche in futuro, poiché ci sarà una tendenza sempre maggiore a lavorare da casa e ciò si rifletterà anche sulla pianificazione dei trasporti. Secondo Deloitte, alcuni progetti di infrastrutture dovrebbero essere ripensati o adattati alle nuove circostanze. Per tener conto di queste mutevoli esigenze in materia di spostamenti, le autorità e gli attori economici sono invitati a sviluppare concetti di mobilità flessibili e incoraggiare forme alternative, sostiene Deloitte, citando ad esempio il noleggio di biciclette elettriche o il car sharing. La tendenza a un maggior utilizzo dei mezzi privati a scapito dei trasporti pubblici "non dovrebbe tuttavia impedire alla Svizzera di raggiungere gli obiettivi di riduzione di CO2 previsti e di introdurre un'efficace tassa d'incentivazione", sostiene Reto Savoia, CEO di Deloitte Suisse, citato in un comunicato.

© Regiopress, All rights reserved