il-consiglio-nazionale-approva-i-primi-aiuti-all-economia
Foto Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
8 ore

Novartis taglia 1’400 posti di lavoro in Svizzera

La riduzione degli impieghi riguarda il 10% dei posti occupati nella Confederazione
Svizzera
9 ore

In Svizzera +34% di contagi da coronavirus in sette giorni

Nell’ultima settimana sono stati registrati 33’108 casi. In terapia intensiva il 6% dei letti è occupato da pazienti Covid
Svizzera
10 ore

Giochi d’azzardo all’estero, appropriato il blocco alle reti

Lo ha stabilito il Tribunale federale, confermando il provvedimento imposto a tre fornitori esteri di simili servizi
Svizzera
10 ore

Assistenza ventricolare, 3 ospedali impianteranno i dispositivi

Mandato di prestazione per l’Inselspital e i nosocomi universitari di Losanna e Zurigo. A sollecitarlo erano state sette strutture
Svizzera
10 ore

Sottratti 3,2 milioni alle Ffs, condannati in quattro

Tre ex dipendenti giudicati colpevoli di truffa per mestiere, falsità in documenti e infedeltà nella gestione pubblica. Punito anche il complice
Svizzera
10 ore

L’iniziativa sull’allevamento intensivo è ‘inutile e costosa’

Secondo le stime della Confederazione, se accettata, provocherebbe spese aggiuntive tra 0,4 e 1,1 miliardi di franchi
Svizzera
12 ore

L’inflazione incombe sulla ristorazione svizzera

In Svizzera il fenomeno è ancora limitato rispetto all’area Euro. Ma c’è già chi, come la catena Starbucks, ha alzato leggermente i prezzi
Svizzera
12 ore

Aumentano gli incidenti gravi sulle strade svizzere

Nel 2021 sono stati 3’933, e in duecento casi con esito letale. In Ticino la proporzione più elevata
Svizzera
15 ore

Sempre più privati richiedono l’accesso a documenti ufficiali

L’anno scorso le domande di visionare questi atti sono state 1’385, il 16% in più rispetto al 2020. Accesso completo concesso solo in 694 casi
Svizzera
15 ore

Il Covid ha pesato sul turismo anche nel 2021: -43,9% di entrate

Rispetto al 2019 la bilancia segna un -605 milioni di franchi
Svizzera
1 gior

71 pecore precipitate nell’Oberland grigionese, sospetto lupo

Gli ovini sono caduti da una parete rocciosa alta dieci metri, 24 sono morti e 19 hanno dovuto essere abbattuti. Si pensa all’attacco di un predatore
Svizzera
1 gior

Aumenta il consumo degli oppioidi in Svizzera

Uno studio del Politecnico di Zurigo evidenzia come la vendita è cresciuta del 91 per cento, così come sono triplicate le chiamate a Tox Info
Svizzera
1 gior

Google inaugura una terza sede a Zurigo

La terza filiale si trova a pochi passi dalla stazione centrale, nella Europaallee. Il gruppo tecnologico americano impiega circa 5’000 persone in città
Svizzera
1 gior

Panne a Skyguide, le risposte attese per fine estate

Presentato il primo rapporto intermedio relativo al malfunzionamento che il 15 giugno aveva portato alla chiusura dello spazio aereo svizzero
Svizzera
1 gior

Riforma Avs, Berset difende la pensione a 65 anni per le donne

La riforma, secondo il consigliere federale, permetterebbe di stabilizzare le finanze dell’Avs per dieci anni e garantire l’attuale livello di rendite
Svizzera
1 gior

Il Kunsthaus fa luce sulle opere d’arte rubate dai nazisti

Il neopresidente della società che gestisce il museo vuole indagini sulla Collezione Bührle. Fra i dipinti un’opera proveniente dalle isole di Brissago
Svizzera
1 gior

Credit Suisse condannata a pagare una multa di due milioni

L’istituto bancario è stato condannato dal Tribunale penale federale di Bellinzona nell’ambito del processo sul riciclaggio di denaro della mafia bulgara
Svizzera
1 gior

Appello delle Ong: svolta energetica fattibile entro il 2035

Secondo le organizzazioni ambientaliste, l’espansione della produzione di energia solare potrebbe coprire la crescente domanda di elettricità
Svizzera
1 gior

‘La lingua dei segni va riconosciuta giuridicamente’

Lo chiede una mozione approvata dal Consiglio nazionale per il riconoscimento e la promozione delle tre lingue dei segni utilizzate in Svizzera
Svizzera
1 gior

‘Siamo testimoni di un cambiamento epocale’

