laRegione
Nuovo abbonamento
vaud-aperta-inchiesta-per-presunta-frode-su-crediti-covid
La procura ha avviato una vasta indagine (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
16 min
Coronavirus, in Svizzera altro giorno sotto i 100 contagi
Nelle ultime 24 ore se ne sono registrati 63. Nessun decesso a causa dell'infezione. I casi totali salgono a 32'946
Svizzera
28 min
Svizzera, raddoppiano i casi di encefalite da zecche
Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica l'incremento potrebbe essere dovuto alla meteo favorevole e al distanziamento sociale imposto dal Covid
Svizzera
1 ora
Zurigo, casa anziani in quarantena a causa del Covid. Due morti
Un dipendente (il primo ad essere risultato positivo al coronavirus) e sei residenti risultano infetti.
Svizzera
18 ore
In gommone sulla Limmat finiscono nella pericolosa cascata
Quattro donne trascinate dalla corrente verso la diga, tre si mettono in salvo, la quarta finisce nell'acqua tumultuosa
Svizzera
20 ore
Esercito svizzero ancora senza droni da ricognizione
La messa in servizio del nuovo modello HFE Hermes 900, appena acquistato, è in ritardo anche per colpa del Covid
Svizzera
21 ore
Marmotte scavano e rendono una diga instabile
In pericolo per i roditori la sicurezza della diga di ritenzione del bacino idrico del Tannensee, nel canton Obvaldo. Va trovata una soluzione
Svizzera
21 ore
Sedici ore per attraversare in bici la Svizzera da Est a Ovest
Dai Grigioni a Ginevra (ossia 500 chilometri) sulle due ruote, nuovo record per il vallesano Simon Ruff
Svizzera
1 gior
Coronavirus, 85 nuovi casi in Svizzera
Lo rileva l'Ufficio federale della sanità pubblica. Quattro in più i ricoveri ospedalieri rispetto a sabato
Svizzera
25.05.2020 - 10:150
Aggiornamento : 17:20

Vaud, aperta inchiesta per presunta frode su crediti Covid

Il Ministero pubblico vodese indaga su oltre un milione e mezzo di franchi trasferiti all'estero. Numerosi conti bancari sono stati bloccati

Il Ministero pubblico del canton Vaud ha aperto un'inchiesta su un presunto utilizzo fraudolento di fondi per il Covid-19. Oltre un milione e mezzo di franchi sarebbero stati trasferiti all'estero. Numerosi conti sono bloccati, indicano oggi la procura e la polizia cantonale in una nota congiunta.

Lo scorso 19 maggio nel canton Vaud è stata condotta una vasta operazione che ha portato alla perquisizione di alcuni locali e all'arresto di diversi cittadini svizzeri di origine turca. Essi sono sospettati di aver ottenuto in modo fraudolento crediti dalla Confederazione per fronteggiare la pandemia di coronavirus, indica il comunicato, precisando che è stata richiesta e ottenuta la detenzione preventiva per uno dei presunti colpevoli.

La procura ha avviato un'indagine per truffa, appropriazione indebita, amministrazione infedele aggravata, falsità in documenti, riciclaggio di denaro e contravvenzione all'ordinanza concernente la concessione di crediti e fideiussioni solidali in seguito al coronavirus.

Controlli limitati

Le segnalazioni alla giustizia vodese sono giunte tramite un rapporto dell'Ufficio di comunicazione in materia di riciclaggio di denaro (MROS), che è stato a sua volta avvertito da "un importante stabilimento bancario" che partecipa al programma volto alla concessione dei crediti.

"Diversi tipi di aziende sono coinvolte, soprattutto delle piccole e medie imprese", precisa il procuratore vodese Anton Rüsch all'agenzia Keystone-ATS.

I sospetti avrebbero ottenuti aiuti per diversi milioni di franchi da varie banche sulla base di false dichiarazioni, fuorviando gli istituti sul loro fatturato e approfittando dei limitati controlli.

Al momento oltre un milione e mezzo di franchi sarebbero già stati trasferiti all'estero, sebbene siano già state adottate misure per consentire il ritorno dei fondi, assicura la giustizia vodese.

Pochi casi sospetti di abuso

La facilità di accesso ai crediti in questione aveva già stuzzicato l'immaginazione di potenziali truffatori nel canton Zurigo. A metà maggio erano stati effettuati accertamenti su una trentina di richieste di credito.

Lo scorso 15 maggio la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) aveva rivelato che i sospetti di abuso erano solo 36 sulle 123'000 imprese in grave difficoltà che avevano ottenuto i crediti Covid-19.

Al programma di crediti partecipano 123 banche. Circa 123'000 imprese - fino a una decina di giorni fa - avevano ottenuto liquidità per circa 14,6 miliardi di franchi (sui 40 miliardi messi a disposizione della Confederazione) e l'ammontare medio dei crediti accordati era di 110'000 franchi. Per somme superiori ai 500'000 franchi e fino a 20 milioni ci sono solo poche centinaia di domande.

© Regiopress, All rights reserved