laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore
Quarantena per tutti i 60 dipendenti di un'azienda vodese
La misura riguarda l'intero personale della Favre Sa. Il suo amministratore: origine sicuramente esterna.
Svizzera
11 ore
Quattro cantoni seguono il Ticino: al massimo in 100 nei locali
Coronavirus, Basilea Città, Basilea Campagna, Soletta e Argovia riducono il numero massimo di avventori per sera nei ristoranti
Svizzera
12 ore
Sicurezza informatica, due dipartimenti federali bocciati
Si tratta del Dipartimento dell'interno (con solo il 37% dei servizi informatici 'blindati') e il Dipartimento dei trasporti (48%)
Zurigo
13 ore
Zurigo, sgominata banda giovani con alle spalle 70 reati
La polizia zurighese ha arrestato 14 delinquenti tra i 17 e i 33 anni (9 svizzeri, 5 stranieri) presunti autori di numerosi reati in 3 differenti cantoni
Svizzera
13 ore
Coronavirus: le imprese svizzere temono la seconda ondata
Lo rivela un sondaggio della Scuola universitaria professionale di Zurigo. Oltre la metà vede comunuqe migliorare la situazione finanziaria
Svizzera
14 ore
Coronavirus, in Svizzera ben 129 nuovi casi, ma anche più test
Torna a salire il numero di persone che sono risultate positive al coronavirus: il totale di infetti da inizio pandemia sale a 32'498
Svizzera
14 ore
Uomini e donne percepiscono l'ambiente in modo diverso
Lo indica la terza indagine sul tema realizzata dall'Ufficio federale di statistica
Svizzera
15 ore
Lupi in circolazione, Lumnezia potrebbe chiudere i sentieri
Il comune grigionese vuole proteggere gli escursionisti da possibili attacchi di bestiame e cani resi nervosi dai predatori. Anche la Greina è interessata.
Svizzera
15 ore
L'Agassizhorn non cambierà nome
Louis Agassiz era un razzista. Ma il Municipio di Grindelwald non vuole modificare la denominazione della montagna.
Svizzera
18 ore
Lavoro ridotto inferiore alle attese
La Seco spiega che in aprile sono stati versati 2,4 miliardi di franchi, mentre l'onere previsto era compreso fra 5 e 7 miliardi
Svizzera
18 ore
‘Mascherine gratis per beneficiari di aiuti sociali’
È quanto raccomanda a Cantoni, Città e Comuni la Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale
Svizzera
18 ore
Grigioni, i dati della pesca sono online
La piattaforma interattiva, per ora disponibile solo in tedesco, offre numerosi dati e informazioni
Svizzera
20 ore
Disoccupazione in calo nel mese di giugno
I dati della Seco indicano che il tasso è passato dal 3,4% di maggio al 3,2 per cento del mese scorso. In Ticino è il 3,6%
Svizzera
24.05.2020 - 17:570

Il turismo punta tutto sull'8 giugno

Dall'incontro con il Consiglio federale una prospettiva per la riepertura completa, campeggi inclusi

La situazione per il settore del turismo in Svizzera è sempre più tesa ma a partire dal prossimo 8 giugno potrebbe esserci un allentamento delle restrizioni. È quanto emerso dal secondo incontro avuto oggi a Berna tra i rappresentanti del ramo e una delegazione del Consiglio federale composta da Simonetta Sommaruga, Alain Berset e Guy Parmelin. Il governo si pronuncerà mercoledì sulle misure discusse.

In fin dei conti, tutte le persone interessate vogliono la stessa cosa: potersi godere una bella estate, ha detto Sommaruga all'agenzia Keystone-ATS al termine dell'incontro. Secondo la presidente della Confederazione, ci sono tuttavia degli accorgimenti da adottare.

Regna ottimismo

Al termine del dialogo odierno avvenuto tra le due parti regna un certo ottimismo. Il Consiglio federale, che si riunirà mercoledì prossimo, sembra aver inviato un chiaro segnale al comparto turistico. "A partire dal prossimo 8 giugno si potrà fare molto", ha detto il presidente della Federazione svizzera del turismo e consigliere nazionale Nicolo Paganini (PPD/SG). La stessa impressione l'ha avuta anche Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse, che oggi ha lanciato un grido di allarme per il settore della ristorazione.