La guerra in Ucraina ha sconvolto sicurezza svizzera ed europea, e avrà conseguenze a lungo termine sulla politica nazionale e internazionale
Svizzera
1 gior

Detenuto in condizioni illecite, per il Tf sentenza ‘scioccante’

I giudici di Losanna criticano la decisione del tribunale che riteneva prescritto il risarcimento a un uomo detenuto per 247 giorni in sovraffollamento
Svizzera
1 gior

Tre anni di carcere all’ex parroco col vizio del gioco

Sei i mesi da scontare per l’ex sacerdote di Küssnacht. Tra il 2009 e il 2018 aveva truffato oltre 70 fedeli per più di 3 milioni di franchi
Svizzera
1 gior

L’agire degli agenti è stato proporzionato e corretto

Archiviato il procedimento contro tre agenti dell’unità speciale della polizia argoviese, che nel 2019 avevano fermato un ricercato
Svizzera
1 gior

Morto cercando di recuperare un aeromodello

L’incidente è avvenuto sulla parete ovest del Tschuggen, in territorio di Mels. Un 64enne, precipitato per un centinaio di metri, la vittima
Svizzera
1 gior

Inciampa e cade per un’ottantina di metri: morta una 75enne

Finisce in tragedia un’escursione nella regione dell’Alpstein, nel canton Appenzello Interno. La vittima era in compagnia di familiari
Svizzera
1 gior

Squadra unica per l’obiettivo della svolta energetica

BirdLife, Greenpeace, Pro Natura, Fondazione Svizzera per l’Energia, Associazione traffico e ambiente e Wwf sul campo assieme. ‘Vantaggi per tutti’
Svizzera
1 gior

Forti temporali spazzano Giura e Basilea

Nottata di maltempo nella Svizzera nordoccidentale, ma danni relativamente contenuti. A Fahy ben 20,5 millimetri di pioggia in 10 minuti
Svizzera
2 gior

Swiss dovrà cancellare altri voli in estate e autunno

La causa è la carenza di personale. Secondo Lufthansa la situazione non tornerà alla normalità prima del prossimo anno
Svizzera
2 gior

‘Alcuni settori stanno gonfiando i prezzi senza motivo’

Lo afferma ‘Mister prezzi’. La Confederazione, però, sembra non avere i mezzi per fare controlli approfonditi
04.05.2020 - 17:31
Aggiornamento: 18:21
Ats, a cura de laRegione

Il Consiglio nazionale approva i primi aiuti all'economia

La Camera del popolo riunitasi a Bernexpo sostiene i crediti proposti dal Consiglio federale per Ipg, lavoro ridotto e asili nido. La discussione procede

È tuttora in corso al Consiglio nazionale il dibattito sui vari crediti proposti dal Consiglio federale per sostenere l'economia duramente toccata dalla crisi del coronavirus. La camera è chiamata a votare spese complessive superiori a 55 miliardi di franchi.

Mai prima d'ora il Parlamento si è pronunciato su crediti di tale ampiezza, ha sottolineato la relatrice commissionale Céline Widmer (SP/ZH). Non c'è mai stato un programma come questo, ha aggiunto il ministro delle Finanze Ueli Maurer.

Si tratta tuttavia verosimilmente solo di un primo passo, ha aggiunto il consigliere federale sostenendo che saranno probabilmente necessarie ulteriori misure. L'assicurazione contro la disoccupazione potrebbe infatti richiedere fino a 18 milioni di franchi in più: il deficit potrebbe raggiungere 30-50 miliardi di franchi.

Franz Grüter (UDC/LU) ha parlato di "dimensioni storiche". Se è stato possibile evitare gli scenari peggiori, la Svizzera ne subirà a lungo le conseguenze economiche. In questa situazione particolare, una politica finanziaria prudente rimane importante. Per questo motivo l'UDC ha chiesto di moderare gli aiuti nel settore culturale e rifiutare il sostegno agli asili nido.

"Il motore economico della Svizzera deve ora ripartire", ha sostenuto da parte sua Jacques Bourgeois (PLR/FR) a nome del gruppo PLR. Per il friburghese, malgrado i notevoli disavanzi che contraddistingueranno le finanze federali, il freno all'indebitamento non deve in alcun caso essere messo in discussione.

Il gruppo del Centro sostiene sostanzialmente le proposte del Consiglio federale, ma ritiene che i fondi pubblici non dovrebbero essere usati per mantenere in vita strutture obsolete, ha detto Heinz Siegenthaler (BDP/BE). Il centro chiede inoltre di subordinare il versamento degli aiuti all'interdizione di distribuire dividendi.

Il PS ha sottolineato da parte l'importanza della responsabilità per le imprese: "Non dobbiamo, da un lato, iniettare miliardi nell'economia e, dall'altro, dimenticarci chi fa e rischia di più in questa crisi", ha affermato Ursula Schneider Schüttel (FR).

La friburghese ha inoltre messo in guardia dal reagire agli elevati costi con pacchetti di risparmio. Secondo Gerhard Andrey (Verdi/FR), si potrebbe ricorrere alle riserve della Banca nazionale svizzera. Dal suo punto di vista occorre rendere l'economia più sostenibile e più resistente per essere pronti alla prossima crisi. L'ecologista ha anche invitato il plenum a non dimenticare l'altra crisi, quella ambientale.

Fideiussioni: 41 miliardi

Il Parlamento ha poi votato singolarmente le varie proposte di sostegno all'economia. Il maggiore impegno finanziario della Confederazione - 40 miliardi di franchi - è destinato alle fideiussioni per le imprese, soprattutto PMI, che potrebbero trovarsi in difficoltà per mancanza di liquidità. La Confederazione garantirà al 100% i crediti-ponte (crediti Covid-19) fino a 500 mila franchi e per l'85% quelli fino a 20 milioni.

Un ulteriore miliardo di franchi è destinato per garantire i crediti che scadono già quest'anno. Il Nazionale deve ancora discutere di due mozioni che chiedono rispettivamente di allungare da 5 a 8 anni la garanzia della Confederazione e di non prelevare alcun tasso di interesse scaduto il primo anno sui crediti-ponte fino a 500 mila franchi.

Lavoro ridotto: 6 miliardi

Il Consiglio nazionale ha poi approvato il credito di 6 miliardi di franchi destinati a rimpinguare il Fondo per l'assicurazione disoccupazione. Lo scopo è finanziare le indennità per lavoro ridotto (disoccupazione parziale), uno strumento che consente alle imprese di evitare i licenziamenti.

La misura, ha precisato la relatrice commissionale Widmer, permetterà di evitare di aumentare i contributi salariali. La somma stanziata oggi, ha poi aggiunto il ticinese Alex Farinelli (PLR), non sarà però sufficiente e non sarà pertanto l'ultima.

Il Consiglio federale ha esteso i beneficiari che possono godere di questo strumento e allentato alcune condizioni per farne richiesta, per esempio eliminando il periodo di attesa. Possono far capo alla disoccupazione parziale anche i lavoratori con contratti a termine o temporaneo, gli apprendisti e quei soggetti che la quarantena ha posto in una situazione difficile.

Indennità per perdita di guadagno: 5,3 miliardi

Altri 5,3 miliardi di franchi sono stati approvati dalla Camera del popolo per indennizzare, tramite le Indennità per perdita di guadagno (IPG), quei genitori rimasti a casa per prendersi cura dei figli dopo la chiusura delle scuole e per gli indipendenti la cui attività è stata chiusa dall'esecutivo. Riceveranno l'80% del salario, ma al massimo 196 franchi al giorno.

Potranno beneficiare delle IPG anche gli indipendenti che non sono interessati dal divieto di esercitare un'attività lavorativa se il loro reddito non supera i 90'000 franchi e la loro azienda subisce le conseguenze del coronavirus.

Materiale sanitario: 2,59 miliardi

Per acquistare mascherine protettive, respiratori e defibrillatori, il Nazionale ha approvato un credito di 2,59 miliardi, una parte della quale già liberata in precedenza dalle competenti commissione. Tale somma dovrà servire per procacciarsi guanti protettivi, disinfettanti, kit per eseguire test sul coronavirus e medicinali.

Tale voci di spesa comprende anche l'acquisto di un vaccino contro il Covid-19 per complessivi 50 milioni di franchi, malgrado un vaccino non esista ancora. Dieci milioni di franchi sono peraltro destinati alla "Coalition for Epidemic Preparedness Innovations" (CEPI), che vuole sviluppare un vaccino entro l'inizio del 2021.

L'UDC ha chiesto di ridurre di 600 milioni i crediti per l'acquisto di mascherine e respiratori. Per Franz Grüter (UDC/LU) il costo di taluni dispositivi, in particolare delle mascherine, sono calcolati in modo eccessivo. L'esercito paga tali prodotti 1.30 franchi al pezzo, ma ciò corrisponde al doppio del prezzo di mercato, ha sostenuto il lucernese.

In vista del confinamento servono molte mascherine, ha replicato Barbara Gysi (PS/SG). Non è inoltre immaginabile rischiare che il personale sanitario sia sprovvisto di protezioni. Non è poi detto che verrà spesa l'intera somma disponibile, ha precisato la sangallese convincendo il plenum.