L'obiettivo di questo secondo vertice tra governo e rappresentanti del turismo era di discutere sulle prospettive legate alle vacanze in Svizzera. Le varie organizzazioni prima dell'incontro hanno concordato che a partire dall'8 giugno devono poter aprire campeggi, impianti di risalita e anche la navigazione sui laghi.

I camping sono oggetto di discussione da tempo, poiché le capanne Cas, gli ostelli della gioventù, gli alberghi e il settore della ristorazione hanno potuto riaprire già lo scorso 11 maggio, a differenza dei campeggi. Il Touring Club Svizzero e Swisscamps - l'associazione che fa gli interessi dei camping svizzeri - chiedono da settimane una riapertura immediata.

Un primo vertice il 26 aprile

Lo scorso 26 aprile si era tenuto in primo incontro a cui avevano partecipato Sommaruga, Berset e Parmelin, nonché Svizzera Turismo insieme a undici rappresentanti di organizzazioni legate al turismo. In quell'occasione era emersa la possibilità di un allentamento - proprio a partire dall'8 giugno - delle misure restrittive e delle chiusure imposte.

Ciò ha fornito al settore una certa sicurezza e la possibilità di pianificare la stagione estiva, che quest'anno sarà caratterizzata soprattutto dal turismo interno con offerte destinate alla popolazione elvetica.

Nel frattempo, le Camere federali a maggio hanno approvato aiuti al turismo per 40 milioni di franchi. L'importo è destinato a consentire a Svizzera Turismo di realizzare campagne promozionali nel periodo 2020-2022.

Allentare i piani di protezione

Attualmente il settore alberghiero e turistico è in netta difficoltà, poiché molti stabilimenti rimangono chiusi, mentre chi riapre deve far fronte a una calo della clientela e a maggiori difficoltà logistiche a causa del piano di protezione da adottare per far fronte alla diffusione del coronavirus.

Ne emerge dunque un calo di redditività e di clienti che mette in pericolo la sopravvivenza stessa di numerosi operatori del settore. "È quindi indispensabile rendere più flessibili i piani di protezione", indica un comunicato, pubblicato al termine del vertice odierno, della Federazione svizzera del turismo a nome dell'Alleanza del turismo.

Oggi a Berna, i rappresentanti del turismo elvetico "hanno fatto capire che la situazione attuale non può durare a lungo dal punto di vista economico", precisa il comunicato, che chiede di riprendere le attività al più tardi entro il prossimo 8 giugno per l'inizio della stagione estiva.

Da "Stay home" a "Travel safely"

A disorientare ulteriormente i clienti, secondo l'Alleanza del turismo, è lo slogan "stay home" (stai a casa), ancora in vigore dall'inizio dell'epidemia. L'Alleanza propone al governo di modificare lo slogan nella raccomandazione "Travel safely" (viaggia in sicurezza).

Le discussioni si sono concentrate in particolare sugli assembramenti di più di cinque persone, al momento vietati. Secondo gli operatori, è necessario innalzare questo limite ad almeno 100 persone a partire dall'8 giugno 2020 e poi, in tempi rapidi, ad almeno 1000 persone.

"Queste misure sono decisive per il proseguimento dell'anno turistico 2020", così come l'apertura delle frontiere, aggiunge la nota.

"L'Alleanza del turismo" che difende gli interessi del comparto raggruppa la Federazione svizzera del turismo, GastroSuisse, HotellerieSuisse, Parahotellerie Suisse, Associazione svizzera dei manager del turismo, Associazione delle aziende svizzere di navigazione, Rete dei parchi svizzeri, Funivie Svizzere, Unione dei trasporti pubblici, Swiss Snowsports e Conferenza dei direttori degli enti regionali svizzeri del turismo.

© Regiopress, All rights reserved