Occorre insomma avere un certo margine di manovra, ha aggiunto Damien Cottier (PLR/NE) ricordando come i prezzi sono alquanto volatili. La proposta democentrista è così stata approvata con 136 voti contro 57.

Cultura: 280 milioni

I deputati hanno poi liberato 100 milioni di franchi come aiuto d'emergenza per le imprese culturali senza scopo di lucro e 25 milioni di franchi per gli operatori culturali. Alle aziende saranno concessi prestiti rimborsabili, qualora non dovessero ottenerli da una banca. Per gli operatori culturali, oltre all'indennità per lavoratori indipendenti, sono previsti aiuti finanziari d'emergenza per coprire le spese di mantenimento immediate.

Ulteriori 145 milioni di franchi sono destinati al risarcimento delle perdite, per esempio in caso di cancellazione di eventi. Il risarcimento copre al massimo l'80% della perdita finanziaria. La Confederazione sostiene la metà dei costi coperti dai Cantoni.

Altri 10 milioni sono destinati alle associazioni musicali e teatrali. Essi riceveranno un contributo finanziario per coprire i danni causati dalla cancellazione o dal rinvio di eventi.

L'UDC, per bocca di Pirmin Schwander (UDC/SZ), ha chiesto di ridurre fortemente all'aiuto per il settore culturale. I mezzi messi a disposizione per i lavoratori indipendenti e le PMI dovrebbero bastare per aiutare il settore, ha spiegato lo svittese. Per il democentrista non serve un aiuto ad-hoc.

Damien Cottier (PLR/NE) ha replicato ricordando che il settore culturale è stato uno dei primi ad essere colpito, con la proibizione delle grande manifestazioni decretato a inizio marzo. Le proposte del Consiglio federale, inoltre, tengono conto delle particolarità del settore e, ha fatto notare il neocastellano, sono sussidiarie agli aiuti cantonali. Al voto il plenum l'ha seguito bocciando tutti i tagli proposti dall'UDC.

Asili nido: 100 milioni

Contro il parere del Consiglio federale e dell'UDC, che ritengono il settore di esclusiva competenza cantonale, il Nazionale ha poi anche deciso, con 130 voti contro 60 e 6 astenuti, di sostenere con 100 milioni di franchi gli asili nido e altre strutture.

Questi fondi serviranno a compensare i contribuiti dei genitori che sono venuti meno. Il sostegno è necessario per evitare l'annientamento di anni di sforzi volti a promuovere l'accoglienza extrafamigliare dei bambini, ha precisato Christian Dandrès (PS/GE). "I cantoni dispongono dei mezzi finanziari per aiutare il settore, bisogna rispettare la ripartizione dei compiti", ha replicato, invano, il consigliere federale Maurer.

Sport: 100 milioni

Per mitigare la situazione critica in cui si trovano i club, le associazioni e le organizzazioni dopo la cancellazione di eventi sportivi sia amatoriali che agonistici, la Camera del popolo ha liberato 100 milioni di franchi, suddivisi a metà tra prestiti a condizioni agevolati e contributi a fondo perso.

Protezione civile: 23,4 milioni

Per l'impiego della protezione civile, il Nazionale ha liberato 23,4 milioni. Ciò corrisponde a 840 mila giorni di servizio a 27,50 franchi cadauno.

Sessione straordinaria: 4,1 milioni

Per coprire le spese per la sessione straordinaria in corso a Bernexpo, il Nazionale ha approvato un credito di 4,1 milioni. Lo sforzo logistico è notevole. Per i lavori parlamentari non serve solo il mobilio corretto, ma anche impianti per la diretta video e il voto elettronico, oltre che sale per le riunioni dei gruppi, luoghi per interviste e un adeguato sistema di sicurezza.

La proposta dell'UDC di ridurre di mezzo milione tali costi è stata bocciata. con 137 voti contro 56. Da notare che anche la sessione parlamentare di giugno si svolgerà negli spazi di Bernexpo.

Carne: 3 milioni

Dato che i ristoranti sono chiusi, attualmente si vende meno carne. Per evitare il crollo dei prezzi, la Confederazione sostiene lo stoccaggio della carne con 3 milioni di franchi. I fondi sono trasferiti all'interno del bilancio agricolo e sono quindi neutrali rispetto al bilancio. I comitati finanziari del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati chiedono che questo credito sia accettato.

Per sostenere l'industria della carne penalizzata dalla chiusura dei ristoranti, evitando così un crollo dei prezzi, la Camera del popolo ha approvato un sostegno pari a 3 milioni di franchi. I fondi sono compensati all'interno del bilancio agricolo e sono costituiscono dunque un aumento delle uscite.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved